Utente 403XXX
Salve medicitalia. Come potete verificare dai precedenti consulti, ho eseguito la procedura di esame elettrofisiologico con relativa ablazione. Subito dopo l'intervento, il medico (molto conosciuto e di fama) era super ottimista e mi ha detto che la mia tachicardia molto facilmente si risolve con l'ablazione e che la procedura è stata eseguita con successo. Oggi sono stata dimessa con la seguente diagnosi: ablazione tanscatetere mediante radiofrequenza di focus automatico e di via lenta nodale in paziente con tachicardia atriale automatica e dualità nodale. Alle dimissione il medico (diverso da chi ha eseguito la procedura ) mi ha sicuramente tranquillizzato ma ha aggiunto una cosa, ovvero che due sono state le ablazioni e che la tachicardia atriale è più resistente all'ablazione quindi solo il tempo potrà stabilire l'esito. La mia domanda è: quante possibilità ci sono che l'ablazione sia stata risolutiva? La tachicardia atriale è una tachicardia sopraventricolare? Aggiungo un particolare che forse però potrebbe essere poco tecnico, è stato ablato l'atrio destro (scusate per la terminologia elementare). Se occorre riporto il lungo commento della procedura. Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Tutto e' chiaro,. lei dovrebbe avere un ottimo risultato dalla procedura eseguita.
Ovviamente sara' il tempo a darci ragione

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 403XXX

Grazie mille. Sono veramente felice, speriamo bene. Buona serata.

[#3] dopo  
Utente 403XXX

Buonasera dottore, mi piacerebbe porle due domande se possibile. Dopo l'ablazione sono stata subito benissimo, nessun dolore o malessere. Sono tornata subito a lavoro. Mi è però capitato in due occasioni di avere "scariche di extrasistole" ravvicinate. Una singola extra mi ha spaventato e ne sono susseguite diverse nel giro di un minuto. Tutto normale vero? Giornalmente non extrasistole.

Seconda domanda: Da un bel po' ho messo nel cassetto il sogno di avere un secondo bambino proprio per questo piccolo problema. Quando posso considerarmi tranquilla nel pianificare una seconda gravidanza? Grazie per eventuali risposte.

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Puo' certamente programmare una gravidanza senza alcun problema.
Per cio che riguiarda le banali extrasistoli che lei ha segnalato le consideri come "scosse di assestamento".

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza