Utente
Salve! sono una ragazza di 20 anni e dall'adolescenza soffro di stitichezza. Premetto di essere una persona abbastanza ansiosa e nervosa. circa due anni fa il mio medico di famiglia mi ha consigliato di fare una clisma opaco con doppio contrasto per vedere le cause del mio problema. I risultati non evidenziavano nessun problema al mio intestino. questa estate ho sofferto di coliti spastico nervose, quando avevo lo stimolo di andare in bagno facevo uno sforzo degno di sala parto ma non riuscivo a sentire un senso di svuotamento, in più ho notato tracce di muco nelle feci. Poi ho fatto per circa un mese e mezzo una cura con un antispastico-ansiolitico (LEXIL due compresse al giorno)e carbone vegetale per ridurre il gonfiore addominale e la mia pancia sembrava più rilassata, riuscivo ad andare al bagno quasi regolarmente, anche se non mi sentivo mai svuotata. Ora la situazione è più o meno la stessa, soffro sporadicamente di dolori al colon destro, non ho stimolo di andare in bagno e quando riesco ad andarci le feci sono dure e caprine. Faccio una vita abbastanza sedentaria e questo forse influisce molto e in più sono sempre sotto stress per gli esami universitari. Da circa una settimana sto prendendo dei fermenti lattici (INFLORAN).
Spero di aver spiegato con chiarezza il mio problema e di avere presto una Vostra risposta.
Distinti saluti

[#1]  
Dr. Francesco Nardacchione

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2006
Gentile signora,
i disturbi che riferisce potrebbero far pensare ad una colite tuttavia per avere una diagnosi più attendibile dovrebbe effetuare una visita medica e, se necessario, un esame endoscopico.
Solo così si potrà valutare lo stato del suo colon, escludere malattie infiammatorie o altri disturbi intestinali, come ad es. una sindrome da ostruita defecazione, e prescrivere una terapia dietetica ed eventualmente farmacologica adeguata.

Cordiali saluti
Dr. F. Nardacchione
NB: qualunque sia il consulto la visita medica rimane imprescindibile

[#2]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Dalla descrizione della sua sintomatologia, sembra, che si sia ripresentata la sindrome dell'intestino irritabile, questa patologia che viene definita in vari modi: colon irritabile, colon spastico e colite spastica etc. ha come caratteristica comune lo stesso problema, il paziente, riferisce dolore, gonfiore addominale, diarrea o stipsi.
La diagnosi è clinica e non richiede particolari accertamenti.
Una visita coloproctologica sarà utile per confermare la diagnosi e per iniziare un percorso terapeutico personalizzato.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#3] dopo  
Utente
Vi ringrazio per la risposta.
Vorrei saper ancora quali sono le cause del muco intestinale, è collegato alla sindrome del colon irritabile? per eliminarlo è necessario seguire una dieta specifica?
grazie

[#4]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente
Spesso, nella Sindrome dell'intestino irritabile, si assiste all'emissione di feci e muco o di solo muco.
Ma, poichè questi sintomi sono comuni anche ad altre affezioni del colon, solo dopo una visita diretta si potrà confermare che tale sintomatologia è legata ad una Sindrome del colon irritabile.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com