Utente
Alla cortese attenzione del dott.
Cecchini
Gentile dottore, sono una donna di 44 anni in cura con eutirox da 50mg.
Soffro inoltre di ansia e attacchi di panico.
Da circa 1 anno ho cominciato a soffrire di extrasistole e il mio medico mi ha fatto fare circa 7 mesi fa holter, ecg da sforzo e ecocardio-doppler.
Questi i risultati:
HOLTER: Battiti totali 109279; VEB 4964 (max 445 VEB/h alle 22.44, contestualmente ho avuto una crisi di ansia); CPT 0; TV 0; BIG 2 (piu' lungo 6 battiti); TRIG 749 (piu' lungo 18 battiti); SVEB 22; SVS 0; TSV 0; PAU 0; BRA 0.
Conclusioni: ritmo sinusale, non pause patologiche.
Rari BESV.
Frequenti BEV complessi (bi-tri-quadrigenimi)
ECG SFORZO PROTOCOLLO BRUCE
%max FC 91%
Causa fine esame:esaurimento muscolare
Conclusioni: test negativo per ischemia miocardica acuta ai valori di PA e FC raggiunti.
Normale andamento dei valori pressori.

ECOCOLOR-DOPPLER
Diametri e volumi del ventricolo sinistro nella norma.
Spessori settali e parietali nella norma.
Non alterazioni della cinesi segmentaria.
Consevati gli indici di contrattilità globale.
Normali dimensioni dell'atrio sinistro.
Lieve inginocchiamento sistolico del LAM.
Presenza di minimo jet da rigurgito valvolare mitralico.
Flussimetria transvalvolare indicativa di normali pressioni di riempimento del ventricolo sinistro.
Morfologia e dinamica delle semilunari aortiche nei limiti della norma.
Non jet da insufficienza valvolare ecograficamente visualizzabili.
Nei limiti della norma le velocita' del flusso transvalvolare aortico.
Nei limiti della norma il diametro della radice aortica e dell'aorta ascendente.
Normale morfologia e dimensione delle camere destre.
Lieve jet da insufficienza tricuspidale parafisiologico da cui si stima una pressione polmonare nei limiti della norma.
setto interatriale apparentemente integro.
Non versamento pericardico in atto.
Conclusioni: Lieve PVM con IM trascurabile.

Ho anche effettuato l'esame degli elettroliti sierici e della tiroide (ok).
Sulla base di questi risultati sono stata rassicurata sulla benignita' delle mie extrasistoli e, essendo per me sopportabili, non mi è stata prescritta nessuna terapia.
Dopo qualche mese, mi sembravano molto ridotte di numero.
Ora però sono tornate.
Di giorno ne sento una ogni tanto, ma appena vado a letto comincio a sentirne al polso una ogni 2, 3, 4 o 5 battiti anche a distanza di diverse ore (ma non stando tutto il tempo a sentirmi il polso non so se questi eventi sono continuativi oppure no).
Se cammino spariscono subito per poi ricominciare...al mattino poi tutto lentamente regredisce.
Io quando sento tutte queste extra vado molto in ansia, anche se non ho sintomi particolari.
La mia domanda è questa: alla luce degli esami fatti posso stare tranquilla quando ho questi episodi notturni, come mi dice il mio medico suggerendomi di prendere 10 gocce di EN, o le mie extra possono essere diventate maligne?
Se fossero bigemine o trigemine per diverse ore sono pericolose?

Grazie e cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Sono extra del tutto benigne in un cuore perfettamente normale.
Piccole dosi di beta bloccante le risolverebbero il problema senza alcun effetto collaterale

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Gentile dott. Cecchini,
la ringrazio molto per la sua celere e tranquillizzante risposta.
Le chiedo un'ultima cosa: dal momento che queste extra non mi recano particolari disturbi è necessario comunque trattarle? E se sì, necessariamente con un betabloccante o puo' andare bene un ansiolitico?
Grazie ancora del tempo dedicatomi.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Preferisco certamente un beta bloccante ad una benzodiazepina.

Arrieverci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente
Grazie mille.
Arrivederci

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Cecchini,
ho sentito il mio medico di base e lui sarebbe per trattare queste extrasistole solo se mi recano fastidio. Io in realta' le sopporto bene. Se non le trattassi posso comunque stare tranquilla e semplicemente "ignorarle" anche quando sono così tante una dopo l'altra?
Grazie ancora e buon lavoro.

[#6]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Certo, e' lei che decide su se stessa, ovviamente.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#7] dopo  
Utente
Grazie ancora e arrivederci

[#8] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Cecchini,
volevo chiederle una precisazione....avere per qualche ora extrasistoli bigemine, trigemine o quadrigemine del tipo che mi sono state riscontrate all'holter è pericoloso? dalle sue risposte mi pare di capire di no, ma glielo chiedo per essere sicura di avere capito bene...
purtroppo è un periodo che mi sento abbastanza agitata e quando vado a letto ho paura che mi vengano questi "attacchi"...
grazie

[#9]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
No, si tranquillizzi
La sua prova da sforzo non ha evidenziato extrastolia sforzo-dipendente.

Arrievderci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente
no infatti....oltretutto se aumento la frequenza cardiaca camminando o muovendomi noto che mi passano.
Grazie e arrivederci

[#11] dopo  
Utente
Caro dott. Cecchini,
le chiedevo se per capire il sito di origine delle extrasistole è sufficiente un holter oppure è necessario un ecg. Questo perchè dai miei referti non ho capito se le mie extrasistole ventricolari originano dal ventricolo sinistro o destro.
Grazie

[#12]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Di solito si fa sempre un ECG prima dell' Holter

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#13] dopo  
Utente
Il cardiologo mi ha fatto un ecg mentre facevo l'ecocardio (ma non attaccandomi tutti gli elettrodi) e mi ha detto di avere visto qualche extrasistole, ma non ci ha dato importanza. Pensa che debba rifarlo?
Grazie

[#14]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Quello non è un ecg
È un
Monitoraggio Di una traccia
Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#15] dopo  
Utente
Ma quindi secondo lei alla luce del tipo di extrasistole emerse all'holter è necessarioindagare anche con un ecg oppure no? Nè il cardiologo nè il mio medico di base mi hanno detto di doverlo fare.
Grazie

[#16]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Mi pare che lei sia molto ossessionata con banali extrasistoli che tutti noi umani abbiamo.
Dall'holter si capisce perfettamemnte che extra lei abbia.
Quindi stia a cio che le dice chi le ha refertato l'esame.
TAnto se esegue un ECG puo' scommeterci che in quel momento lei non ha alcuna aritmia.

E si tranquillizzi una volta per tutte.
Mia figlia di 16 anni ne ha 1810 al giorno e non e' ossessionata come lei

Il mio consulto finisce qui

cecchini.
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#17] dopo  
Utente
Va bene.
grazie

[#18] dopo  
Utente
Gent.le dott. Cecchini,
da circa 1 anno mi capita a volte di provare quando vado a letto una forte sensazione di malessere (non dolore) al petto, molto simile a quella che si prova durante un forte spavento. Questa sensazione dura generalmente 4-5 secondi, scompare e puo' tornare anche diverse volte di seguito fino a quando non mi addormento. Qualche volta mi è capitato anche di svegliarmi a causa di questo malessere.
Puo' essere secondo lei legata al cuore o potrebbe trattarsi di ansia?
Grazie.

[#19]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Talmente breve che certo non puo essere cardiaco

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#20] dopo  
Utente
grazie.
arrivederci