Utente 253XXX
Gentili Dottori,

Sulla base di alcuni articoli letti qui sul forum, come [url=https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/2452-finasteride-effetti-collaterali-sulla-sessualita-e-sulla-fertilita-maschile.html]questo[/url] del Dott. Beretta, volevo chiederVi quali effetti collaterali possono insorgere a seguito della seguente cura (non ancora iniziata) con finasteride ed anti DHT per la mia AGA:
1. Proscar Finasteride 5mg - 1mg/giorno
2. Preparazione galenica da applicare 1 volta al giorno così formulata:
- minoxidil base 5%;
- progesterone 1%;
- ciproterone acetato 1%;
- acido retinoico 0,025%;
- 17 alfa estradiolo 0,025%;
- estrone base 0,025%;
- idrocortisone butirrato 0,08%.
La mia alopecia è adesso inquadrabile in classe 6 Norwood-Hamilton, quindi molto avanzata, ma la perdita dei capelli non è mai stata per me una questione di importanza vitale anzi tutt'altro e perciò me ne sono sempre disinteressato. Adesso voglio ponderare molto bene se cominciare la cura o no e perciò la mia domanda, così da poter valutare al meglio il rapporto tra i rischi a livello della sfera sessuale, cui tengo molto più dei miei capelli, e gli eventuali benefici dati dalla ricrescita degli stessi. Per ciò su cui mi sono potuto informare in merito agli elementi del composto, la cura dovrebbe risultare piuttosto "pesante" da un punto di vista ormonale, perciò vorrei anche capire se un domani dovrò anche farmi seguire da un andrologo necessariamente, preferibilmente o meno.

Vi ringrazio della cortese attenzione.
Distinti saluti.

[#1]  
Dr.ssa Nicole Romeo

24% attività
20% attualità
12% socialità
GUIDONIA MONTECELIO (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2018
Prenota una visita specialistica
La finasteride è un inibitore della 5alfa-reduttasi, l’enzima che catalizza la conversione del testosterone in diidrotestosterone. Al dosaggio di 1 mg per via orale viene impiegata nel trattamento dell’alopecia androgenica maschile. L’efficacia è stata dimostrata solo nell’alopecia lieve-moderata e in soggetti giovani (18-41 anni). Il modesto aumento del numero dei capelli al vertice viene mantentuto solo proseguendo il trattamento. Se il trattamento viene sospeso, i capelli ricadono di nuovo. L'assunzione del farmaco perciò deve continuare indefinitamente.

C’era una volta (e c’è ancora) la Finasteride, un farmaco approvato e largamente utilizzato per la cura della calvizie maschile più classica (alopecia androgenetica). C’era una volta un trentenne sano e giovane che iniziò a prendere quel farmaco per fermare la caduta dei suoi capelli. Ora, a quarant’anni, quell’uomo ha di nuovo i suoi capelli, ma non la sua erezione.

Per farla molto breve: nel 2003 iniziano a nascere i primi forum di giovani uomini che si chiedono se anche ad altri sta succedendo lo stesso: dopo aver assunto il farmaco che dovrebbe contrastare la caduta dei capelli, ecco spuntare capelli nuovi e, allo stesso tempo, gravi disagi, tra i quali la difficoltà nel raggiungimento e mantenimento dell’erezione e la notevole riduzione della sensibilità del pene. C’è chi, dopo aver sospeso l’assunzione del farmaco, e anche a distanza di anni, non ha risolto questi disagi e si ritrova, in qualche caso, del tutto impotente. Se la condizione sia transitoria o permanente ancora non è chiaro. Questo, comunque, è il nocciolo del problema.

Volevo solo i capelli

Alla fine del 2010 si presenta un paziente 0 (l’uomo di cui sopra, ndr). Un uomo di circa quarant’anni che appariva ansioso, con lo sguardo preoccupato e determinato a raggiungere un obiettivo. Era di media statura, normopeso, pallido con capigliatura castana senza segni di alopecia. Portava con sé una valigetta e in mano una serie di articoli e referti clinici. Non voleva una visita medica ma era interessato a entrare in contatto con persone attive nel mondo scientifico.

Il paziente aveva iniziato ad assumere Finasteride all’età di trent’anni continuando per svariati anni con la convinzione di assumere un integratore, fino a quando comparvero i primi sintomi: stanchezza, riduzione della massa muscolare, difficoltà a raggiungere e mantenere un’erezione, calo della libido, scarsa capacità di concentrazione, anedonia e tremori. Iniziò così il suo calvario fatto di visite mediche alternate a momenti di sconforto fino a pensieri suicidi. Precipitava la sua qualità di vita con ripercussioni sulla sfera affettiva relazionale e sulla sfera lavorativa. Le svariate indagini mediche condotte non avevano mai trovato nulla fuori range e questo non faceva altro che incrementare il suo senso di frustrazione e incertezza .

