Utente
Buongiorno
Sono un ragazzo di 20 anni che pratica attività fisica quasi quotidianamente (tra corsa e pallamano).

2 settimane fa ho fatto una giornata di sforzo fisico intenso (2 ore di camminata in montagna, 1 ora di bici e infine 10 km di corsa a 4 minuti e 20 di media al km).
Alla fine della corsa mi sono sentito male (dispnea, palpitazioni, senso di vuoto e infine, mentre facevo la doccia, un attacco di panico violento).
Premetto che soffro di disturbi d'ansia e di panico dall'estate scorsa (anche se nel periodo invernale sono diminuiti di frequenza).
In queste ultime 2 settimane però non riesco a capire più cosa mi succeda... Dal giorno dopo il sovrasforzo fisico ho incominciato a sentire (anche durante normali passeggiate) palpitazioni, cuore in gola come se fosse aritmico, dispnea, senso di vuoto e vertigini... Nei primi giorni la sintomatologia era pressoché continua ogni qualvolta andassi a passeggiare o anche a fare brevi percorsi (ho smesso quindi di praticare ogni tipo di attività fisica).
Durante situazioni di riposo capita che invece mi senta palpitazioni anche forti alla gola come delle extrasistole, senso di vuoto e vertigini...
Ho provato a prendere del Bromazepam fattomi prescrivere dal medico di base e la situazione migliorava ma non del tutto (prendo dosi di 25 gocce al momento del bisogno o prima di affrontare camminate o altre attività fisiche non intense che credo possano portare alla sintomatologia appena descritta).

Settimana scorsa stavo camminando lentamente e mi son dovuto fermare per palpitazioni, il cuore che sembrava fare 1 battito su 3 e poi 3 battiti in 1, senso di vuoto, vertigini e dispnea (fino a pochi giorni prima correvo senza problemi anche per 15 km).

Gioco a pallamano e a settembre del 2019 mi hanno confermato non esserci nessun problema di tipo cardiologico (visita medico/sportiva agonistica con ECG sotto sforzo).

Non so se questa sintomatologia che ormai non mi lascia più vivere in tranquillità sia dovuta solo ad una condizione d'ansia oppure abbia cause organiche.
Ultimamente i sintomi si erano affievoliti ma ora son tornati abbastanza forti.


Grazie in anticipo per un eventuale risposta! Grazie

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se fa sforzi in modo sciocco e senza significato come quello che ha descritto ovviamente il suo corpo si può ribellare.
Per il,resto ,avendo già eseguirò anche la prova dasforzo sarei tranquillo ( ovviamente mi riferisco ad un altro prova da sforzo,seria, massimale o su cicloergometro o tsppeto ruotante e non certo su scalino)

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille Dottore.
Si, infatti regolerò meglio l'attività fisica senza fare lo stupido ed esagerare...
Volevo chiederle solo un chiarimento;
Secondo lei è sufficiente la prova sotto sforzo eseguita a settembre 2019 (su cicloergometro) oppure dovrei farne un'altra?
Grazie

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Alla sua eta' basta certo un ecg sotto sforzo una volta l'anno visto che fa sport

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza