Utente
Gentili Dottori,
sono una ragazza di 25 anni e da 3 mesi ho dolore persistente (tutti i giorni!) localizzato al coccige, mi sembra proprio l'osso che mi fa male....l'indolenzimento non è diminuito col passare del tempo, è insorto dal nulla e senza aver subito traumi.
Il dolore aumenta da seduta, sdraiata, alla pressione sull'osso...

A luglio ancora nn avevo tale problema, però spesso avevo forte bruciore al termine della defecazione e per attenuarlo usavo acqua fredda....ora non ho più quel bruciore, in compenso è apparso il dolore al coccige!


Volevo sapere se le due cose possono essere collegate, e se eventuali emorroidi interne (o qualcos'altro?!) possono provocare una sintomatologia simile, (cmq non ho mai avuto perdite di sangue)...

Infine... cosa mi consigliate, dovrei andare da un ortopedico (ma perchè mai l'osso sacro dovrebbe far male senza aver subito traumi?) o dal proctologo?

Vi ringrazio anticipatamente.



[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Probabilmente la patologia di cui soffre non ha nessuna attinenza con le emorroidi, siano esse interne o meno. E potrebbe non essere di competenza di alcuno dei due Specialisti che lei ha citato: penso che invece sia consigliabile rivolgersi ad un Chirurgo: il Collega, dopo averla visitata, potra' confermare o escludere la diagnosi di cisti sacro-coccigea ed eventualmente prescriverle la terapia piu' adatta. Se crede puo' intanto cominciare a "studiare" questa patologia cliccando su https://www.medicitalia.it/minforma/chirurgia-generale/118-cisti-e-fistola-sacro-coccigea-ovvero-il-sinus-pilonidalis.html e al limite cercare di capire se i sintomi che lei accusa possano piu' o meno coincidere con qualcuno di quelli che suggerirebbero appunto questa patologia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per la tempestività di risposta!
Ho letto riguardo la cisti sacrococcigea, tuttavia non ho riscontrato alcuna tumefazione nella zona interessata dal dolore, nè tantomeno la presenza di fistole....

Andrò ad ogni modo dallo specialista da Lei consigliatomi...spero di venirne a capo!

La ringrazio,
Distinti Saluti

[#3]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
Le fistole, peraltro a volte difficili da vedere, sono comunque una complicanza tipica di uno stadio della malattia piu' avanzato. Evidentemente lei e' ancora agli inizi, per fortuna. O forse ho frainteso e il problema e' di tipo diverso... Di certo e' necessario farsi visitare! Ad ogni modo se la diagnosi fosse confermata di certo sarebbe meglio operarsi adesso che non quando la malattia e' andata avanti e le fistole sono a quel punto piu' probabili.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com