Utente
Buonasera.
Oggi mi sono recato dal mio cardiologo.
Ultimo ECG ed ecografia a inizio gennaio (due ECG fatti in farmacia per tale sintomatologia fatti negli ultimi 14 giorni), tutto negativo, tranne che per un blocco di branca che mi porto da quando sono piccolo credo.
insomma e da un periodo, circa un mesetto che percepisco una stanchezza alquanto strana e particolare, e mi rendo conto che e come se peggiorasse sempre di più, il chiaccherare a volte mi affanna, anche il semplice passeggiare, alzarmi dal letto o dalla sedia, ma soprattutto anche lo stiracchiarmi mi fa subentrare una palpitazione strana, con affanno estremo, per un attimo e come se percepissi che ho superato la soglia della sopportazione e temo di poter crollare dopo tale sensazione di affaticamento, questi sintomi di fatica li sento ricadere tutti sul cuore, percepisco exttasistoli, e strane vibrazioni... e l ansia non aiuta... soprattutto quando a queste sensazioni si legano dei capogiri.
2 anni fa dopo una gastroscopia mi e stata riscontrata un ernia, e reflusso, e ultimamente, anche ora mi trovo sempre ad emettere aria, eruttazioni continue, lunghe ed insistenti con rigurgito a volte... mai sofferto di bruciore di stomaco, al torace o altro, evidentemente il mio disturbo gastrico sarà legato al aria e a qualche distensione dato che percepisco Anche un addome gonfio.
Arrivando al dunque chiedo di fare una prova da sforzo dato i miei sintomi di affaticamento, oppure mettere un holter.
riferisco che ora di venire qua ho fatto varie ecografie, torace, addome, addirittura un clisma opaco a doppio contrasto, e analisi del sangue totali e complete.
nessun riscontro patologico e dunque ho pensato di dare una controllata in ambito cardiologico.
dato il mio racconto, mi ha consigliato di parlare con un gastroenterologo prima, nonostante ci sono stato 2 anni fa.
naturalmente ho insistito, nel senso che non mi spiego questo affaticamento, ho riferito che prende domi i battiti ho rilevato al risveglio 48 battiti e durante la giornata in condizioni non da sforzo tra i 55 e i 59/60 e che non vorrei che il mio corpo sia arrivato a un punto da non tollerare questi battiti, e tramite queste sensazioni di affanno, fatica ed extrasistole mi avverte che qualcosa non va.
Lui ha ribadito che non c'è bisogno al momento di questa prova di sforzo o altro, dato gli esiti negativi dei miei recenti 8/9 mesi fa esami cardiaci.
come ultima domanda ho chiesto se un problema gastrico del genere può portare tali sintomi, oltre ad extrasistoli (le ho notate incrementarsi mettendosi sul lato sinistro) ed eruttazioni continue, anche un senso di affaticamento e affanno... e mi ha detto di sì... cerco dunque un secondo parere per capire se c'è davvero una correlazione, oppure se e opportuno che dato tale mia sintomatologia, mi riferisco al sintomo più rilevante (fatica affanno palpitazione) sia opportuno che faccia al più presto una prova da sforzo ho un altro esame cardiaco, oppure se parlare prima con un gastroenterologo.

Grazie.

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Se lei ha un eco normale comprende bene che la dispnea non e' di tipo cardiaco.
Potrebbe avere una ernia jatale a spiegare la dispnea in qualche posizione, ma non e' certo una visita gastroenterologica che la puo' escludere o confermare ma se mai una gastroscopia.
I valori dui frequenza che lei riporta non normalissimi

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
Salve,rieccomi.
E appunto quello che pensavo anche io,piuttosto che un consulto ci vorrebbe una vera e propria gastroscopia...ed e questo il problema..l ho fatta due anni fa e il riscontro e ciò che ho scritto,ernia e reflusso.
In base agli esami passato negativi all livello del cuore giustamente andando per esclusione dovrei dare la colpa di tutto all ansia,panico e al fattore gastrico...
Riformulando una mia domanda su un mio dubbio relativo a un singolo fattore,chiedo appunto se anche l affaticamento,e l affanno in circostanze strambe...a volte quando cammino,a volte anche mentre si chiacchera,o anche facendo movimenti banali,tipo asciugarsi i capelli col fondo affaticarsi e affannarsi solo tenendo il braccio alzato,alzarsi tipo da un letto ecc,tutte cose che di norma non dovrebbero portare tali sintomi di fatica,possono essere correlati anche ai problemi gastrici che ho espresso.
Questa è la mia unica paura,come se fare una prova di sforzo possa togliermi ogni dubbio.
Anche se credo che problemi alle coronarie,insufficienza cardiaca,scompenso ecc sono tutte cose rilevabili da eco ed ECG normali.
Ultima cosa,sono felice di sapere che sono valori normali,e appunto la mia paura era che i colpevoli fossero proprio tali battiti bassi a crearmi tale disagio.

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
ma abbia pazienza se ha una ecografia cardiaca normale perché deve pensare ad uno scompenso cardiaco, parola tra l altro moto di voga e della quale pochi conoscono il significato

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso