Utente 432XXX
Più di un anno fa, forse anche più, ma comunque sicuramente non di più di 2 anni fa, mentre riportavo delle legne, a piedi, in salita ed era bagnato, per far presto feci veloce e a un certo punto, stremato, ebbi una forte fitta, molto dolorosa, al petto, nella parte sinistra del torace in prossimità delle costole, dietro di esse, un dolore interno, non dolori intercostali. Mi fermai immediatamente, ero diventato bianco, ma poi il dolore si attenuò, dopo breve tempo, questioni di minuti. Così decisi di riposarmi, anche nei giorni successivi: uno, due giorni dopo sentivo ancora un po di dolore, ma diminuiva sempre di più e poi è scomparso. Dopo alcuni mesi, 2-3 circa, massimo 4, decisi di andare all'ospedale. Il dolore era scomparso, era rimasta solo un certo fastidio, ma non tutti i giorni, solo a volte, non legato a sforzi lavori ecc il fastidio era sopportabile, non mi impediva attività fisica, correre ecc ed era breve, scompariva molto velocemente. Capitava in genere la mattina appena sveglio, ma poco dopo , il tempo di alzarsi e finiva.non era tutti i giorni, anzi era molto raro, a volte dopo settimane dall'ultima volta. Non era più una fitta come quando successo o i primi due giorni, ma un semplice fastidio, come se avessi preso una botta al petto. Decisi di farmi controllare perché il dolore tornava di tanto in tanto, perché sembrava in una zona delicata (zona toracica), e perché il giorno che successe, avvertii come se qualcosa dentro si fosse "rotto", o spezzato, lesionato, quasi "ostruito" non so una vena un capillare, un'arteria, ecc. Fecero raggi, elettrocardiogramma ed ecodoppler e non risultò assolutamente nulla, il battito era regolare,mi dissero che quindi non era affatto un infarto, né un principio di infarto. ma ora ogni tanto questa presenza nel petto torna, sempre molto poco duratura, breve e poco dolorosa, anzi fastidiosa, spesso era un infarto, ma a me non era nulla, eppure sentivo che ci fosse qualcosa, non era un dolore passeggero, di giornata, era in seguito a uno sforzo, ho avvertito dentro una specie di trauma. Cosa può essere? E poi in caso di infarto o principio se ci fa un controllo (un elettrocardiogramma) parecchio dopo il malore, anche 4 mesi, si vede comunque? In un principio di infarto, ma il tempo che è passato ha aggiustato abbastanza da non far risultareai controlli, ma da restar il dolore? il riposo non cambia le cose, né gli sforzi: ho letto i sintomi di infarti e dice che riposo non lo attenua, ma per esempio non c'è stato nessun formicolio al braccio, differenza nel battito, quindi sembra un caso diverso il mio. A volte mi sembra di avere un scossa quando faccio un movimento strano (tipo girarmi del letto), a volte sento quasi un fastidio come se avessi un'ematoma al torace. Datemi consigli per favore, ormai è da due anni che va avanti la cosa che genere di controlli potrei fare ancora, non so quelli classici li ho fatti tutti e niente e risultato? Anche quelle del sangue ho fatto e niente di anormale....

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
non esiste un principio di infarto
e se avessero avuto il sospetto avrebbero dovuto eseguire una coronarografia.
ma non ha mai eseguito un ECG sotto SFORZO?

saluti

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 432XXX

Allora, no, quando andai al pronto soccorso mi fecero l'ECG a riposo, era allungato sul lettino e i raggi, e poi dopo qualche mese, un paio, feci un ecodoppler per stare sicuro visto che non l'avevano fatto ed era a pagamento, non di base. Crede sia il caso di farlo sotto sforzo? E se sì e dovesse dare esito negativo, che controlli supplementari dovrei fare? E poi soprattutto lei ha si è fatto un'idea di cosa potrebbe essere e di cosa sia successo quel giorno? La ringrazio per la risposta, anche sotto le feste.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Esegu un banale ecg sotto sforzo
Poi ne riparliamo se vuole

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 432XXX

salve.. tre giorni fa ho eseguito l ECD sotto sforzo ed è risultato tutto ok.. Allora cosa può essere dannazione? Ripeto non sono dolori intercostali che sono diverse e che ho avuto diverse volte durante partite di calcetto, è stato un dolore forte in seguito a un bello sforzo, uno sforzo eccessivo che mi ha come "rotto" o "lacerato" qualcosa dentro. ci engo a sottolineare che non sono un lamentoso che al minimo dolore si impaurisce, forse l'ultima volta che sono andato in ospedale è 10 anni fa e sono stato sempre in perfetta forma, ne mi sono rotto mai qualcosa ecc e sono uno che sa sopportare il dolore.. ma è un dolore frequente e eprsistente

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
sono dolori di parete, muscolari.
il suo medico Le potra prescrivere dei banali antinfiammatori
arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 432XXX

ma i dolori di parete, muscolari, come li definisce lei, che dovrebbero essere identici o comunque molto simili ai cosiddetti e più famosi dolori intercostali (correggetemi se sbaglio) si possono manifestare, per la prima volta, in seguito ad una grande sforzo? E, una volta accaduto una volta, è normale che si ripetano in qualsiasi momento della giornata, sia se è belli e tranquilli sia se si sta facendo sforzi, come un lavoro, attività fisica, ecc...?

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
esattamente, ed il suo medico potrà confermarglielo

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza