Utente 420XXX
Buongiorno Dottori, consapevole che nulla può sostituire la visita diretta di un medico vorrei chiedervi un consulto per decidere il da farsi.

Ieri sera mentre ero a letto in procinto di addormentarmi ho iniziato ad avvertire un forte dolore al polpaccio sx, il dolore era a ondate (veniva e passava) ma costante ed era localizzato nella zona centrale del polpaccio, la sensazione era che provenisse dall'interno, estendendosi a volte fino al ginocchio e alla pianta del piede e caviglia; al tatto il dolore non aumentava particolarmente (anche se alcuni punti erano più dolenti) e il muscolo non sembrava nemmeno particolarmente indurito, ho escluso un crampo perchè potevo muovere liberamente la gamba senza modificare la sensazione di dolore. Stando in piedi il dolore diminuiva, stando seduto aumentava lievemente, da sdraiato era davvero molto forte tanto da impedirmi di dormire. Non si notavano rigonfiamenti, ne cambiamenti di colore ne aumento del calore quindi dopo 2 ore che sentivo questo dolore ho preso un oki e mi son addormentato.

Oggi al risveglio avevo entrambe le gambe "imballate", sulla gamba sx persiste tutt'ora un lieve fastidio, ho notato maggior dolorabilità nel guidare la macchina (schiacciando la frizione), ma niente camminando; ho provato a misurare entrambi i polpacci e quello dolorante risulta 1cm più piccolo di quello non dolorante, all'apparenza sembrerebbe più contratto, ma non mi spiego perchè movimenti e massaggi non aumentino la sensazione di dolore.

Sono una persona in forte sovrappeso e sedentaria, non ho fatto attività fisica particolare nei giorni precedenti a questo dolore.

Spero di non avervi fatto perdere troppo tempo con questa mia richiesta, probabilmente non è nulla ma visto che siamo nel weekend e non posso consultare il mio medico di famiglia volevo capire come dovrei intervenire..grazie

[#1] dopo  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
il tipo di irradiazione, la tipologia dei sintomi e le modalità dell’insorgenza farebbero propendere per una irradiazione di tipo radicolitico di origine vertebrale.
Una conferma dal vivo resta tuttavia ineludibile.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente 420XXX

Gentile Dottore, la ringrazio per la gentile risposta.

Ieri mi sono infine recato al PS per il dolore, a riprova di quanto afferma il Medico che mi ha visitato ha escluso con buona probabilità problemi seri, in quanto il valore D-dimimero era basso, il dolore non costante e la gamba interessata non era ne gonfia, ne arrossata ne calda.

Mi ha consigliato un periodo di riposo, attenzione nella postura e antinfiammatori.

La ringrazio molto per il servizio che svolge su questo sito,

buona giornata