Utente
Buon pomeriggio sono un papà di una ragazza che pratica sport agonistico a cui, nel corso delle visita propedeutica all idoneità preso il CONI, le sono state riscontrate due coppie di extrasistole ventricolari rivelatesi  nella fase di recupero dopo step da sforzo
Tale riscontro elettrocardiografico si era evidenziato anche l anno prima e per tale motivo era stato richiesto un ecocuore il cui risultato era stato negativo.
Quest anno visto il ripetersi della situazione le è stato richiesto una RMCUORE che ha evidenziato: la presenza di LGE non ischemica intramiocardica di piccole dimensioni e sottile (2 millimetri) , a livello del setto interventricolare anteriore basale fino al punto d inserzione superiore del ventricolo dx.
Immediatamente le hanno prescritto un holter di 24 con allenamento il cui esito è stato completamente negativo, in sintesi assenza di sintomatologia soggettiva durante l’intera durata della registrazione
Il cardiologo a cui ci siamo rivolti ci ha spiegato che al momento mia figlia non può avere l’idoneità sportiva (e questo poco male) che dovrà fare un test da sforzo ad ottobre, ma che, anche in caso di negatività, bisognerà aspettare due anni prima di rifare la RMCUORE e vedere se l area evidenziata è aumentata o meno è quindi, deduco, diagnosticare una cardiopatia
Pertanto giungo alla mie domande:
- Bisogna aspettare così tanto tempo per avere dei riscontri? Non è possibile fare altro? Due anni mi sembrano un eternità.
- l area individuata è compatibile con una cardiopatia ipertrofica.
Ringraziando anticipatamente per la gentile risposta invio cordiali saluti

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Ma quale miocardiopatia ipertrofica?
mi scusi ma l ipertrofia dove è stata diagnosticata?
non mi pare ci sia un valore di misura.

LA Saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Buonasera Dottore la ringrazio per la risposta è un piacere parlare con lei dopo averla letta moltissime volte, le rispondo:
- in effetti mi sono accorto subìto di non aver messo il punto interrogativo alla domanda, ma non sono riuscito a correggere, naturalmente così posta sembra una loro ipotesi mentre in realtà era solo il pensiero di un papà che vaga nel buio più totale.
Il cuore non ha alcuna anomalia morfologica se si esclude la famosa area
Oggi però il Dott.re ha detto ..al momento non abbiamo nulla per fare un ipotesi diagnostica...toccherà aspettare per vedere se siamo di fronte ad un eventuale inizio di patologia...oppure a qualcosa di aspecifico..per questo avevo posto quella domanda mi rendo conto stupida.
Dott.re non posso fare altro quindi solo attendere 2 anni ?
La ringrazio infinitamente per la risposta
Un cordiale saluto

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Forse non mi sono spiegato...
LA miocardiopatia ipertrofica e' congenita, quindi si vede alla anscita e si caratterizza con un aumento notevole degli spessori dio parete.
Quindi o ce l'ha dalla nascita o non le puo' venire nel tempo.
Se gli spessori sono normali NON ha una cardiomiopatia ipertrofica ne' l'avra' mai..

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie Dottore .La terrò aggiornato sugli sviluppi .

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno Dottore come promesso l aggiorno sulla problematica di mia figlia :
ieri al Fatebenefratelli dopo aver visto la piccola lesione presente al livello del setto interventricolare di mia figlia mi hanno detto che essa non è riconducibile ad alcuna cardiopatia ma che è probabilmente l esito di una miocardite asintomatica
( tra l altro mi hanno anche detto però che non sono certi della presenza della lesione al 100 per 100 proponendomi di rifarla a settembre...cosa che stiamo valutando)
Volevo porre una domanda da papà sulla miocardite:
- Come si fa a capire che è un esito di una vecchia miocardite e non l inizio della malattia ?
Ringraziando le invio cordiali saluti

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Forse non legge le mie risposte.
La miocardiopatia ipertrofica e' CONGENITA: si NASCE con spessorti aumentati e si CONTINUA ad avere spessori aumentati.
Non esiste una cardiomiopatia ipertrofica che prima non c'era e poi inizia...
Spero di essere chiaro.

La descrizione che e' stata fatta alla RM e' tipicamente l'esito di una miocardite misconosciuta (come avviene spessissimo)

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente
Gentile dottore adesso ho capito perfettamente ...approfitto della sua gentilezza per porle un ultima domanda afferrante l eventuale idoneità :
- sulla base della sua esperienza,
la presenza seppur minima di cicatrice non potrà più permettere a mia figlia di ritornare all attività agonistica ?
Tenuto conto che è stata registrata una coppia di extrasistole ventricolari nella fase di recupero ( e quindi mi hanno detto di origine vagale) nonché è stato eseguito un holter delle 24 ore fatto anche con carichi di allenamento (166 BPM ) assolutamente negativo per ogni genere di aritmie. assenza di disturbi della conduzione A-V e di anomalie significative della ripolarizzazione ventricolare . Assenza di sintomatologia soggettiva durante l intera durata della registrazione.
Ancora grazie per la gentile risposta.

[#8]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non vedo perche no, sinceramente

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#9] dopo  
Utente
....la terrò aggiornato .
La ringrazio ancora per la disponibilità gentilezza e ...naturalmente professionalità
Arrivederci

[#10]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Un consiglio...da papa' , non da cardiologo...
Eviti di far sentire sua figlia ammalata.
Le condizionerebbe scioccamente tutta la vita

Cordialita'
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#11] dopo  
Utente
Grazie del consiglio ...starò particolarmente attento ...per fortuna mia figlia è una leonessa ... ha voluto essere presente ad ogni consulto anche se il contraccolpo non è stato facilissimo per lei che vive di sport
Giustamente le direttive in materia di rilascio del certificato di idoneità sono particolarmente rigide poi dopo i noti casi di cronaca lo sono ancora di più .
Nel caso specifico però mi hanno chiaramente detto che la valutazione di inidoneità si basa su una valutazione statistica ...lei potrebbe giocare 100 anni senza avere nulla ma basta un episodio di aritmia per le note conseguenze. Pertanto hanno suggerito rivalutazione tra due anni che poi vorrei capire cosa potrebbe cambiare ...piccolo sfogo di papà

Grazie sempre

[#12]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sua figlia ha la stesso rischio di morte improvvisa delle mie figlie.
Bassissimo, ovviamente non zero.

Come tutte le persone dello stesso sesso ed eta'.
perche' la morte improvvisa puo' colpire acuori anche perfettamente sani

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#13] dopo  
Utente
Grazie Dott.re ciò mi conforta molto ..comunque mi sono rivolto all Osp Fatebenefratelli per una valutazione complessiva del caso ..(visto che io soffro d FAP da qualche anno e sono seguito da loro) ed a Settembre faremo il punto ....la terrò certamente aggiornata.
Ancora grazie

[#14] dopo  
Utente
Gentile Dott.re chiedo scusa per il disturbo e ritorno ad aggiornarla sull esito dei controlli effettuati da mia figlia al Fatebenefratelli di Roma.
Quindi, mia figlia ha effettuato pochi giorni fa un altro test da sforzo che anche in questo caso nn ha registrato alcuna anomalia.
Successivamente ha ripetuto la RMCUORE che anche in questo caso, nel ribadire la normalità del cuore per funzione volumetria e cinesi, ha confermato la presenza di stria di enhancement tardiva in sede antero settale prossimale ben apprezzabile in asse corto e con molta maggiore difficoltà in asse lungo che potrebbe essere interpretato come un possibile danno fibrotico.
Il radiologo mi ha però riferito che rispetto alla precedente risonanza la cicatrice appare più piccola ( 1 cm x 2 millimetri).
Ciò detto gentile dottore volevo sapere se può essere letto come positivo il fatto che la cd cicatrice oltre ad apparire più piccola della volta precedente si vede con tanta difficoltà in asse lungo.
Grazie ancora cordiali saluti