Utente 396XXX
Buongiorno Dottori,
sono un ragazzo di 25 anni, con un passato ansioso e di attacchi di panico (per fortuna oggi mi rimane solo un po' di ansia). Assumo bisoprololo da ormai 4-5 anni, inizialmente 5mg, da un annetto circa sceso a 2.5mg ogni mattina. Tale medicamento mi è stato prescritto dal medico curante sia per una tachicardia sinusale, sia per un'ansia che scatenava ed era scatenata da palpitazioni (circolo vizioso). Il medicamento è stato comunque confermato da un altro curante (quando ho cambiato medico), sia da un cardiologo e uno psichiatra. In questi anni ho eseguito diversi esami al cuore (ecg, ecg sotto sforzo, radiografie al torace, ecografie al cuore, holter, ecc.), che non hanno mai evidenziato nulla se non qualche extrasistole. L'ultimo ecg ad aprile 2018.

Essendo io abbastanza magro e fuori forma ho deciso di iniziare a far palestra, inizialmente per conto mio, mentre da febbraio 2018 seguito (ogni 1-2 mesi) da un nutrizionista. Lui mi ha preparato un piano di allenamento in palestra, circa 1 ora 3 volte a settimana tramite pesi e macchinari. Inoltre mi ha fatto una dieta ricca di proteine (p.es: 2 uova a colazione, tonno e pane a metà mattina, proteine dell'uovo in polvere, pranzi e cene con molte proteine e verdure, oltre a frutta e chiaramente tanta acqua - questo tutti i giorni), i giorni di allenamento inoltre mi consiglia di assumere 3g di creatina (prima dell'allenamento) e 30g di proteine whey (siero del latte) dopo l'allenamento. Questo il quadro generale oggi, la creatina ho iniziato ad assumerla 2-3 mesi fa così come l proteine wehy in polvere.

La domanda è ora la seguente: ho svolto dieta e allenamenti senza problemi fino a metà luglio, poi ho sospeso il tutto a favore di tre settimane di vacanze. Ora ho ricominciato da due settimane ma noto, durante l'allenamento, qualcosa che non ho mai notato prima, nemmeno quando ho iniziato ad allenarmi in febbraio: a riposo ho una frequenza di 60-70 battiti, durante un leggero riscaldamento e streching arrivo a 100-105 battiti, mentre durante l'allenamento il battito si attesta tra i 110 e i 130. Il "problema" che non avevo mai riscontrato è che quando faccio l'esercizio (p.es alzare un bilancere da 20kg) noto che il cuore schizza a 140-145 e magari anche 150 battiti al minuto. Appena appoggio l'attrezzo, diciamo in un lasso di tempo di pochi secondi (5 secondi al massimo), il battito torna giù velocemente ai 120-130. Chiaro che durante l'esercizio il battito aumenti, ma di solito non superava i 140. È normale questa reazione? C'è qualche consiglio che potete darmi?

Il battito è misurato tramite un cardiofrequenzimentro con fascia al petto. IL nutrizionista, che fa anche personal trainer, mi ha calcolato di non superare una frequenza di 157 battiti, questo principalmente per un corretto allenamento in favore di un aumento della massa (sopra questa soglia, mi dice, c'é il rischio di "bruciarsi i muscoli" perché stai facendo troppo).

Grazie mille, cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei ha dei valori di frequenza normali.

Stendo un velo pietoso sulla dieta consigliatale dal “nutrizionista “ e sugli allenamenti che le vengono consigliati.

La saluto

Cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 396XXX

Egregio Dr Cecchini,
La ringrazio per la gentile risposta. È dunque normale che durante un allenamento il battito salga cosi tanto e, subito dopo (nella pausa tra un esercizio e l'altro) scenda velocemente?

Immagino non sia d'accordo con la dieta o gli allenamenti consigliati e va bene, ma a livello cardiologico, a lungo andare, può dare problemi?

Grazie mille, cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Non sono d accordo con tale dieta e tali allenamenti proprio perché sono dannosi per il cuore ed i reni

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 396XXX

Egregio Dr Cecchini,
Grazie per la disponibilità.

È chiaro che è un allenamento e dieta che svolgo da alcuni mesi e penso di protrarre ancora qualche mese, non di certo per tutta la vita...diciamo, non voglio diventare bodybuilder, ma solamente aumentare un attimo il peso.

Ho richiesto questo consulto perchè ho notato che il battito durante l'esercizio è un po aumentato in questi mesi, ma lei gentilmente mi ha risposto che è comunque nella norma. Quale potrebbe essere dunque un campanello d'allarme che il cuore sta subendo troppo l'allenamento/dieta, tanto da dover "smettere"?

Cordialmente

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Il cuore tenta di supplire allo sforzo con L
Aumento del volume e dello spessore del ventricolo sinistro e con L aumento della frequenza .
Se lo sforzo è continuativo si possono creare danni e certamente alcun beneficio

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 396XXX

Egregio Dr Cecchini,
Grazie per la spiegazione. Questo immagino valga per tutti gli sforzi, anche per un allenamento in bicicletta o a corsa immagino.

Cordiali saluti

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se gli allenamenti sono intensi e continuativi ovviamente si

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 396XXX

Perfetto...grazie mille per la sua disponibilità e le gentili risposte.

Cordialmente