Utente 498XXX
Salve. Praticando pugilato, colpendo il sacco, mi è comparso dolore alla nocca del dito medio della mano sinistra. È iniziato circa un mese e mezzo fa, e non è stato un singolo evento traumatico, il dolore è comparso in maniera crescente in 3/4 giorni. Ho continuato a "batterci su" stringendo un po' i denti. Dopo tre settimane ho chiesto consulto al mio medico di base che mi ha prescritto seractil 400mg per 5gg e flector atro 3 volte al gg per 10gg + riposo. Ho preso due settimane di riposo e seguito la cura, dolore migliorato ma non ho riscontrato miglioramento nell'aspetto della nocca. Ripresi gli allenamenti il dolore è sempre presente e se sferro pugni troppo forti durante l'allattamento dopo faccio fatica a stringere il pugno. All'aspetto la nocca risulta leggermente ingrossata rispetto alla sua corrispondente destra. Inoltre il tendine pare che si sia biforcato (forma a rombo) lasciando scoperta parte della nocca e con una parte che è "scivolata" verso l'indice (forse per la capsula articolare gonfia?). Questo aspetto è stato raggiunto dopo circa una settimana dai primi sintomi. Credo ( non sono sicuro perché all'inizio non avevo osservato l'aspetto con attenzione) che al principio del dolore il tendine dolorante passava in mezzo alla nocca ed in seguito è "scivolato" verso l'indice ( con lieve attenuazione del dolore). Come mi consigliate di procedere? Attualmente penso che tornerò dal mio medico di base e chiedere una visita specialistica.

[#1]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

per prima cosa, effettui un esame radiografico, poi la visita specialistica.

Buona giornata.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#2] dopo  
Utente 498XXX

Grazie della risposta. Stamattina ho eseguito la radiografia e i risultati saranno disponibili al ritiro il 15. Aggiornerò quando sarò a conoscenza dell'esito.

[#3]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
OK.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#4] dopo  
Utente 498XXX

Referto radiografia: nessun danno alle strutture ossee.
In giornata ho effettuato anche una visita con l'ortopedico che mi ha prescritto un'ecografia muscolotendinea e sospetta una lesione all'apparato estensore. Dice che probabilmente si è danneggiata una parte avente il compito di mantenere il tendine in posizione, e che potrebbe servire un intervento chirurgico, anche se per valutare bene è necessaria l'eco.
Giusto per prepararmi psicologicamente, mi sapete dire se, abitualmente, questo tipo di interventi hanno buon fine (recupero post intervento completo o quasi?

[#5]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
L'intervento si giustifica solo se attualmente lei ha un deficit funzionale o dolore che lo giustifichino, dato che ogni intervento può comportare complicanze.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#6] dopo  
Utente 498XXX

Capisco dottore, grazie del tempo dedicatomi.

[#7]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#8] dopo  
Utente 498XXX

Salve dottore, ieri ho eseguito l'ecografia muscolotendinea ed il responso è:
"Normali i rapporti articolari. Non segni di versamento articolare. Tenosinovite di grado minimo dell'estensore del III dito, circondato da sottile versamento in corrispondenza della testa del metacarpo con minimo ispessimento del tessuto sottocutaneo. nella norma i tendini flessori".
Quindi, a quanto pare, la forma strana della mia nocca è data solo dall'ispessimento del tessuto sottocutaneo e da un lieve versamento. La visita di controllo con l'ortopedico sarà tra più di un mese (non la prendo a pagamento perché a quanto pare non è urgente). Comunque, se non ho capito male, la mia patologia si cura da sola con il riposo, è corretto?

[#9]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il solo riposo potrebbe non essere sufficiente.

A volte vanno fatte terapie locali (laser, ultrasuoni, tecar...) o, in caso di insuccesso, una infiltrazione di steroidi.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale

[#10] dopo  
Utente 498XXX

Capisco, grazie ancora

[#11]  
Dr. Giorgio Leccese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
TARANTO (TA)
MATERA (MT)
TRANI (BT)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Di nulla.
Dr. Giorgio LECCESE

NB: il consulto online non può nè deve sostituire la visita reale