Utente 508XXX
Nel estate 2006 ho effettuato una consulenza in una clinica privata di roma.

Via email ho comunicato foto della situazione anomala della mammella sinistra rilassata.

Aveva prodotto una mammella pronunciata del tipo femminile. Consideri che facevo palestra nel tempo antistante già da diversi anni. Il petto era quindi asimmetrico aggravato poi da questo inestetismo. La mammella o pettorale destro invece non presentava formazione adiposa.

Il dottore decise cosi di fissare un appuntamento nella sua clinica.Fatto l'appuntamento , visita di controllo , mi suggeri la Ginecomastia come risoluzione.


Nell'intervento mi venne praticamente asporatto il grasso in eccesso dalla mammella sinistra , ma il dottore pratico l'asportazione anche dalla mammella destra .. che non presentava il dismorfismo.


Dopo l'intevento mi venne consigliato , oltre ai controlli programmati di tenere una fascia e prendere dei farmaci per tot. giorni.


Segui alla lettere la cosa, ed ero piuttosto soddisfatto del risultato che vedeva appiattire l'inestetismo della mammella sinistra.


In un tempo successivo , o anni successivi all'estate 2006, sono ingrassato molto. E ho notato che praticamente se il petto è rimasto ben schiacciato, si è formato adipe tra l'ascella e il petto. Non so se posso rendere l'idea.

Produco questa foto... artistica per rendere l'idea.

Ecco il link

http://img542.imageshack.us/img542/9632/90162595.jpg


Ovviamente è davvero antiestetico...... Veder eil petto schiacciato e sta massa grassa tra l'ascella e il pettorale, piu accentuata a destra oltretutto. Sto facnedo palestra da diversi mesi. E ottenendo dei dimagrimenti , ma quella zona proprio non ne vuol sapere. chissà magari quando raggiungero' un dimagrimento piu' definitivo sparirà. ma ho dubbi nel rimuovere quel grasso localizzato con l'esercizio.


Guardando le mie vecchie foto .... quelle precedenti all'intervento in cui ero magro .. Questa cosa no nsussisteva, e alle volte rimpiango aver fatto questo intervento nel 2006 che magari si sarebeb potuto risolvere con allenamento mirato o liposuzione mirata...


Cosa ne pensa?
Mi puo' suggerire una valida soluzione a questo inestetismo attuale?
Secondo lei dovrei rivolgermi di nuovo al dottore che mi opero' nel 2006 chiedendo la motivazione di quanto accaduto? con una risoluzione riparazione gratuita?
Non riesco piu a contattare il dottore sul suo cell. e questo è un problema. comunque ci si puo' rivolgere alla clinica.


Un dietologo , endocrinologo che esercita la libera professione di nutrizionista, mi ha detto che magari il chirurgo doveva allargarsi in quell'area quando fece l'intervento...


Ho seri dubbi quindi sul da farsi. Non vorrei andare di nuovo sotto i ferri. Visto che l'intervento di ginecomastia , se fatto in anestesia locale, è abbastanza doloroso.

[#1]  
Dr. Claudio Bernardi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
MIRABELLA ECLANO (AV)
RIMINI (RN)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile utente,
l'intervento di correzione di ginecomastia viene inteso oggi in maniera più ampia che non la semplice asportazione della ghiandola. Infatti sempre più spesso si associa la lipoaspirazione della regione mammaria in toto, per dare maggior regolarità. Detto questo , la cosa migliore è parlare con il chirurgo che l'ha operata che potrà provvedere a migliorare il risultato ottenuto regolarizzando il tessuto circostante all'area mammaria.
Dr. Claudio Bernardi
Chirurgia Plastica
www.claudiobernardi.it - www.lachirurgiaplastica.net

[#2]  
Dr.ssa Maria Luisa Pozzuoli

36% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)
ROMA (RM)
MILANO (MI)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2005
Gent.le utente,
concordo pienamente con il collega Bernardi, e aggiungo che, si potrebbe procedere alla corrrezione dell'intervento eseguendo una lipoaspirazione della zona a livello del pilastro ascellare (quello che lei indica dalla foto con il dito).aggiungo inoltre che rimane fondamentale, come ben immaginerà, una visita per poter valutare de visu il problema e valutare l'elasticità dei tessuti per poter eseguire una lipoaspirazione di successo.

Cordialmente
Dr.ssa Maria Luisa Pozzuoli
Chirurgia Plastica ed Estetica
www.dottoressapozzuoli.com

[#3]  
Dr. Daniele Bollero

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
20% socialità
RIVAROLO CANAVESE (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Essendo modificata la sua situazione rispetto all'intervento (scrive di essere ingrassato), una piccola revisione con lipoaspirazione potrebbe sistemare il problema che qualche chilo fa non si evidenziava.
Ovviamente il chirurgo che l'ha operata è quello che conosce meglio la sua situazione pre-intervento.
Saluti
Dr. Daniele Bollero
Chirurgo Plastico - Ospedale C.T.O. - TORINO
www.chirurgiaplasticapiemonte.com

[#4] dopo  
Utente 508XXX

Ma con esercizio fisico puo' migliorare?

Consideri che il mio obiettivo attuale è dimagrire almeno 20 chili. Per poi iniziare un lavoro di definizione.

[#5]  
Dr. Daniele Bollero

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
8% attualità
20% socialità
RIVAROLO CANAVESE (TO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Il dimagrimento potrebbe migliorare la sua situazione con una riduzione del tessuto adiposo. Esercizio fisico e dieta corretta sono i cardini per raggiungere un dimagrimento ma una visita diretta da parte di un chirurgo plastico le permetterà di pianificare correttamente un iter per migliorare la sua situazione.
Saluti
Dr. Daniele Bollero
Chirurgo Plastico - Ospedale C.T.O. - TORINO
www.chirurgiaplasticapiemonte.com