Utente 487XXX
Salve, sono una ragazza di quasi 23 anni che si è operata all'età di 9 per un dotto di Botallo pervio. Operazione semplice, solita procedura per via percutanea con catetere.
Dopo l'operazione ho eseguito le visite obbligatorie (in tutto saranno state 5, la prima a distanza di un mese e poi sempre più in là e l'ultima visita l'ho eseguita quasi un anno dopo). In queste visite tutto regolare e nella norma. Dopodiché non ho più eseguito visite specialistiche, se non un Ecg tre anni fa risultato normale.
Recentemente però ho fatto una visita dal medico del lavoro (Per potermi abilitare ai tirocini) dove tramite ascultazione è risultato un piccolo soffio, che in realtà aveva notato anche il cardiologo della visita di 3 anni fa (dove l'ecg è risultato normale). Secondo il medico il soffio può essere dovuto all'operazione di chiusura del dotto fatta a 9 anni. È quindi fisiologico. So che dovrei fidarmi di un medico, ma non riesco a spiegarmi il motivo del soffio ecco perché chiedo un consulto a voi, un parere. Dovrei prenotare una visita cardiologica per sicurezza? E ci sono probabilità che il dotto si riapra dopo anni dall'operazione?
In più è stata riscontrata anche leggera tachicardia e pressione alta, ma questo era probabilmente dovuto al fatto di essere una persona ansiogena e quindi inconsciamente vado in ansia ogni qualvolta mi si misuri la pressione. Quindi non misurandomi spesso la pressione non so se effettivamente tendo ad essere ipertesa o è solo una situazione di ansia (credo più la seconda ahahah)
Ah, talvolta, anche se raramente, mi capita di avere la cosiddetta "fame d'aria", di solito quando sono distesa a letto e quindi non sottosforzo. Non mi porta gravi problemi, però sono costretta a respirare a bocca aperta e ad aspettare che passi.
Attendo pareri, grazie mille e buona serata :)

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L unico sistema per tranquillizzarla davvero è che lei esegua una ecocolordoppler cardiaco così ci mette una pietra sopra

Cordialità

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza