Sindrome pene duro flaccido/ hard flaccid penis

Buongiorno, come ho riportato nei miei consulti precedenti, ho una fibrosi diffusa dei corpi cavernosi da 8 anni con erezione conservata ma difficoltosa, e problemi al pene di questo tipo: retrazione eccessiva allo stato flaccido, durezza dei corpi cavernosi a riposo, dolore diffuso in tutta l’asta, contrazioni continue del pene.
Ho effettuato 2 giorni fa una ecografia di controllo e visita uro-andrologica presso specialista della mia zona, il quale confrontando la situazione precedente non ha trovato nessun peggioramento a livello fibrotico, pero’ sente palpatoriamente i sintomi Che io lamento: ovvero durezza alla stato flaccido e mi ha parlato, fibrosi a parte, di questa possibile sindrome dell’ hard flaccid senza pero’ darmi una terapia perche’ dice che non si conosce e che non ha una cura.
Vi chiedo se ne siete a conoscenza e se potete indicarmi un possibile trattamento.
Vi allego anche un articolo che ne parla in maniera dettagliata.

https: //www. andrologiadeluca. it/sindrome-pene-flaccido-duro/
P.
s. Perdonatemi se allego un articolo esterno al sito ma e’ scritto da un vostro stimato collega.

Grazie.
[#1]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore
tutte le condizioni che portano ad una fibrosi del tessuto cavernoso si accompagnano con una difficoltà a conseguire una ottimale erezione e una difficoltà-impossibilità a mantenerla
le uniche soluzioni accettabili, al di là di alcune "fantasie" futuribili (tutte ancora da dimostrare) possono esser le PGE1 e la chirurgia protesica, semplice, senza rilevanti problemi
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo dottore, la ringrazio per la risposta.. l’ erezione e’ conservata ed e’ molto buona se aiutata da inibitori della fosfodiesterasi ... la fibrosi si e’ sviluppata 8 anni fa a seguito di priapismo ed inizialmente avevo i sintomi sopradescritti, ma dopo circa 4-5 anni sono andati via nel senso che non avevo piu’ nessun tipo di fastidio, ora da si sono ripresentati: sopratutto la durezza allo stato flaccido e il pene molto retratto ma l’ ecografia non ha mostrato nessun peggiormamento, ma allora cosa sono questi sintomi che oltretutto peggiorano dopo la defecazione? Da disteso e dopo diverse ore il pene torna morbido Come se fosse vuoto ma anche dopo un leggero massaggio , ma si contrae di continuo e da delle sensazioni fastidiose sopratutto negli slip e sono accentuate nello stare in piedi o da seduto, grazie!
[#3]
dopo
Utente
Utente
Nessun’ altro se le sente di darmi un parere? Ripeto i sintomi negli anni erano sparti a parte una leggera dolenzia post erezione.ma si sono ripresentati e sento a riposo continue contrazioni e doloretti alla palpazione, e come dicevo mi e’ impossibile portare slip.
[#4]
Dr. Diego Pozza Andrologo, Endocrinologo, Chirurgo generale, Oncologo, Urologo 14,5k 420 2
caro lettore
il meccanismo è abbastanza semplice
se ho una crisi di priapismo si verifica uno stato di ipo-ossigenazione del tessuto cavernoso che dovrebbe essere soffice come una spugna. L'ipo-ossignazione determina uno stato di sofferenza del tessuto cavernoso che guarisce con un tessuto ricco di collagene, fibroso, tanto da cambiare l'aspetto soffice del pene e altera i sottili meccanismi per cui il sangue affluisce regolarmente ed in rilevante entità dopo uno stimolo sessuale e porta alla occlusione delle vie venose di deflusso per cui il paziente non ha più la rigidità di prima e non riesce a mantenerla nel tempo. Se lei riesce ad avere una accettabile erezione con i 5PDEi tanto meglio, si potrebbe immaginare che nel tempo tale risposta potrebbe diminuire
cordiali saluti

Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#5]
dopo
Utente
Utente
L’ erezione e’ accettabile, se uso inibitori lo e’ molto di piu’, ma non sto facendo domanda sulla fibrosi, quello che non capisco e’ perche’ con il tempo ovvero dopo 6 anni il pene era tornato normale a livello di consistenza, e non avevo piu’ nessun problema, se non una leggera dolenzia , e il pene era tornato soffice e senza darmi nessun fastidio, adesso da qualche settimana mi si presentano questi strani sintomi ma all’ ecografia non vi e’ stato nessun peggioramento, io Vorrei capire cosa sono queste convulsioni con il pene che a riposo si muove controcendosi e cambiando continuamamente forma e dimensione, e sopratutto il tutto peggiora dopo la defecazione, che sia una infiammazione del pudendo?

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio