Utente 518XXX
Buon giorno,
Sono stato operato ieri a delle varici recidive a seguito di una safenectomia operata circa 4 anni fa. Intervento eseguito con successo e deambulazione ok.
L'infermiera ieri mi ha fatto una puntura in pancia che credo sia eparina, e mi ha detto che dovrò prenderla per tutta la settimana.
Nella lettera di dimissione del medico, invece, non è riportata l'uso di eparina.
Ho chiamato il reparto, ma oggi e domani sono chiusi.
Io la gamba la muovo e ci cammino sopra quasi normalmente. Quindi in teoria l'uso di eparina non serve.
In attesa di lunedì, voi professionisti cosa mi consigliate di fare?
Grazie mille

[#1]  
Dr. Lucio Piscitelli

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
CON I LIMITI DI UNA VALUTAZIONE A DISTANZA

Gentile Utente,
sarebbe necessario conoscere tipo ed estensione della procedura cui è stato sottoposto, nonché la presenza di eventuali controindicazioni per comprendere se la mancata prescrizione sia stata una scelta.
Lucio Piscitelli
http://luciopiscitelli.beepworld.it/

[#2] dopo  
Utente 518XXX

Buon giorno, grazie per la risposta.
Sul foglio con scritto "registro blocco operatorio generale 1 : sala operatoria c-d" è riportato: incisione inguinale destra su precedente cicatrice da cui si reperita piccolo collaterale a decorso distale mediale di coscia. Legatura.
Incisioni multiple di gamba e di coscia da cui si procede a varicectomie.
Controllo dell'emostasi, sintesi degli accessi chirurgici secondo i piani anatomici.
Bendaggio elastico compressivo.

Questo è quello che mi è stato fatto

Una domanda: ma l'eparina va utilizzata solamente quando non si è in grado di muovere l'arto? Io ci cammino sopra quasi normalmente, quindi non dovrebbero esserci problemi di circolazione. Giusto?

Grazie mille per la risposta.