Utente 490XXX
Gentilissimi Medici buonasera.
Scrivo qua per chiedervi un consiglio. Ho 41 anni, faccio una vita abbastanza sedentaria anche se a volte faccio delle passeggiate. Sono una persona molto ansiosa e forse pure ipocondriaca.
Ultimamente ho notato che i miei battiti cardiaci, durante il giorno, stanno sempre leggermente sopra i 100 (da 100 a 108 bpm) accompagnati da lievi dolori al petto, mentre quando sono a letto scendono tra gli 82 e 90 bpm.
Il mio medico mi ha prescritto per questo mio stato ansioso EN gocce da prendere al bisogno (13-15 gocce) e sto prendendo del Pantoprazolo da 20 mg da circa un mese perché soffro di Reflusso Gastroesofageo.
Secondo la vostra esperienza, questo mio battito accelerato potrebbe derivare solo dalla mia ansia oppure sarebbe meglio fare ulteriori visite cardiologiche?
Il cuore potrebbe in qualche modo "danneggiarsi" in queste condizioni?
Ringrazio in anticipo per le eventuali risposte e un saluto.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
No, non si dannegglia.
Esegua un ECG secondo holter per valutare il comportwmento della sua frequenza notturna , ed un dosaggio degli ormoni tiroidei.

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Grazie Dr. Cecchini per la sua risposta.
Una curiosità: i primi caldi, soprattutto se improvvisi come quest'anno, possono influenzare il battito cardiaco?
Ancora grazie e mi scuso per il tempo che le faccio perdere.
Buona giornata.