Utente 446XXX

Salve,sono un ragazzo di 18 anni e da quando ho circa 14-15 anni ,che mi sono reso conto di essere una persona abbastanza ansiosa,sopratutto per via della nascita di un sintomo a me allora sconosciuto ,l'extrasistole. Questo problema mi comparve intorno ai 14 e intorno ai 16 ci fu un periodo estivo dove iniziarono a darmi cosi fastidio e panico(mi capitava che me ne venisse anche 1 ogni 10 minuti) decisi di andare dal cardiologo. Il cardiologo mi fece dei test e controlli, (proprio il fatto di aver scoperto l'esistenza del test sottosforzo che non sono convinto al 100%) dicendomi che era tutto apposto,queste cose si chiamano extrasistoli ecc. Da quella visita mi tranquillizai moltissimo,tanto è che i sintomi diminuirono drasticamente fino ad arrivare ad averne solo per esempio 1 a settimana(comunque questo molto variabile). Ultimamente i sintomi dell ansia pero per qualche motivo sono tornati,sopratutto al cuore, rimangono sempre rare le extrasistoli (,che pero ultimamente stanno tornando),ma mi rendo conto di sentire il mio cuore che batte 24/24h ,come se battesse non piu veloce,ma piu forte. Lo sento proprio battere piu forte del dovuto,questo capita SOPRATUTTO quando faccio una piccola attivita e mi fermo di colpo(per esempio durante la masturbazione,oppure se sono steso e mi alzo di colpo e mi rifermo). Inoltre vorrei anche dire che ho un problema a cui non ho mai prestato particolare attenzione,alcuni giorni(molto di rado,forse 1 volta a mese massimo e neanche) ho dei dolori,specie di fitte con intensita variabile nel durante,che mi partono dal centro del petto trafiggendomi fino dietro la schiena. E un problema di cui soffro da veramente tanto tempo(non mi ricordo ma ricordo di eventi simili anche da bambino) e ho sempre pensato che fosse lo stress a causarlo. Le fitte possono durare circa 1-2 orette con intensita che varia da lieve a veramente fastidiosa avvolte. Cosa interessante è che se massaggio,il dolore si allevia(per esempio se massaggio il centro del petto il dolore al centro scompare durante il massaggio e si concentra sulla schiena,quando smetto di massaggiare pian piano si reirradia anche al centro petto). Dovrei preoccuparmi?

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Certo che deve preoccuparsi, caro signore, ma non per il suo cuore....
lei soffre fondamentalmente di nevrosi d'ansia e questa non va sottovalutata. Se non riesce a controllarsi da solo avrà bisogno di uno psicoterapeuta.
Tutti i sintomi che riporta non sono correlabili a problemi cardiaci.
Tenga presente che 1 extrasistole ogni 10 m' (QUANDO LEI RIFERISCE CHE NE ERANO TANTE) significa che ne aveva 6 all'ora, quindi 132 in 24 h cioè UNA GOCCIA NEL MARE.....
Perchè le extra siano da considerare numerose devono essere almeno il 10% dei battiti delle 24 h cioè almeno 10.000 al giorno.
Le sue extrasistoli sono benigne.
Si tranquillizzi
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#2] dopo  
Utente 446XXX

Grazie mille della risposta immediata,volevo dirle che non sono un tipo ANSIOSISSIMO ,semplicemente mi lascio un po' prendere a volte...comunque con questa sua risposta mi ha trasmesso particolare tranquillità,grazie mille.

[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Bene. Se ha bisogno ancora non esisti a contattarci.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#4] dopo  
Utente 446XXX

Salve dottore la ricontatto per vari problemi e lucidazioni. Innanzitutto ho notato che le extrasistoli sono piu frequenti con il caldo. Inoltre sto notando che durante sforzi(vado in palestra) ,o per spiegarci quando mi muovo e, quindiI inecitabilmente il battito cardiaco aumenta sento come dei vuoti a volte,che non riesco a definire bene poichè di brevissima durata e poichè il cuore è gia in lavoro non riesco ad ascoltare al meglio come quando sono fermo. Ho notato pero,facendo unse semplicissimo test in casa(correndo sula posto,) che non appena finita la corsa il cuore batte ovviamente veloce,queste sensazioni di vuotome le sento nel momento in cui il cuore inizia a rallentare ,è come se rallentasse prematuramente (mantenendo comunque un'alta forza ,lo sento sbattere molto forte al petto tant e che si vede il petto muoversi ad occhio nudo) allora nel momento in cui inizia a rallentare questa sensazione di vuoto credo sia dovuto ad un 'accelerazione secindaria in seguito al rallentamento come prematuro . È normale questa cosa?è tutto psicologico?dovrei fare un test sottosforzo?la prego dI darmi delucidazioni perchè sono preoccupato.

[#5] dopo  
Utente 446XXX

Vorrei inoltre rettificare che questa cosa da me spiegata rimane comunque una SENSAZIONE e non ne sono davvero sicuro al 100%, perchè rifacendo questo test in casa non mi è ricapitata la stessa sensazione. Il fatto è che una sensazione come di vuoto, difficile da spiegare, poichè molto lieve e poco duratura, Inoltre vorrei comunque chiedere se è normale che i battiti, dopo anche un piccolo sforzo, durante il rallentamento è come se aumentassero di intensita', di potenza , come se battessero piu' forte sul petto fino a far vibrare anche la gola.

[#6] dopo  
Utente 446XXX

Salve dottore la ricontatto per vari problemi e lucidazioni. Innanzitutto ho notato che le extrasistoli sono piu frequenti con il caldo. Inoltre sto notando che durante sforzi(vado in palestra) ,o per spiegarci quando mi muovo e, quindiI inecitabilmente il battito cardiaco aumenta sento come dei vuoti a volte,che non riesco a definire bene poichè di brevissima durata e poichè il cuore è gia in lavoro non riesco ad ascoltare al meglio come quando sono fermo. Ho notato pero,facendo unse semplicissimo test in casa(correndo sula posto,) che non appena finita la corsa il cuore batte ovviamente veloce,queste sensazioni di vuotome le sento nel momento in cui il cuore inizia a rallentare ,è come se rallentasse prematuramente (mantenendo comunque un'alta forza ,lo sento sbattere molto forte al petto tant e che si vede il petto muoversi ad occhio nudo) allora nel momento in cui inizia a rallentare questa sensazione di vuoto credo sia dovuto ad un 'accelerazione secindaria in seguito al rallentamento come prematuro . È normale questa cosa?è tutto psicologico?dovrei fare un test sottosforzo?la prego dI darmi delucidazioni perchè sono preoccupato.

[#7] dopo  
Dr. Mariano Rillo

48% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Caro signore
la mia opinione l'ho già espressa, anche se lei non l'ha colta adeguatamente....
Per me ha bisogno di uno psicoterapeuta. Quel che descrive non cambia affatto questa opinione.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica