Ipp a 20 anni

Salve, ho 20 anni e da due mesi soffro di ipp, appena ho notato una "strozzatura" verso metà pene ho deciso di sottopormi ad un ecografia peniena ed è risultato che ho più placche e la più grande e di 17mm con curvatura verso sinistra di credo 15 20 gradi, cerco sempre di non buttarmi giù, avevo iniziato la prima seduta di onde d'urto (deciso dal mio urologo) quando poi è arrivata questa quarantena che ha bloccato tutto, per ora io sto cercando di utilizzarlo il meno possibile, mezza pasticca di cortisone al giorno e una bustina di peirosan (sempre prescritto dal medico) non ho alcun tipo di dolore in erezione ne problemi nei rapporti sessuali, però ultimamente ho notato una cosa, la strozzatura c'é, è sempre li, la placca non mi sembra ne più piccola ne più morbida, ma la curvatura mi sembra meno accentuata, non risolta, solo meno accentuata, ora quindi vi chiedo, potrebbe essere un inizio di guarigione spontanea?
può esistere una cosa cosi?
Chiedo a voi esperti in campo perché così almeno evito stupide illusioni, grazie in anticipo
[#1]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,8k 1,2k 1k
gentile lettore,

continui a seguire le indicazioni ricevute dal suo specialista di riferimento.
l'Induratio Penis Plastica (IPP) è una patologia complessa, generalmente a non rapida risoluzione ed è caratterizzata dalla formazione di placche fibrotiche all'interno della tunica albuginea del pene.

Questa malattia è facilmente associata a dolore e spesso a curvature anomale del pene durante l'erezione, nelle fasi più avanzate della malattia possono subentrare disturbi dell'erezione.
La causa della malattia è poco nota. Molti sono i fattori ipotizzati e spesso associati alla patologia. Tra questi i traumi sono ritenuti i più importanti, soprattutto i microtraumatismi che causano sanguinamento e successiva deposizione di fibrina con attivazione della normale reazione infiammatoria.

Altri fattori chiamati in causa sono quelli vascolari (aterosclerosi, ipertensione arteriosa) ed infettivi (uretriti, ecc.).

Un'osservazione che antigeni HLA della classe II sono più comuni in uomini con IPP fa ritenere molto suggestiva una causa autoimmunitaria.

Il disturbo erettivo interessa circa il 40% degli uomini colpiti dalla malattia di La Peyronie e le cause sembrano da imputare ad un problema vascolare di tipo arterioso, quando la placca allunga e assottiglia i vasi, oppure di tipo venoso per l'alterazioni dei normali meccanismi di occlusione venosa con conseguente aumentata fuga del sangue dai corpi cavernosi.

La malattia presenta un decorso molto variabile e a volte capita anche di osservare una risoluzione spontanea della placca. Per questo motivo il trattamento deve essere all'inizio di tipo farmacologico, conservativo con l'utilizzo di prodotti a base di vitamina E, farmaci antiinfiammatori ed antifibrotici (tra questi vi è il PABA, cioè l’acido parammino benzoato di potassio).

Sono state provate anche altre terapie come gli ultrasuoni, la diatermia, la laserterapia, le iniezioni intraplacca di farmaci antiinfiammatori.

Da ultimo solo a nodulo stabilizzato ed in presenza di gravi incurvamenti o disturbi dell'erezione ,può essere utile ricorrere ad un trattamento chirurgico che può prevedere l'inserimento di una protesi oppure l'uso di tecniche di chirurgia plastica che permettono l'escissione della placca stessa e la correzione dell'incurvamento.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica diretta rappresenta il solo strumento per poterle dare poi eventualmente, quando possibile, un’indicazione clinica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille dottore,leggo anche molto spesso di dottori che ritengono le onde d'urto spreco di tempo e denaro,mentre leggo anche di dottori fermamente convinti che siano utili ed efficaci nel bloccare l'avanzamento?può darmi delucidazioni a riguardo?grazie in anticipo
[#3]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,8k 1,2k 1k
Al momento per lei questa mi sembra un’indicazione non utile.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#4]
dopo
Utente
Utente
Invece dello xiapex cosa ne pensa ? Crede sia fattibile nel mio caso?(curvatura di 20 e leggera pressione durante l'erezione)
[#5]
Dr. Giovanni Beretta Andrologo, Urologo, Patologo della riproduzione, Sessuologo 54,8k 1,2k 1k
Anche questa è un’indicazione al momento non utile.

Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio