Utente 498XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 24 anni cui, in seguito a delle anomalie non meglio specificate nell'ecg, è stata ipotizzata la patologia del Ventricolo sinistro non compatto, e, di conseguenza, ho eseguito una serie di esami che Vi riporto per avere un'eventuale conferma della diagnosi:

ECG
Ritmo sinusale alla frequenza di 66 bpm. Normale conduzione A-V. Lieve ritardo di conduzione I-V destro. Ai limiti inferiori la ripolarizzazione ventricolare.

ECOCARDIOGRAMMA
MONODIMENSIONALE
Diametro diastolico VS 56mm Diametro sistolico VS 39 mm
Spessore SIV 10mm Spessore PP 9 mm
Aorta 31mm Atrio SN 41 mm
Distanza E Setto 4mm Diametro diastolico VD 33 mm
Frazione accorciamento 30% Spessore VD normale

BIDIMENSIONALE
Massa Vs 206,9 ind: 108 Versamento pericardico: assente
FE 60 qualitativa
Dissezione aortica: no
Valvola aortica: normale
Valvola mitralica: normale

CONCLUSIONI: Ventricolo sinistro di dimensioni cavitarie nei limiti, spessori parietali ai limiti superiori, lieve ipertrofia dei muscoli papillari, lieve accentuazione della trabecolatura apicale con presenza di falsi tendini nella stessa regione, buona performance globale. Lieve insufficienza valvolare mitralica, atrio sinistro di dimensioni ai limiti superiori della norma (area 20cm2) Bulbo aortico e aorta ascendente (28mm) di normale calibro. Cavità destre di dimensioni nei limiti. Buona performance ventricolare destra (TAPSE 25mm) Insufficienza valvolare tricuspidale e polmonare di grado lieve, tempo di accelerazione del flusso sistolico polmonare 133ms. Vena cava inferiore di calibro nei limiti normocollassabile con l'ispirium

HOLTER
Costante ritmo sinusale con normali variazioni nictemerali. Sporadici battiti ectopici sopraventicolari isolati. Non battiti ectopici ventricolari. Non pause significative. Durante la notte brevi pause sinusali di massimo 1745 msec. Ripolarizzazione costantemente alterata senza variazioni rilevanti.

RMN
Purtroppo non ho i dati per poterli riportare, ma nel foglio conclusivo di diagnosi è riportato quanto segue: La RMN conferma il modico aumento delle dimensioni endocavitarie con una FE del 54% ed assenza di alterazioni della cinesi parietale.

IN CONCLUSIONE
Dal punto di visto ecocardiografico l'area ipertrabecolata è compatibile con LVNC ma non sono presenti alterazioni della cinetica regionale o aree di bulging. La stratificazione del rischio aritmico attualmente ha dato esito negativo.

Volevo dunque chiedere se, secondo il Vostro parere, è una situazione preoccupante.
Vi ringrazio e vi auguro un buon lavoro. Cordialità.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
come risulta evidente dalle conclusioni che lei stesso riporta lei NON ha alcuna patologia cardiaca
arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 498XXX

Grazie mille per la risposta. Mi permetto di approfittarne per porLe due quesiti relativi ad una mia sintomatologia:

Il primo è: Mi capita di avere spesso dei dolori toracici che però sono dolori ossei, nel senso che se mi tocco le costole o i muscoli toracici li sento dolenti al tatto. Secondo Lei questo è un dolore cardiaco o muscolare?

Il secondo quesito è: Mi capita ogni tanto di avere dei battiti un po' bassi, quando sono a letto o sul divano, che arrivano anche a 53bpm, con una sensazione molto molto lieve di dispnea. Allo stesso modo mi capita ogni tanto di avere battiti un po' più veloci, anche sugli 85bpm. Secondo Lei sono valori normali a riposo o c'è qualche problema?

Una cosa molto importante che mi preme di sottolineare è che sono un soggetto estremamente emotivo ed ansioso.

Grazie mille per la risposta, Le auguro un buon lavoro. Cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei ha dei valori NORMALI.
Spenga il PC ed esca in citta'.
Forse trovera' una ragazza che le fara' battere il cuore almeno per qualcosa di serio..


Arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza