Utente 401XXX
Gentili Dottori,
ho 47 anni, sono sedentario e sono in leggero sovrappeso. Non bevo e non fumo. Da molti anni soffro di extrasistoli ventricolari isolate monomorfe, ma solo in alcuni periodi mentre in altri esse sono completamente assenti. Io avverto tali extra con una sensazione di battito che manca e fastidio al petto. La pressione arteriosa è sempre risultata nei limiti della norma. Ho eseguito diversi accertamenti tra cui:
ECG normale: nella norma;
ECG sotto sforzo: nella norma;
RMN cardiaca con mdc: due piccole aree di fibrosi non ischemica a carico del setto inferiore e della giunzione infero-settale basale e il resto nella norma;
Eco color doppler cardiaco: lieve prolasso mitralico e rigurgiti lievi o minimi a tutte le valvole e il resto nella norma;
Innumerevoli Holter che evidenziano le extra ventricolari isolate monomorfe (max 200 al giorno), solo se eseguiti nei periodi in cui le avverto altrimenti tali esami risultano completamente negativi.
Nei periodi in cui ci sono le extra queste si manifestano prevalentemente durante le passeggiate, salita scale, i piccoli sforzi quotidiani insomma e non a riposo.
Adesso ho appena avuto l’influenza e, al terzo giorno di febbre a 39, il cuore ha cominciato a “saltare” sistematicamente un battito ogni 5, ma con sensazione di fastidio minima da parte mia. Tutto questo è durato circa una giornata per poi sparire da sé.
Volevo chiedere cosa si puó fare ancora per capire se il mio cuore abbia o meno un problema organico.
Vi ringrazio per il servizio che mettete a disposizione e Vi auguro buon lavoro.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il numero di extra dimostrate dai suoi Holter e' normale, cosi come gli altri esami che ha eseguito.
Con la febbre aumenta anche l'eccitabilita' cardiaca e pertanto possono aumentare anche di numero.
Data pero' la sua eta' e' opportuno che programmi un ECG sotto sforzo per valutare il comportamento di tali aritmie sotto lo sforzo

cordialita'


cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 401XXX

La ringrazio tantissimo dott. Cecchini. Provvederó quanto prima nel senso da Lei indicatomi.
Le auguro buon lavoro e un buon 2018.