Pubblicato sulla rivista Andrology.
Uno studio ha descritto una condizione per nulla rara e definita così, la Sindrome Post Finasteride , ipotizzando un rapporto di causalità fra l’assunzione del farmaco e lo sviluppo dei sintomi di natura sessuale.

La ricerca è stata stimolata proprio dalla richiesta di quel paziente 0 che da tempo era iscritto a un forum che raccoglieva decine di testimonianze simili alle sue.
Proprio lui raccontò al gruppo di ricerca di questo forum internazionale propeciahelp.com nato nel 2008 come luogo di incontro virtuale, un terreno comune dove raccogliere esperienze di giovani italiani e stranieri che come lui manifestavano tali disturbi persistenti a distanza di troppo tempo dalla sospensione del farmaco.

La Finasteride è stata commercializzata nel 1997 al dosaggio di 1 mg al giorno per il trattamento dell’alopecia androgenetica e già nel 2003 nascevano i primi forum online di giovani consumatori che manifestato tali effetti collaterali.
Ma fu proprio la richiesta di aiuto di questo paziente 0 a fornire la motivazione che spinse a interessarsi all’argomento dal 2011 a oggi.

Sindrome Post-Finasteride: lo studio italiano nel dettaglio

Nel desiderio di indagare gli effetti sessuali indesiderati dell’uso della Finasteride, a breve e a lungo termine, il gruppo di ricerca delle Università di Udine e Trieste ha esaminato 79 pazienti, reclutati dal reparto di Urologia dell’Ospedale universitario di Trieste e attraverso un sito dedicato. Per il 34%, i pazienti erano italiani intorno ai 30 anni, tutti avevano usato la Finasteride per un periodo variabile da 1 a 120 mesi. Ognuno di loro, entro sei mesi dalla sospensione della terapia aveva presentato effetti collaterali persistenti.

Tutti i soggetti non presentavano alcuna patologia di base (obesità, diabete, patologie cardiovascolari, insufficienza renale, insufficienza epatica, disfunzioni ormonali, tumori ecc.), all’inizio dell’assunzione del farmaco, né al momento dello studio. Dopo una media di 44 mesi dal termine della terapia l’87,3% dei pazienti lamentava riduzione della sensibilità peniena, il 75,9% perdita di entusiasmo ed emozione verso la vita (anedonia), il 51,9% perdita di tono e massa muscolare. Riduzione della temperatura del pene, mitto eiaculatorio debole, difficoltà nel raggiungimento e mantenimento dell’erezione e deficit di concentrazione sono da annoverare fra i disagi più frequentemente riscontrati in questi giovani pazienti .

Lo studio ha definito per la prima volta in ambito medico il termine Sindrome Post Finasteride’, ovvero l’insieme di sintomi sessuali, psichici e somatici in pazienti che hanno assunto Finasteride per il trattamento dell’alopecia androgenetica persistenti dopo 6 mesi dalla sospensione del trattamento. Sono stati quindi identificati 10 sintomi sessuali, 4 somatici e 4 psichici specifici per tali pazienti .

Disturbi simili si erano talora riscontrati in pazienti anziani in terapia con Finasteride per ipertrofia prostatica benigna ad un dosaggio cinque volte superiore ma osservare una sintomatologia così importante in soggetti giovani, dopo mesi dalla sospensione della terapia ad un dosaggio di molto inferiore, (1 mg al giorno contro 5 mg al giorno), ha sorpreso notevolmente . Gli effetti a lungo termine, o ancor peggio permanenti, sono quelli che maggiormente preoccupano gli esperti: gli effetti a lungo termine si possono sviluppare anche solo dopo 1 mese di assunzione del farmaco e sappiamo che non sembrano esserci fattori prognostici che possano predire lo sviluppo della Sindrome Post Finasteride: nella maggior parte dei casi i sintomi si sono manifestati durante l’uso del farmaco (89.9%) e nel 62% dei casi sono peggiorati dopo la sospensione .

Emerge che i sintomi persistenti compaiono già durante l’assunzione del farmaco in circa il 90% dei casi. Una piccola percentuale di pazienti, il 7.6% li ha manifestati entro 1 mese dalla sospensione, il 2.5% dopo il primo mese dalla sospensione . Non è ancora noto in quanti soggetti questi sintomi diventino persistenti. Perciò servono studi prospettici a lungo termine per risolvere questo importante quesito.
Il "gioco "vale la candela?
Mia opinione è meglio accogliersi e lavorare sul look...la forma fisica ...la forma mentis
O eventualmente il trapianto.
Cordiali saluti
Dr.ssa Nicole Romeo
Medico Chirurgo
Specializzata in Psichiatria
Specialista Psicoterapeuta