Utente
Salve dottori,

È possibile soffrire di ginecomastia dopo 2 cicli di punture di Gonasi 1000?
In totale ne ho assunti in10.000 spalmati in due mesi.
Il fastidio è stato accompagnato da un leggero indurimento a sinistra del capezzolo.
Ho sospeso il gonasi da 5 giorni, ma oggi ho avuto un altro fastidio.
Ho avuto ginecomastia 10 anni fa, e mi hanno insegnato a riconoscerlo.
Sembra una cosa molto iniziale.
Il dolore e l'indurimento dovrebbero rientrare naturalmente?
Grazie mille.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

effetto collaterale non frequente ma ora bene risentire in diretta il suo andrologo di fiducia.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente, quando è possibile, anche una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore. Sentirò il mio andrologo a breve. Dopo Gonasi ho anche iniziato a sviluppare una forte acne sulla schiena e sul resto del corpo. C'è una correlazione?

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
[#4] dopo  
Utente
Salve dottore,

Il mio andrologo mi ha detto che mi prescrive tamoxifene per il capezzolo. Con tamoxifene avrò una regressione totale della ginecomastia?

Mi potrebbe spiegare perché mi è successo?

Grazie mille

[#5]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La ginecomastia e la relativa proliferazione del tessuto ghiandolare mammario è stimolata dagli estrogeni.

Si può ipotizzare che il farmaco, da lei preso, abbia determinato questa eccessiva produzione di estrogeni che generalmente non si verifica.
L’indicazione ad usare il Tamoxifene, che è un antiestrogenico, ha questo scopo terapeutico.

Diversi dati di letteratura indicano un tasso di risposta positiva al Tamoxifene che si aggira intorno al 50-80% dei casi, e i primi segni di miglioramento sono verificabili dopo circa un mese dall’inizio della terapia.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://andrologiamedica.org/prenota-consulto-online/
https://centrodemetra.com/prenota-consulto-online/

[#6] dopo  
Utente
Grazie dottore,

C'è un'altra questione che mi attanaglia: mi è stato prescritto Cialis 5 mg per due mesi come cura. Non so perché. Però ho notato che le erezioni con Cialis sono più forti delle erezioni che mi sembra di aver sempre avuto. È normale che con questi farmaci si arrivi a una "durezza" superiore?
Inoltre aumenta i tempi eiaculatori e l'erezione non scende neanche se termina la stimolazione visiva/tattile. Nella masturbazione senza cialis, se smetto con la stimolazione tattile, in pochi secondi inizio a perdere l'erezione, anche se gli esami ormonali sono nella norma e l"eco doppler è "perfetto".

[#7]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006