Utente 495XXX
Buonasera, ho effettuato un intervento di rinosettoplastica in Puglia il 17 aprile c.a. Dopo i consueti 15 giorni mi sono stati rimossi i cerotti e il naso risultava gonfio ma perfettamente dritto. Ora è passato più di un mese e il naso si è sgonfiato, ma all'altezza degli occhi presenta un piccolo gibbo che si potrebbe descrivere come una sella o uno scalino, duro al tatto. Sfiorando il setto si percepisce un leggero innalzamento, più duro ed evidente sul lato destro. Allarmata, ho chiamato il mio chirurgo che mi ha fatto presente la necessità di vedermi dal vivo per darmi un consulto. Non metto in dubbio che sia preferibile farmi visitare direttamente da lui, ma il controllo è fissato per il 13 giugno e tornare in Puglia prima di quella data mi è difficile. Pertanto volevo chiedere a voi specialisti se potrebbe trattarsi di normale decorso post operatorio, con spontaneo riassorbimento del gibbo, sebbene non sia malleabile come il normale edema presente sul resto del naso, o se, al contrario, sarebbe preferibile farmi visitare il prima possibile. Potrebbe cambiare qualcosa se non anticipo la visita? Mi rendo conto che i tempi di guarigione sono molto lunghi, ma volevo sapere se alcuni "difetti" siano immediatamente riconoscibili. È possibile riconoscere immediatamente il callo osseo o, viceversa, un normale edema cicatriziale? Inoltre, volevo puntualizzare che il chirurgo non mi ha prescritto alcuna terapia diversa dai normali sciacqui, raccomandandomi solo dei massaggi delicati sui lati del naso, ma non sul setto.
Grazie in anticipo per le risposte

[#1] dopo  
Dr. Antonino Puccio

20% attività
4% attualità
0% socialità
BERGAMO (BG)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2017
buongiorno purtroppo leggo solo ora il suo quesito.
chiaramente la risposta non è facile. non sembra trattarsi di callo osseo quanto piuttosto di un gradino osteo cartilagineo che si è evidenziato con il riassorbirsi dell'edema. a questo punto se non è ancora partita, non penso che cambi aspettare ancora 1 settimana. ci tenga aggiornati
Dr. Antonino Puccio