Utente 544XXX
Egregi Dottori,

Vi scrivo poiché al momento sono bloccato su un traghetto e non toccherò terra prima di 10 ore e devo capire esattamente cosa fare una volta attraccato.

Ieri sera ho avuto un episodio di dolore acutissimo al testicolo dx. Un dolore mai provato prima, fortissimo e debilitante. Il dolore è continuato per circa 15-20 minuti per poi svanire gradualmente.

Premetto che episodi simili con dolore intenso (forse non così intenso) della durata di 2-3 minuti mi sono capitati spesso in passato e da sempre imputati a conseguenze della posizione o di abiti stretti. Tuttavia mai il dolore è durato così a lungo ed è stato così intenso.

Stavo per rivolgermi al PS quando la situazione si è calmata e il dolore è svanito.

Nessun altro sintomo percepibile o visibile.

Oggi tutto bene fino a poco fa, quando ho incominciato ad avvertire un fastidio, non direi particolarmente doloroso, che però insiste proprio sulla stessa area che ieri era particolarmente dolente. È come un senso di dolore da trauma passato (cioè come se avessi preso una botta tempo fa ed ho uno strascico) che però è apparso improvvisamente poco fa.

Io ora sono su un traghetto in mezzo al mare e devo capire se quando attracco devo trovare un PS e recarmi di corsa oppure se con calma i prossimi giorni devo solo chiedere un consulto specialistico (che comunque a questo punto direi è d'obbligo).

Alla vista e al tatto sembrerebbe tutto normale.

Grazie per il supporto
Cordialità

[#1]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,le consiglierei di consultare uno specialista per porre una diagnosi.V'é da escludere se vi sia stata una microtorsione del testicolo e/o valutare se vi siano condizioni predisponenti a nuovi episodi futuei.Eseguirà un ecocolordoppler scrotale e,successivamente,un esame seminale.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 544XXX

Gentile dottor Izzo,

Grazie per la celere risposta. Mi sono recato al PS appena arrivato e l'urologo di turno da un esame fisico ha escluso la torsione. Sempre con un esame tattile mi ha detto che poteva trattarsi di un epididimite (la fortuna di essere in Grecia è che almeno sui nomi delle patologie non serve traduzione).

Mi hanno poi mandato a fare un ecografia (non saprei se doppler la comunicazione in inglese era molto difficoltosa) e mi è stato fondamentalmente detto che è tutto ok (sono in attesa di una traduzione dettagliata del referto per stasera) ad esclusione di alcuni microliti minuscoli sul testicolo dolente e di ripetere l'esame nuovamente dopo un mese ma che non c'è traccia di epididimite.

Mi hanno dimesso con una prescrizione di antibiotici (ciproxin 500mg) per 10 giorni ma senza che io potessi capirne precisamente il motivo dato che non hanno menzionato alcun tipo di patologia.

Quando ho chiesto da cosa potesse dipendere questo dolore estremo ed improvviso del giorno prima la risposta è stata letteralmente "forse torsione e poi de-torsione". Nient'altro.

Sono riuscito a prenotare una visita urologica per la fine di questa settimana e spero che il medico possa analizzare nuovamente l'eco e darmi qualche delucidazione più esaustiva (oltre che parlare inglese ) in quanto l'urologo ha solo letto il referto scritto da chi ha effettuato l'esame senza voler visionare le foto.

Diciamo che la visita è stata abbastanza sommaria e la questione della barriera linguistica l'ha resa ulteriormente complicata. Vorrei capire se è normale prescrivere antibiotici in questa situazione e se di per sé questi microliti possono essere legati alla microtorsione di cui ha parlato.

Grazie mille per la disponibilità
Cordialmente

[#3]  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...esclusa la torsione,una terapia antibiotica potrebbe avere un senso,in presenza di uno stato infiammatorio con dolenzia. Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#4] dopo  
Utente 544XXX

Gentile dottore,

Grazie ancora per la risposta. Sono riuscito ad anticipare il consulto con l'urologo a dopodomani mattina perché questo dolore va e viene (e quando viene è molto molto intenso).

Nel frattempo, il medico che mi ha tradotto il referto mi ha sconsigliato di iniziare la terapia antibiotica prima della visita specialistica e a questo punto, visto che si tratta di due giorni ulteriori, direi che posso aspettare.

Il referto è stato tradotto così:

" testicoli sono simmetrici e si presentano simmetrici nella dimensione e la vascolarizazione, con presenza di flusso arterioso ed indici a bassa resistenza nell'esame.
Nel testicolo destro appaiono microcalcificazioni.
Probabile idrocele al testicolo destro.
ormale morfologia dell’epididimo.
essuna chiara patologia viene osservata dal controllo degli spermatozoi."

La traduzione non è perfetta ma sufficientemente chiara. Nessuno questa notte al PS mi ha parlato dell'Idrocele (che non sapevo nemmeno cosa fosse prima d'oggi) ma mi sembra di capire che l'eco debba essere necessariamente analizzata dall'urologo (mi verrà consegnato il CD-ROM già stasera). Mi sembra di capire che per il momento non ci sia nulla di allarmante e attenderò la visita specialistica. Tuttavia sono un attimo perplesso su queste micro calcificazioni perché non sono riuscito a capire tramite il medico di che si tratti ne se sia qualcosa che vada indagato ulteriormente. Se è d'accordo scriverò un aggiornamento dopo la visita urologica di mercoledì.

Grazie mille e cordiali saluti