Si tratta di fimosi? è possibile fare sesso? con preservativo o no?

Sono un ragazzo di 24 anni.


Ho cominciato a masturbarmi all'età di 12 anni ma senza mai scoprire il glande, riuscendo comunque normalmente a trovare piacere ed a eiaculare.
Quando vedevo i video porno ho sempre visto i pornoattori con glande scoperto ma ho sempre pensato che il mio si sarebbe scoperto naturalmente col passare degli anni.
Perciò ho continuato sempre a masturbarmi senza scoprire il glande.


Un giorno verso i 15 anni decisi di provare a toccare il mio glande sentendo però fastidio, di conseguenza ho continuato a non scoprirlo per niente.


Le prime paranoie sono nate quando ho cominciato a frequentare delle ragazze.
Nel momento in cui si avvicinava la possibilità di fare sesso, avevo paura e interrompevo la relazione per paura di fallire e di avvertire dolore.


Recentemente ho deciso di approfondire la questione e leggendo su internet ho cominciato a pensare di avere una fimosi.
Inizialmente credevo fosse una fimosi serrata: infatti non riuscivo a scoprire il glande neanche con il pene flaccido.
Seguendo i consigli letti su internet, ho cominciato però a fare qualche esercizio per elasticizzare il prepuzio e in meno di 2 settimane sono riuscito a scoprire il glande completamente con il pene flaccido.
Nonostante ciò, quando provavo a toccare il glande avvertivo un dolore simile al dolore provocato da un ago sulla pelle.
Ho quindi cominciato a tenere quanto più tempo possibile il glande all'aria (sempre con pene flaccido).
Col passare dei giorni avvertivo sempre meno dolore nel toccare il mio glande e al giorno d'oggi se lo tocco non avverto quasi per niente dolore.
Però se provo a strofinare con le mani il glande, quel dolore si ripresenta leggermente (non come la prima volta che ho toccato il glande ma comunque un dolore leggero avvertibile).

Al momento ho quindi risolto il problema di scoprire il glande con pene flaccido ma non riesco a scoprirlo con pene eretto: infatti si scopre solo la punta del glande e la zona immediatamente attorno alla punta.
Ho pensato di effettuare gli stessi esercizi che ho fatto con pene flaccido anche da eretto per elasticizzare il prepuzio.
Il problema è che con pene eretto mi risulta più difficile perchè appena provo ad abbassare il prepuzio più del solito, avverto un dolore (dovuto alla non elasticità del prepuzio) che mi fa perdere l'erezione in poco tempo.


Magari può essere inutile ma fornisco anche le mie dimensioni: 17cm da eretto e 14.5 cm di circonferenza sempre da eretto.


DOMANDE:

1- Ho una fimosi non serrata?


2- il dolore simile al dolore dell'ago che avverto quando strofino il glande è generalmente collegato alla fimosi oppure si tratta di un altro problema?


3-Tutti quanti avvertono questo dolore nel strofinare il glande le prime volte?
In questo caso penserei sia più una questione di esercizio (cosa che non ho mai fatto visto che mi son sempre masturbato con glande coperto).


3- è possibile fare sesso con la fimosi?
con o senza preservativo?
Quale è la vostra esperienza?
[#1]
Dr. Francesco De Luca Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione 58 3 2
Gentile utente,

si tratta di fimosi non serrata.

Il dolore potrebbe essere correlato ala ipersensibilità del glande.

Non tutti avvertono questo dolore.

Si può fare sesso, meglio col preservativo poiché può proteggere il glande prepuzio da eventuali sollecitazioni.

Si può avere fastidio e/o dolore durante l'erezione o i rapporti che potrebbero compromettere le erezioni, causare microtraumi al livello del prepuzio ed ispessire la cute dello stesso , peggiorando quindi la situazione.

A parte il fai da te..., sarebbe utile una visita specialistica.

Saluti!

Dr. Francesco De Luca
Uro-Andrologo
www.andrologiadeluca.it

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per il riscontro.

Farò uno visita da uno specialista. sarebbe meglio contattare un urologo o un andrologo per questo caso specifico?

In base alla sua esperienza, cosa succede in questi casi? Ci sono possibilità di superare la fimosi non serrata e anche la ipersensibilità del glande? Oppure dovrò sempre conviverci con qualche accorgimento?
[#3]
Dr. Francesco De Luca Urologo, Andrologo, Patologo della riproduzione 58 3 2
Un chirurgo andrologo.

esistono diverse opzioni(mediche o chirurgiche ) che vanno affrontate con lo specialista una volta valutata la sua situazione specifica.
Saluti!

Dr. Francesco De Luca
Uro-Andrologo
www.andrologiadeluca.it

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio