Utente
Salve, vorrei avere qualche informazione a proposito di un disturbo che da sempre ho voluto correggere, ma che pensavo fosse possibile fare solamente a pagamento e per questo non mi ci sono mai informata: ho 19 anni e frequento l’università, per cui a tutto ciò che mi serve provvedono i miei genitori.

Sono poi venuta a conoscenza della possibilità di essere operata con la mutua.

Ho quella che penso sia una malocclusione di secondo livello, che da sempre mi porta svariati problemi, non solo a livello fisico quanto anche a livello psicologico.

Ho problemi di continue emicranie, dolori alla mandibola, ho avuto molte carie e ho sempre (nonostante l’igiene dentale chiaramente) sanguinamento gengivale e ho letto che le precedenti sono tutte problematiche causate, probabilmente, da questo problema.
Inoltre ho problemi alla postura, soffro infatti di cifosi, che oltre ad essere di nuovo un problema estetico, poiché chiaramente è molto brutto da vedere e da un aspetto quasi in qualche modo fragile, ovviamente anche fisico, con continui dolori.

Detto questo, ribadisco quanto avere un mento così sfuggente, oltre a provocarmi appunto dolore fisico, mi faccia sentire in imbarazzo, infatti da sempre provo in qualche modo a tirarla in avanti, nonostante sappia che non va sicuramente bene e ora è diventata come un abitudine, ma questo non risolve assolutamente il mio problema, anzi quando mangio mi provoca problemi di masticazione.

Detto questo, è possibile in qualche modo quindi essere operata in ospedale pubblico coprendo i costi e se sì, come bisogna fare?
(visite etc.
)
Vi ringrazio moltissimo per la Vostra attenzione.

[#1]  
Dr.ssa Raffaella Cordaro

16% attività
12% attualità
0% socialità
CATANZARO (CZ)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2020
Prenota una visita specialistica
Salve,
da come mi riferisce il suo è un problema sia disfunzionale che estetico legato ad un dismorfismo del mascellare superiore e della mandibola.La chirurgia ortognatica è la branca della Chirurgia Maxillo-Facciale che si occupa del trattamento di queste deformità e prevede dei "tagli ossei" e il successivo riposizionamento dei mascellari per riportarli nelle corrette sedi anatomiche. Questi tipi di interventi sono generalmente eseguiti in anestesia generale nelle strutture pubbliche e richiedono un percorso di preparazione al trattamento in collaborazione con la figura dell'odontoiatra che si occupa di ortodonzia. Quindi il primo suggerimento è quello di rivolgersi ad un odontoiatra e successivamente ad un chirurgo maxillo-facciale in vista di una collaborazione tra queste due figure professionali per stabilire il trattamento più idoneo nel suo caso.
Dr.ssa Raffaella Cordaro