Utente
Buongiorno dottori,
Come scritto in altri post soffro di fa parossistica,pochi episodi tutti risolti spontaneamente.
Oggi mentre mentre facevo il barbecue e cucinavo sotto al sole ho avuto la frequenza cardiaca alta sui 108 battiti,li sentivo molto forti...era caldo e in più c'era il fuoco che mi scaldava,può essere normale un accelerazione così dei battiti in quelle condizioni?grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
che terapia sta ASSUMENDO?

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Grazie per l'attenzione,non assumo ancora terapie,sto attendendo visita per valutare.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
già due anni fa le consiglia una terapia anticoagulante orale una terapia antiaritmica preventiva della f.a.
in alternativa una ablazione
lei, così giovane , ha un rischio elevato di gravi Embolie


arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Ma gli episodi di fa sono stati pochi e brevi,il cardiologo ha preferito aspettare.
Ora sono io che ho richiesto un incontro per farmeli dare...ma l'episodio di oggi potrebbe essere una conseguenza del troppo caldo?
Grazie mille

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
il suo cardiologo aspetta che lei abbia un ICTUS?
faccia come crede.
di fatto ha poca importanza che ritmi lei abbia avuto oggi al barbecue.
il suo cardiologo dice che é normale
io le dico che dovrebbe assumere antiaritmica ed anticoagulante.
a cosa sia dovuta questa aritmia da lei segnalata é del tutto irrilevante.
l ha avuta.
punto

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente
Grazie.

[#7] dopo  
Utente
Mi scusi dottore,il cardiologo mi ha detto che il rischio di ictus c'è quando le fa durano molte ore dopo le 24 ore e non mi ha mai prescritto il coumadin perché ha molte controindicazioni e visto la frequenza e la durata in cui mi vengono le fa non ha ritenuto necessario la terapia...lei invece è molto convinto sul fatto della terapia,vedo anche in post di altri utenti che insiste molto su questa cosa...perché ci sono pareri discordanti tra medici?grazie

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
VEde sono proprio i pazienti come lei che hanno frequenti episodi di f a che sono maggiormente colpiti da ictus rispetto addirittura a ho è in f a cronica
Ciò è dovuto al fatto che paradossalmente il trombosi eventualmente formatosi in auricola embolizza al passaggio da f a a ritmo normale
Questo è scritto su tutti i libri

Ovviamente lei faccia ciò che crede
Il cervello è suo e non mio
Ma se chiede un parere devo esprimerlo

La saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente
Ho capito è la ringrazio.
Le chiedo se anche da un attacco tachicardia si possono formare dei coaguli?

[#10]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
E' molto difficile distinguere una banale tachicardia sinusale da un episodio di f.a. parossistica tachicardica, senza aver la possibilità' di registrare un ECG al momento.
Lei' e' un soggetto a rischio tromboembolico e pertanto le consiglio nuovamente
1- una terapia farmacologica antiaritmica per ridurre il più' possibile le recidive di f.a.
2- una terapia anticoagulante orale
3- meglio ancora un tentativo di ablazione

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente
Quando mi arriva l'fa la sento moltissimo.
Cercherò di seguire i suoi consigli,grazie come sempre del suo tempo.

[#12]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non cerchi di seguirli.
Li segua.
Io non ho alcun interesse a dirglielo , come comprendere'.
Ma nel 2017 c'e' ancora chi non avverte , come cardiologi , la necessita' dell'anticoagulante.
Tanto ci rimettono i pazienti, mica loro

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza