Utente
Buongiorno.
ho 31 anni
Non so di preciso cosa mi sta succedendo ma sono intensamente impaurito.
Non so cosa io voglia sentirmi dire dal mio cardiologo che per motivi da me riferiti mi segue da circa 3 anni...
Ogni volta mi sembra di vivere situazioni del tutto nuove, che vanno quasi a peggiorare... e ogni volta la mia testa mi dice che stavolta sicuramente ho qualcosa! ciò che provo e i sintomi sono reali... almeno in parte, ma magari sono io a essere capace di trasformare episodi benigni in situazioni di disagio totale.
ogni volta penso di esserne uscito e di conoscermi, ma mi sbaglio.
Dopo episodi di extrasistoli continue che quasi mi stavano facendo svenire in palestra, e dopo aver passato la notte al pronto soccorso in questi tre anni privatamente avrò fatto 4 holter 24 e 48 ore, prova da sforzo 4 anni fa... un controllo extra di routine al di là del mio disturbo successivo, elettrocardiogrammi a non finire, gli ultimi circa due mesi fa a distanza di 20 giorno l uno dall' altro... un ecocardiogramma due anni fa alla prima visita privata, e addirittura per scrupolo aggiuntivo uno studio elettrofisiologico un anno fa.
tutto negativo... sempre tutto negativo maledizione.
il sef fatto per via di 3 4 pause notturne... la più lunga di 3, 7 secondi.
Qualche extrasistole rilevata nell' ultimo holter, circa 12. dopo tutto ciò subentra sempre qualcosa di nuovo.
alterno strani periodi di astenia estrema con extrasistoli ed episodi aritmici frequenti ma sporadici, 1 ogni 4 5 giorni.
oramai mi sono fissato su ogni suono del mio corpo.
e non so se l affanno, affaticamento e le palpitazioni che spesso mi capitano anche dopo 5 scalini, ho alzandomi da una sedia... ho facendo un minimo sforzo possa essere qualcosa passato inosservata oppure se sono io che peggiori tutto.
in testa mi ronzano pensiero su morti improvvise, insufficienza o scompenso, ritmo estremamente lento... extrasistoli di compensazione dopo uno sforzo nella fase del riposo ecc... e periodi notturni dove alterno mesi asintomatici con episodi di sensazione di sincope nella dormiveglia, battito che sembra interrompersi per poi riprendere velocemente.
magari e una di quelle pause, e ho paura che essendo sintomatico ho bisogno di un peace maker... più mi fisso più nella dormiveglia il mio corpo percepisce tutto ciò, mi sento sbandare e confuso, e in posti dove non ho il controllo mi sento male.
la notte non riesco a dormire e ho episodi di sensazione di svenimento anche da sveglio nel letto, ma io le associo alla mia agitazione, sento che sto perdendo il controllo.
il 18 o una nuova visita cardiologica.
ma tutto in questi giorni sembra peggiorare, sempre più stanco, sento la fatica al cuore, basta una salita leggera o anche scendere dalla macchina, che l affaticamento e la palpitazione quasi mi fa girare la testa quando mi fermo.
che mi sta succedendo?
E come se il mio cuore non c'è la facesse più nel darmi energia.
i miei battiti steso a riposo di notte si aggirano tra i 54 e i 58... e a volte in alcune posizioni anche 48.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Lei ha un cuore sanissimo
Deve solo curare L ansia con uno specialista in gamba

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno...e la prima volta che non ricevo la notifica sulla mail dell' avvenuta risposta.oggi per puro caso ho voluto controllare sul sito e con mio stupore la risposta era stata data lo steso giorno della domanda da me posta.
Ne approfitto oggi per rispondere dato che prorpio ieri ho effettuato un altro controllo cardiologico dopo più di un anno e volevo esporre i nuovi dati
La mia domanda,qualora non voglia rileggerla,dato che sono passati 10 giorni .riguardava 2 3 pause notturne di 4 secondi presenti in 5 holter fatti da fine 2017 a luglio 2019..svariati controlli negativi,di cui anche l esame elettrofisiologico.
Però purtroppo ciò che mi porta a preoccuparmi sono i sintomi orribili che come ho scritto provo la notte nella dormiveglia a periodi,per un mese magari sono asintomatico e poi per una settimana lo sono. sensazioni di svenimento nella dormiveglia,percezione del cuore che si ferma e poi mi sveglio di soprassalto con una leggera aritmia col battito accellerato ..e la cosa si ripete finché non mi addormento.il mio medico però mi ha sempre rassicurato dicendomi di stare tranquillo.
Ecco gli esami fatti ieri.

E.O. : rivoluzioni cardiache ritmiche,Toni validi,Impurità sistolica ittale,non Stasi periferica.

ECG : ritmo sinusale a frequenza di 83 battiti al minuto. PR nei limiti, ritardo intraventricolare destro,,alterazioni aspecifiche della ripolarizzazione ventricolare.

PA : 145/85 ( mi capita sempre quando sono agitato)

ECO : nei limiti l'aorta ascendente (3,3cm), atrio sinistro di dimensioni conservate (2,7cm), ventricolo sinistro di dimensioni cavitarie conservate (dtd 4,3cm si 0,9 cm)
Normale la funzione contrattile del ventricolo sinistro (Fe 65% S), sezioni destre nei limiti.
Al color doppler minimo rigurgito mitralico. Minimo rigurgito tricuspidalico con normali valori di PAPs.normale E/A

Dato i miei sintomi,sia per mia curiosità nel averlo proposto e sia per approvazione a tale cosa del mio cardiologo abbiamo deciso di effettuare il test alla ajamalina per la sindrome di brugada.e nello stesso giorno possiamo anche impiantare,sia per analizzare meglio,e sia per mia tranquillità psicologica,un loop recorder,così da tenere d occhio quando si presentano queste situazioni notturne e sia quando a volte dopo uno sforzo,a volte anche dopo un rapporto mi subentrano delle extrasistoli...e analizzare tutto al meglio per comprenderne l origine,di che tipo sono o altro.
Sono molto spaventato per questa maledetta sindrome,molte volte ho paura anche ad addormentarmi,e si può dedurre anche il perché.
Posso chiederle inoltre in cosa consiste questo test,e sicuro?
Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non vedo alcuna necessita' ne' del test alla ajmalina ne' tanto meno di impiantarsi un aggeggio sottocute.

Comunque, ovviamente, faccia' cio' che vuole.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie per questo parere.inoltre vorrei aggiungere che in famiglia non ho avuto casi di morti improvvise..ne dalla parte di mio padre e ne dalla parte di mia madre.non so se può essere utile questo dato.al di là della brugada che e congenito,il loop recorder lo metterei anche solo per un qualcosa al di là del fattore diagnostico,anche un po' terapeutico,magari mi mette tranquillità in più e tante cose magari appaiono più chiare nel tempo.cosi almeno mi evito anche la spesa ogni sei mesi di effettuare la holter 48 ore.ma per tale cosa ci penserò e deciderò.
Riguardo il test ...chiedevo solo se e un test sicuro,o e qualcosa di invasivo?
Ma soprattutto se devono esserci delle linee sospette per fare si di procedere a tale test...qualcosa di strano nel ECG ecc.
Se i dati sono negativi e se i sintomi sono sporadici in determinate situazioni,o anche una banale pausa non e richiesto farlo,nel senso che di certo non può essere la brugada.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Le pause NON hanno niente a che vedere con la Brugada.

Se poi lei a 30 anni piace mettersi un apparecchio elettronico sottocute come fanno i veri cardiopatici, faccia pure ma NON c'e' indicazione alcuna.
E lo stesso per il test alla ajmalina.

Con questo la saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza