Utente 498XXX
Buoasera.in a dissezione aorta ascendente vengo operato di urgenza a febbraio del 2017 con la sostituzione dell'aorta ascendente ed emiarco. Dopo sei mesi eseguivo Angio TAC aorta toracica con m.d.c,il referto tra le altre informazioni parlava di persistente lievemente ridotta raccolta fluida a densitometria sovraidrica che si sviluppa circonferenzialmente intorno all'aorta ascendente in esiti di intervento chirurgico( diametri complessivi tenendo conto della aorta ascendente e della raccolta stimati circa 56 x 57 mm versus 78 x 71 mm circa ridotto l'addensamento del tessuto adiposo mediastinico). Dopo un anno Eseguo un'altra angiotac sempre con m.d.c dove il referto parla di INCREMENTO della raccolta fluida a densitometria sovraidrica( spessore max 15 mm). Volevo capire Intanto in cosa consiste la raccolta fluida a densitometria sovraidrica e se può essere rilevante l'incremento a distanza di un anno e mezzo dall'intervento. Inoltre sarei interessato a capire il follow up Ogni quanto sarebbe opportuno farlo, annualmente? Angio tac? Risonanza?Ringrazio anticipatamente per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Fabrizio Sansone

20% attività
16% attualità
0% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2012
Salve. La premessa di un risposta ad un quesito di questo tipo è una attenta valutazione delle immagini. La visualizzazione della angio tac è fondamentale per capire le caratteristiche della raccolta ed i suoi rapporti con la protesi vascolare. In primo luogo è fondamentale escludere che ci siano spandimenti di mezzo di contrasto (fuoriscita di sangue dalla sutura della protesi) e questo mi pare che lei non lo abbia riportato nel referto. In secondo luogo bisogna valutare i diametri della aorta residua e le caratteristiche del falso lume. Solo dopo aver valutato questi elementi ed aver visto che tutto sia a posto, si può considerare la raccolta periprotesica. Queste raccolte sono frequenti dopo interventi sulla aorta ascendente. In genere sono espressione di raccolte ematiche postoperatorie che generano processi infiammatori a distanza (la misura della densità di queste raccolte permette di capire la loro natura). In genere, sono raccolte di natura benigna. Sulla base delle misure della precedente angio tac che lei riporta (56×57 mm), mi pare strano che una raccolta di 15 mm sia in aumento. Le protesi in aorta ascendente hanno in genere diametri attorno ai 30 mm che aggiunti ai 15 mm di spessore attuale della raccolta, portano ad un diametro totale di circa 45 mm, quindi in riduzione (come è normale che accada a queste raccolte quando non sottendono altre problematiche). Può proseguire il follow up con la angio tac o, ancora meglio, con la risonanza mirata allo studio della aorta (rappresenta il gold standard). La cadenza dei controlli la deve stabilire con il suo cardiochirurgo di fiducia cui è fondamentale che si rivolga nel breve periodo. Solo dopo la attenta visione delle immagini si possono dare indicazioni certe. Resta sottinteso che è fondamentale uno stretto controllo dei valori pressori con target 120/80 mmHg e frequenza cardiaca attorno ai 60-65 bpm per stressare il meno possibile la aorta residua che probabilmente sarà anch'essa dissecata.
Cordialità
Dr. Fabrizio Sansone

[#2] dopo  
Utente 498XXX

Dott, Sansone la ringrazio molto per la sua risposta così dettagliata. Ho scritto questa richiesta di consulto perchè dopo l'angiotac a 6 mesi dall'intervento, l'ho fatta vedere al cardiochirurgo che mi ha operato (che tra l'altro guardando le immagini, fortunatamente mi ha riferito che non vede dissecazione dell'aorta residua), il quale mi ha consigliato di essere seguito nel tempo da un cardiologo, cosa che ho fatto, ma quando ho portato l'esito della seconda angiotac che abbiamo menzionato sopra al cardiologo, mi rimanda da un cardiochirurgo poichè sono valutazioni cardiochirurgiche. Dunque mi sono ritrovato senza risposte, sia della lettura del referto che di indicazioni del follow up. Le chiedo, mi consiglia di farmi seguire da un cardiologo o da un cardiochirurgo? I valori pressori li tengo sotto controllo, mediamente 110/60 , i battiti a riposo mediamente 50/55 bpm, ho ripreso a fare sport moderato( ho 45 anni) dove però arrivo anche a 115/120 battiti di media( limite datomi dal cardiologo dopo prova da sforzo.Mi consiglia di stare sotto a quella frequenza?La mia terapia è bisoprololo 5 mg una al giorno.Grazie ancora per la disponibilità.