Utente
Salve hho 54 anni e vorrei chiedere un informazione... Il mio aritmologo torna il 5 luglio e sono in fa ... Ho chiesto un ulteriore consulto ... E mi e stato prescritto un rx che ha rilevato aortosclerosi e un holter che ha rilevato battiti fino a 170 e un unico episodio di 38 bpm con pause da 2.5 max nelle ore notturne... Potro comunque prendere il cordarone?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Certo che puo' assumere il Cordarone.
L'importante e' che stia assumendo, ovviamente, anticoagulanti orali.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Se lei è in terapia anticoagulante è protetto dall'eventuale terminazione della fibrillazione atriale dovuta all'Amiodarone (che comunque continua ad agire per molti giorni dopo la sospensione). Pertanto è opportuno continuarlo, ma occorre anche verificare qual è il valore delle frequenze cardiache medie delle 24 h al fine di stabilire l'eventuale necessità di inserimento di farmaci per il controllo della risposta.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#3] dopo  
Utente
Ograzie per la pro ta risposta.... Sono in fa ora ma non sto prendendo il cordarone... La mia domanda era seppue con aortosclerosi e un episodio di bradiaritmia da fa con 38 bpm e pause fino a 2.5 max.... Con atrio sx di 44 mm e volume di 34 mlm2... Potro essere sottoposto a cve e successivamente cordarone? Oppure a causa della bradiaritmia nottura da fa mi sara vietato... Fc media 77...

[#4]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Mi scusi ma lei che terapia sta seguendo ora?
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente
Sto prendendo bisoprolo plaunazide e pradaxa... L aritmologo di padova ha supposto un eventuale cve con cordarone... Volevo sapere se con questi dati sara possibile?

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
LA cardioversione elettrica e' proponibile dopo almeno 4 settimane di terapia anticoagulante e di solito viene effettuata in corso di terapia con cordarone.
Sara' poi il suo cardiologo a decidere se interrompere il bisoprololo o meno.

Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente
Ma secondo lei e propinibile con questi dati seppur ci sia una bradiaritmia da fa? Ho letto che il cordarone accentua lo stato bradicardico

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Le ho gia' risposto di si.

la saluto

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Lei è giovane, ha un atrio sinistro non particolarmente ingrandito e se oltre all'obesità non ha altre comorbidità (ipertensione arteriosa, diabete ect) lei ha indicazione a eseguire un'ablazione transcatetere con RF al fine di tentare di eliminare completamente il problema aritmico. I farmaci non modificano l'evoluzione dell'aritmia verso la cronicizzazione con tutte le relative ripercussioni.
Per approfondimento posso consigliarle la lettura dell'art. https://www.medicitalia.it/minforma/cardiologia/1556-terapia-curativa-della-fibrillazione-atriale-info-per-paziente-e-medico.html.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#10] dopo  
Utente
Sono stato operato di una cardiopatia congenita due anni fa...quindi la bradiaritmia non costulituisce un problrma?

[#11]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Le pause che riporta sono durante fibrillazione atriale e notturne e i valori che riporta non sono da considerare preoccupanti. Può stare tranquillo per gli "aspetti" bradiaritmici della fibrillazione, mentre ancorpiù perchè è stato operato personalmente le proporrei l'ablazione della FA.
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#12] dopo  
Utente
Dopo essere stato operato e dopo aver ri iniziato la terapia con bisoprololo e comparsa della bradicardia notturna con bav iatrogeno 2:1 ... E la terza volta che compare la fa... Avro problemi?

[#13]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Il betabloccante non ha alcuna capacità antiaritmica diretta e agisce prevalentemente riducendo la capacità conduttiva anterograda del nodo AV. Personalmente lo sconsiglio per la prevenzione degli episodi di FA (tralaltro può trasformare una FA da sintomatica in clinicamente silente, peggiorando le cose) e può avere indicazione nel caso la FA viene considerata ormai permanente e quindi si segue una strategia di controllo dei battiti medi (ma per me non è questo il suo caso).
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#14] dopo  
Utente
Grazie infinite per la sia pronta risposta... Dall ultimo ecocardio e stato inoltre rilevato il ventricolo dx di di 47 mm e l aorta di 41 mm.... Fino al 5 luglio non vedro il mio aritmologo.... Ci sono dei rischi a rimanere con fa?

[#15]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Come le ho detto, se fa anticoagulanti orali, no.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#16] dopo  
Utente
Con una cardiopatia congenita corretta chirurgicamente piu fa sono a rischio d arresto cardiaco?

[#17]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
No, è fuori strada e credo a questo punto che ascolta poco quanto le viene detto. La paura non è una buona consigliera e aiuto solo ad essere confusi.
Saluti
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#18] dopo  
Utente
Il ventricolo destro pari a 47 mm e l aorta pari a 41 mm potranno impedire una eventuale cve?

[#19] dopo  
Utente
Inoltre il pneumologo mi ha diagnosticato una bpco a causa di un disturbo ostruttivo lieve.... Ci sono dei problemi con il cordarone?

[#20]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Potrebbero...ma non capisco perchè continua a porre domande se la mia opinione l'ho espressa con chiarezza. Lei può anche non condividerla, ma a questo punto la mia consulenza finisce qua.
Cordialmente
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica

[#21] dopo  
Utente
Gentile dottor rill l ablazione transcatetere e stata esclusa ain quanto portatore di una cardiopatia congenita

[#22]  
Dr. Mariano Rillo

52% attività
12% attualità
20% socialità
TARANTO (TA)
SAN GIORGIO DEL SANNIO (BN)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Le ablazioni possono essere fatte anche in cardiopatie congenite chirurgicamente corrette, ovviamente in centri di alta qualificazione e previa valutazione sul tipo di intervento fatto e sul tipo di cardiopatia congenita.
Dr. Mariano Rillo
Specialista in Cardiologia con Perf. in Aritmologia
Clinica e Elettrofisiologia Interventistica