Utente
Buongiorno, dottori, ho 58 anni, iperteso in trattamento con bisoprololo 1, 25 e ramipril 2, 50mg, ex fumatore, occasionalmente fumo una max due cariche di pipa ogni tanto.

lo scorso gennaio, su consiglio del mio medico, ho effettuato un accesso al ps per un forte dolore toracico, non accompagnato da nessun altro sintomo, hanno fatto tutti i controlli di rito escludendo patologie cardiace (ecg, analisi del sangue, rx torace) sono stato infatti dimesso con il referto di "sospetto reflusso gastroesofageo" che il mio medico decideva di trattare con pantoprazolo 20mg una volta al giorno e gaviscon ai pasti.
Dopo un paio di giorni il dolore scompariva.

A marzo, nuovo accesso al ps, per dolore toracico questa volta più violento, anche questo non accompagnato da nessun altro sintomo.
Hanno eseguito vari ecg, tre prelievi di sangue a distanza di qualche ora, ecocardio, tutto con esiti negativi.
Dato che il dolore non si attenuava, decidono di tenermi in osservazione e la mattina dopo mi fanno eseguire un ecg da stress, anche questo completamente negativo.
Venivo dimesso con il referto "dolore toracico in paziente con ecg, troponine, d dimero, rx, ed ecg da stress nella norma. Il dolore comunque era scomparso un paio di ore prima dell' ecg da stress.
Il mio medico decide di non modificare la cura per il "reflusso".

Arriviamo a giugno e il dolore si ripresenta molto violento, al che il medico decide di aumentare a due pantoprazolo da 20, mattina e sera e mi sostituisce il gaviscon con esoxx one.

Sabato 4 luglio il dolore si ripresenta talmente forte che chiamo il 118, spiego la situazione al medico intervenuto il quale esegue un ecg domiciliare, ripetuto due volte, anche questo negativo, tanto che decido di non accedere ulteriormente al ps.
Il dolore scompare nel giro di una mezz'ora.
Domenica scorsa, 12/7 all una di notte, vengo svegliato da violenti dolori alla pancia e da una forte diarrea che perdura fino alle tre per ripresentarsi attorno alle 5 e scomparire attorno alle 12.
Lunedi tutto bene, martedi 14 si ripresenta il dolore al petto, non violento come le volte scorse ma molto fastidioso.
Contatto il mio medico il quale mi dice di continuare un'altra settimana con la terapia ed eventualmente procederemo con una visita gastroenterologica.
Il dolore perdura fino ad ora.
Descrivo in breve il dolore.
E' simile ad un ferro rovente piantato nello sterno perfettamente al centro all'altezza dei capezzoli, se premo lo sterno il dolore, che localizzo "dietro" di esso, aumenta leggermente.
Si placa leggermente con respiri profondi e a volte si irradia, in modo molto leggero, al braccio sinistro e a volte alla gamba.
Da ieri il dolore si è spostato alla bocca dello stomaco e si irradia verso il centro del petto.
Non ho febbri, non ho nessun altro sintomo, addirittura, a parte il fastidio, nonostante il dolore riesco a fare qualsiasi cosa, vado in bici, passeggio veloce, salgo le scale, senza problemi.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Eseguirei un TC toraco addominale per lo studio dell'aorta, specie se il dolore si irradiasse posteriormente, al dorso...

Lei ' e' iperteso? assume farmaci?

grazie
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Grazie, dottore, per la risposta.
Il dolore non si irradia al dorso.
L'aorta viene controllata ogni anno dal 2016 tramite ecocardio, diametro 40mm, stabile ad ogni ulteriore controllo annuale. Ho fatto l ecocardio anche in ps il 4 marzo 2020, effettuato dalla cardiologa, che referta: " Buona funzione ventricolare sx, non deficit di cinetica regionale, non ipertrofia parietale,non dilatazione sezioni destre, non versamento pericardico, non valvulopatie rilevanti, si segnala lieve ectasia aorta ascendente (40mm) già riscontrata in esami precedenti", Tra gli esami fatti in quell'occasione, il Ddimero era nella norma (421, valore max 500, troponina 3,5 pg/ml

Assumo per l'ipertensione, insorta nel 2016, bisoprololo da 1,25mg e ramipril da 2,50mg e la pressione è ben controllata, il valore medio si attesta sui 120/80, ma spesso è attorno ai 115/75.

In questo momento, dopo pranzo e assunzione di esoxx one, il dolore toracico è scomparso, rimane solo un indolenzimento alla bocca dello stomaco.

Grazie davvero.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
L'ecografia cardiaca transtoracica evidenzia solo i primi 4 cm dell'aorta ascendente, eventualmemnte l'arco dalla sopraxifoidea ma non fornisce alcuna informazione sull'aorta toracica discendente.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4] dopo  
Utente
A quanto capisco esclude, purtroppo, problemi gastrici... Parlo col mio medico poi, se non disturbo, le faccio sapere.
Grazie infinite.

[#5]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Non ho detto che lo escludo.
ma in una persona della sua eta', iperteso, con gia una dilatazione dell'aorta ascendente che una sintomatologia sospetta e con ECG ed enzimi negativi, va esclusa una patologia aortica

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#6] dopo  
Utente
Gentilissimo.
Ho parlato col mio medico il quale mi ha prescritto la gastroscopia, la ricerca dell helicobacter ed analisi delle feci.
La Tc toracica non la prende in considerazione perchè non ne vede la necessità.
Ieri sera dopo cena, il dolore è scomparso, stamani ho solo un po' di nausea e lievissimo fastidio alla bocca dello stomaco.
Cordialità.

[#7]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
FAccia come crede

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#8] dopo  
Utente
Purtroppo non dipende da me, egregio Dottore. Domani proverò a riparlare al mio medico e vediamo.
In questo periodo non posso permettermi di farla da privato, anche perchè ho cercato in rete e non trovo posti disponibili vicino a me (Prov Lucca), con ricerca estesa a tutta la toscana. Devo ammettere che sono un po' preoccupato!
Grazie, se non disturbo la tengo aggiornata.

Cordialità