Utente
Buonasera dottori.

Sono un ragazzo di 17 anni che da quando è venuto a conoscenza della morte improvvisa non riesce a smettere di pensarci.

Devo ammettere che stavo sicuramente meglio quando pensavo che, nella mi ignoranza, esistesse solo l’infarto.

Ne avevo già sentito parlare (esempio con la morte di astori) ma non avevo mai approfondito l’argomento.
Ultimamente ho letto molte cose sull’argomento che mi hanno a dir poco preoccupato.

Ho iniziato a pensarci dopo che il padre di un parente acquisito lontano, ormai ultra 90enne, è morto nel sonno.
Ammetto che egli non ha avuto nessun problema durante tutta la sua vita, sempre in salute ed in gamba mentalmente.
La sera ha guardato l’inter ed il giorno dopo non c’era più.
La sua vita l’aveva vissuta ed ovviamente non si è mai pronti per morire, ma sicuramente ci sono modi molto peggiori per farlo, sopratutto a quell’età.

Venendo al mio problema, che penso sia più mentale, ho paura di morire di morte improvvisa.
È successo proprio ad un ragazzino che faceva calcio con me, nel sonno.
Inutile dire che siamo rimasti tutti sconvolti.
Per quanto io ne sappia, non ho familiarità con morte improvvise, al contrario ne ho molte per tumori.

I nonni da parte di mio padre sono deceduti entrambi per tumori, per quanto riguarda i nonni da parte di mia madre invece, mi nonna è sana e in salute (per ora) mio nonno è deceduto per ictus.
Era un gran fumatore da parecchi anni.
Tutti deceduti sui 70 anni.

Tutte le sorelle di mio padre stanno bene, le sorelle di mia madre, cugine ed altri parenti lontani stanno tutti bene.
Nessun caso di morte giovanile in famiglia per fortuna.
Ho eseguito ecg ed holter questo mese, invece prova da sforzo di 1 anno e mezzo fa che devo ripetere.
Holter a detta del cardiologo di mio padre perfetto.
Mio padre presenta molti problemi di cuore che sono partiti intorno ai 40 anni data la mancanza di controlli e la cattiva abitudine del fumo, ma tra i suoi problemi non vedo cardiomiopatie o aritmie.

Mia madre sta bene per ora.

Sono un soggetto a rischio per questo tipo di morte?

La possibilità di ereditare patologie cardiache da parte di mio padre quali infarto ed arterosclerosi puó aumentare il rischio di morte improvvisa?
Sono spaventato inoltre perchè è da 20 giorni che sento quasi costantemente il mio cuore battere, non in gola ma in petto.
Inoltre ho avuto un episodio di tachicardia improvvisa qualche giorno fa e sento il mio cuore battere in maniera irregolare.

Possibile che la situazione del mio cuore a distanza di poco meno di 1 mese dall’holter perfetto sia già cambiata o che siano comparse aritmie gravi?

[#1]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Per cio che riguarda la morte nel sonno del,padre di un parente acquisito vorrei avere io quei cromosomi. le ricordo che la vita media per la donna in Italka è di circa 82 anni e di 79-80 perl uomo

no guardi lei ha un rischio di morte improvvisa uguale a quello dei mie numerosi figli: bassissimo ma ovviamente non zero

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio molto per la veloce risposta dottore.
Ha proprio ragione, arrivare a quell’età senza aver avuto problemi precedenti, ed esserci arrivati sopratutto con la testa, penso sia una delle fortune più grandi.
Per via del mio holter, mi scusi se sono ripetitivo o faccio domande banali ma tendo a preoccuparmi troppo, sopratutto in quest’ultimo periodo.
È possibile che qualche problema sorga poco più di un mese dopo dalla sua effettuazione?
Mi spaventa il fatto che io possa presentare aritmie gravi che non siano state evidenziate con l’holter. Durante la registrazione tra l’altro ho chiaramente avvertito la sensazione di un’extrasistole, tuttavia l’holter ne ha rivelate 0, quindi rimango tutt’ora in dubbio di cosa mi provochi quella sensazione, se reali extrasistoli o altro.
Sento dolori qua e là nel petto, pancia che ormai sbagliando attribuisco sempre al cuore.
Se mi permette di chiederle un suo ultimo parere, gentilmente, riguardo ad un episodio di tachicardia improvvisa avvenuta qualche giorno fa. Premetto che non mi era mai successo prima d’ora ed il tutto ha aumentato il mio stato ansioso. Durante una doccia molto calda di lunga durata, mi sono chinato, successivamente alzato e dopo 10 secondi ha avuto inizio una forte tachicardia con battiti parecchio accelerati, penso sui 150/160, sono andato in affanno, ho provato un’ansia fortissima e una forte paura di morire, niente svenimenti o giramenti di testa, mi sono seduto e i battiti sono calati gradualmente, restando comunque alti a causa dell’agitazione iniziale. Dopo aver fatto l’holter ed ecg ero contento e mi ero tranquillizzato, ma questo episodio mi ha fatto cadere tutta la felicità che prima avevo ritrovato.
La ringrazio molto, e le auguro una buona serata

[#3]  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
20% attualità
20% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
lei non ha alcun sintomo di tipo cardiologico ed esami normali
quindimha un rischio bassissimo di morte improvvisa, come le ho detto

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso