Utente 469XXX
Salve sono una ragazza di 29 anni che da tempo soffro di tachicardia atriale e già in cura con beta bloccanti,inoltre soffro di ipertensione arteriosa dovuta a ipoaldosteronismo iperreninemico.
Il quesito che volevo porre che circa dodici anni fa mi era stato riscontrato casualmente in un ecg,un intervallo PR breve e associata una preeccitazione ventricolare con onda delta,tanto che il cardiologo mi consigliò di proseguire con accertamenti.
Non avendo particolare sintomatologia non feci a suo tempo nessun'altra accertamento visto che nemmeno il mio medico di base lo ritenne opportuno.
Ad oggi invece oltre i miei problemi dovuti alla pressione alta riscontro tachicardia anche in terapia e difficoltà respiratoria con cardiopalmo e giramenti di testa in attività fisica anche lieve.
Quello che volevo sapere è possibile che nell'ultimo ecg che ho effettuato non risulti questa anomalia ma anzi un QT ai limiti alti?o meglio che non sempre l'onda delta si possa manifestare in ogni ecg?
E nel caso con quali accertamenti è opportuno procedere?
Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Solitamente l onda Delta si rileva ad ogni ECG a meno che non abbia un WPW intermittente, ed io questo non lo,posso sapere.
Se ha quei disturbi tuttavia , le consiglio d8 rivolgersi ad un centro per valutare la opportunita di uno studio elettrofisiologico ed eventuale ablazione

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 469XXX

Grazie mille per la risposta mi rivolgerò sicuramente ad un centro per valutare la diagnosi.
Cordiali saluti

[#3] dopo  
Utente 469XXX

Buongiorno in seguito al suo consulto ho effettuato un ecg dinamico delle 24 ore su richiesta del mio medico di base.
Da cui è emerso una conduzione AV con PR breve,conduzione IV con possibile onda delta.
La frequenza media registrata è di 72 bpm.
Invece la frequenza minima di 44 bpm e la frequenza massima 172 bpm.
Secondo lei questo dato potrebbe far pensare a un WPW intermittente?
Ho già prenotato la visita da un aritmologo nelle prossime settimane per poi proseguire eventualmente in altri accertamenti.
Nel frattempo dell'attesa con la visita specialista volevo avere un suo parere.
La ringrazio cordiali saluti

[#4] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L' holter che lei ha descritto evidenzia una onda delta , come da WPW costante.
Per ilr esto e' un esame normale

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#5] dopo  
Utente 469XXX

La ringrazio ,quindi secondo lei a questo punto mi diranno di procedere con lo studio elettrofisiologico?come già lei dal tronde mi aveva spiegato in partenza

[#6] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Penso proprio di si

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente 469XXX

La ringrazio per la sua rapidità e gentilezza nel rispondere.
Cordiali saluti

[#8] dopo  
Utente 469XXX

Buongiorno la contatto nuovamente per avere un suo parere in merito alla visita aritmologica.
Nella quale è risultato un ECG con onda delta in V3 e la conclusione è stata di possibile preeccitazione ventricolare in assenza di sintomatologia ascrivibile a tachicardia sopraventricolare.
Al momento non indicazione al SEF.
Questo è stato il referto.
Volevo capire se effettivamente posso stare tranquilla anche in seguito a occasioni di tachicardia,vertigini,fiato corto ecc che tra l'altro ho fatto presente nel corso della visita.
Grazie cordiali saluti

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se ha palpitaZioni deve eseguire uno studio elettrofisiologico e tentativo di ablazione
Ne non ha palpitaZioni non c è una indicazione precisa invece

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 469XXX

Io l'ho detto durante la visita che ho episodi di batticuore e sintomi sopra elencati però la dottoressa ha ritenuto che non fossero sintomi di tachicardia sopraventricolare e quindi non ritiene opportuno procedere con lo studio elettrofisiologico.
Il problema che io appena faccio un minimo sforzo fisico sto male,l'ho fatto presente durante la visita ma il referto è stato questo.
Lei mi consiglia di sentire un altro parere?

[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
sicuramente si

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#12] dopo  
Utente 469XXX

Grazie mille a questo punto seguirò il suo consiglio.
Grazie mille
Cordiali saluti