Utente 121XXX
Salve, dato che ho richiesto due consulti chirurgici ho una domanda da fare.
L'ernia inguinale si diagnostica principalmente con ecografia o con visita chirurgica?

Un chirurgo mi ha trovato un'ernia conclamata a destra ed una punta o piccola ernia a sinistra vista con ecografia.
Un altro chirurgo mi ha visitato e sostiene che l'ernia a sinistra non trasmette impulsi quindi non c'è.
Dato che la diagnosi incide anche sul tipo di intervento da fare, come si diagnostica un ernia?
Grazie

[#1]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UN CONSULTO A DISTANZA

Gentile Utente,
la diagnosi di ernia inguinale è eminentemente clinica e va posta dalla visita di un chirurgo.
L'ecografia, almeno nella mia esperienza, tende a sopravvalutare esistenza e dimensioni di un'ernia, andando ad esplorare una zona anatomica nella quale le formazioni muscolari acquisiscono particolari aspetti non solo anatomici ma anche dinamico-funzionali.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente 121XXX

Grazie dott. PIscitellli.
Dunque mi sembra di capire che è più affidabile la visita chirurgica che controlla la trasmissione di "impulsi" di una eventuale ernia rispetto a quella che può essere un ecografia.
Quindi , anche se il fastidio è presente pure nella parte con ernia sospetta, sarebbe da considerare una monolaterale.
La ragione della mia domanda, salvo sempre il parere del chirurgo che opera, era per capire se nel mio caso è migliore la laparoscopia o la tecnica tradizionale open conseguenzialmente al tipo di diagnosi.

Un'ultima domanda, sempre con i limiti di una valutazione a distanza, secondo lei in questo caso ai fini di scongiurare problemi post operatori come dolore cronico ecc, è preferibile statisticamente un intervento tradizionale o in laparoscopia (a parità di esperienza del chirurgo) ?