Utente 199XXX
Salve,
perdo muco intestinale ogni ora, 24 ore su 24.
Ho dolore retto-anale 15 ore su 24.
Ma non finisce qua infatti qualsiasi cibo (anche piccolo) che mangio mi provoca incotinenza mucosa cioe' praticamente appenaio mangio anche un misero gelato devo andare subito pochi munuti dopo ad evacuare muco.

Inoltre ho la ODS (sindrome da ostruita defecazione), perdo sangue sia con le feci sia senza le feci ed infine ho continue evacuazioni di muco spesse volte con escrementi minimi e sangue in forma mucosa.

Ho questi sintomi da 7 anni. Fino ad ora NESSUNO e' mai riuscito ad aiutarmi minimamente.
Tutte le visite colonproctogiche fatte dall'ospedale si sono rivelate inutili per aiutarmi.
L'anoscopia rivela solo presenza di muco e di emorroidi di primo grado con lo sfintere anale alterato dalla digitazione che io eseguo con le mie dita per evacuare le feci che mi restano bloccate ogni mattina (dovuta all'ODS - sindrome da ostruita defecazione).

Passiamo ora a cio' che dicono la colonscopia e la defecografia del 2007.
La colonscopia non dice praticamente nulla, dice solo che ho molte ulcere al retto.
Quindi non sono afetto da ulcera solitaria del retto !!
Le biopsie post colonscopia dicono che molto probabilmente soffro di sindrome da prolasso mucoso.
Sia la colonscopia sia le relative biopsie escludono qualsiasi malattia intestinale e del colon.

La defecografia invece dice che ho solo un prolasso mucoso poiche' la mucosa sporge fino al margine.
Nessun prolasso rettale, nessun rettocele, nessun prolasso rettale.
Il piccolo prolasso mucoso di cui la defecografia accenna si chiama intussuscezione poiche' non e' un prolasso che sporge fuori dall'ano ma bensi' resta all'interno dell'ano quindi tale prolasso prende il nome di "prolasso occulto", meglio noto come intussuscezione.

Ho gia preso tutti i farmaci esistenti (pentasa, asacol, normix, supposte asacol, crema, psyllogel mega fermenti, etc...) ma hanno tutti sempre e solo fallito.

Ora io vorrei riuscire a smettere di perdere muco ma NESSUN medico sa dirmi come sia per la sua probabile incapacita'.
Figuratevi che mi dicono di rivolgermi ad una branchia della medicina mentre altri medici mi dicono che devo ripetere tutti gli esami fatti fino ad ora. E me lo dicono per non ammettere di essere incapaci davanti al mio male !!

Io gia' so che una persona non affetta da malattia del colon non puo' perdere muco solo perche' mangia qualcosa !!
Una persona non puo perdere muco 24 ore su 24 se non e' affetta da alcuna malattia del colon !!

Io ora qua mi fermo e aspetto le vostre risposte.
Tra l'altro io mi chiedo: cosa e' servito perdere mesi e mesi per fare tutti gli esami (colonscopia, rettosigmoidoscopia, defecografia, anoscopia, manometria anorettale, etc...) se poi tali esami non sono serviti a NIENTE ne' per aiutarmi ne' per guarirmi ?
Per fare una colonscopia occorre attendere 6 mesi !!
Per la defecografia occorre attendere un anno !!
Si presume che dopo cosi tanto tempo (un anno e mezzo) una persona malata abbia il diritto di ricevere aiuto ma invece e' stato solo un fallimento !

Mi e' stato anche detto che io NON posso essere operato di rimozione intussuscezione tramite la tecnica di Longo (che si effettua transanalmente con lo stappler) poiche' non ci sono certezze di tale intervento chirurgico.
In altre parole l'intervento chirurgico non e' determinante per niente.

Intanto il tempo passa (7 anni) e io resto malato e ogni 2 anni ho un peggioramento.
Dai medici pubblici non ci voglio piu' andare perche' sono stufo di farmi prendere in giro !
Dai medici provati non posso andarci perche' chiedono 300 euro a visita e io non ho i soldi ne' ho il coraggio di spendere una cifra del genere per una misera visita.

Cosa devo fare ?
Arrivederci.

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Dalla sua descrizione appare che visite ed accertamenti sono stati eseguiti in abbondanza.
Le perdite di muco, in assenza di altre patologie pososno essere compatibile con una sindrome dell' intestino irritabile.
Il centro di coloproctologia dell' Universita' di Padova, dove risiede, e' un centro di altissimo livello dove, se non l ' ha gia' fatto, puo' rivolgersi, per un parere sicuramente autorevole. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente 199XXX

Mi dispiace ma non sono nemmeno affetto da sindrome da intestino irritabile e mi e' stato vietato l'uso di farmaci al cortisone in quanto ritenuti ASSOLUTAMENTE INADATTI e si sa che la sindrome da intestino irritabile si cura sopratutto coi farmaci al cortisone.

Mi sono sempre rivolto al centro di coloproctologia dell' Universita' di Padova (o meglio alle cliniche gestite dai professori Ermanno Ancona e Giuseppe Dodi) e mi hanno solo dato delusioni e diagnosi troppo ovvie che a NULLA mi hanno giovato.
I loro pareri sono tutt'altroche autorevoli in quanto mi hanno sempre e solo detto che posso avere una QUALSIASI patologia coloproctologiche impossibile da diagnosticare se non con ulteriori e nuovissime radiografie ma in realta' questa e' solo una loro scusa per rifiutarsi di curarmi o per via della loro inesperienza o negligenza o incapacita'.
E comunque io non ci torno proprio piu' al "ben autorevole" centro di coloproctologia dell' Universita' di Padova.
Inoltre questi "autorevoli" chirurghi del suddetto ospedale non mi hanno MAI dato nessun farmaco disinteressandomi al massimo della mia salute.
Quando ho chiesto io qualche farmaco (e ho dovuto insistere !!) loro hanno detto che non sanno quale farmaco darmi perche' posso avere una QUALSIASI patologia.
Garantisco che questa e' malasanita'.
Comuqneu chiarisco meglio come lavorano i chirurghi del suddetto ospedale:
1) loro si limitano a fare la visita il piu' comodamente possibile, comandando sul malato, dandogli ordini e semplificando il piu' possibile la diagnosi cercando di essere i piu vaghi possibili sulla natura della malattia.
2) fanno apposta a salvaguardare la cassa monetaria del proprio ospedale
3) non si esprimono e non chiariscono MAI la malattia
4) inventano scuse di ogni tipo e non sono affidabili nonostante abbiano una cultura superiore alla media in materia proctologica. Sono medici miliardari che si credono di essere chissachi' e fanno il loro comodo sui malati, infatti quando ho pacificamente protestato mi hanno pure minacciato......

COSA DEVO FARE ORA PER GUARIRE ? (ne ho quasi perso le speranze)

[#3] dopo  
Utente 199XXX

E dimenticavo che appena mangio un qualsiasi alimento mi sovviene subito dopo un fastidioso dolore ano-rettale e circa un'ora dopo mi viene incontinenza mucosa che non mi verrebbe se un'ora prima non avessi mangiato tale alimento.

[#4]  
Dr. Giovanni Piazza

28% attività
0% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
ho letto attentamente la sua richiesta di aiuto e dopo le sue ultime risposte cerco di apportare il mio contributo.
Sindrome da defecazione ostruita:
pertanto questa diagnosi è figlia di una visita che ha posto in evidenza un danno mucosale o meglio un flap mucosale che credo le abbiano consigliato di correggere.
Certo mucorrea 24h su 24 sono tante, ma a questo punto è stata scartata:
Morbo di crohn e RCU?
Ulcera solitaria del retto?
Proctite Micotica?
Ci può ragguagliare?
Grazie
Cordialmente
Dr.Giovanni Piazza
www.drgiovannipiazza.blogspot.com
Dr. Giovanni Piazza
Chirurgo Oncologo
www.Gruppopalermomedica.blogspot.com
www.drgiovannipiazza.blogspot.com

[#5] dopo  
Utente 199XXX

Si esatto, mi hanno consigliato di correggere il prolasso mucoso (e non rettale) rilevato dalla defecografia che dice cosi:
"eccedenza della mucosa fino al margine"

E poi sono state scartate tutte le patologia ano-rettali in lista qua sotto in quanto la colonscopia (e le biopsie) non hanno rilevato niente che avesse a che fare con tali patologie ed inoltre mi hanno fatto assumere per sicurezza molti farmaci contro le patologie qua sotto in lista e tali farmaci non mi hanno giovato per niente nonostante io li abbia assunti per tanti mesi. Non hanno dato nessun risultato, ulteriore segno che non sono affetto da tali patologia.
LISTA:
Morbo di crohn e RCU (retto colite ulcerosa)---->ESCLUSA DEL TUTTO
Ulcera solitaria del retto---------------------->ESCLUSA DEL TUTTO
Proctite Micotica------------------------------->ESCLUSA DEL TUTTO

Concludendo, le biopsie post colonscopia, la colonscopia, la defecografia, l'anoscopia, la rettosigmoidoscopia non hanno rilevato nessuna patologia in lista bensi' solo la sindrome da prolasso mucoso che pero' spiega solo la mia sindrome da ostruita defecocazione.
Infatti la mucorrea 24 pre su 24 non e' spiegabile poiche' non mi e' stato diagnosticato nessuna patologia che possa causarla.
Inoltre i farmaci non hanno fatto nessun effetto quindi la mucorrea (a volte associata ad incontinenza mucosa) non e' dovuta a nessuna malattia del colon, altrimenti i farmaci da me presi avrebbe fatto almeuno un minimo effetto !!
--------------->COME POSSO FARE PER GUARIRE ?<---------------------
Dopo che saro' operato per rimozione di prolasso mucoso io non guariro' dalla mucorrea, al massimo guariro' dalla sindrome da ostruita defecazione.
Tuttavia non mi faccio neanche l'illusione di una mia guarigione parziale perche' ho gia sentito che l'intervento chirurgico non sempre risolve il problema e penso che purtroppo questo sara' il mio caso.

[#6]  
Dr. Giovanni Piazza

28% attività
0% attualità
16% socialità
PALERMO (PA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,
quidi ricapitolando:
non evidenze cliniche e laboratoristiche di IBD, o di Ulcera solitaria del retto o micosi!
Quindi, la mucorrea che lei accusa è da rincondurre al prolasso mucoso! Non comprendo però, l'aria di pessimismo legata alla procedura di correzione chirurgica e quindi alla impossibilità di guarire!
Posso anche capire che a 37 anni, senza una storia di Stipsi!!! che lei non menziona affatto (almeno dovrebbe esserci una storia clinica che l'accompagna fin dalla tenera età!!!!) è sicuramente frustante essere costretti a camminare con assorbenti e marchingegni vari!
Padova non è l'ombelico del mondo!quindi scelga lei il luogo ed il professionista!
Cordialmente
Dr.Giovanni Piazza
www.drgiovannipiazza.blogspot.com
Dr. Giovanni Piazza
Chirurgo Oncologo
www.Gruppopalermomedica.blogspot.com
www.drgiovannipiazza.blogspot.com

[#7] dopo  
Utente 199XXX

Salve,
ma guardi che non sono io ad essere pessimista sull'intervento chirurgico bensi' lo sono i chirurghi dell'ospedale civile di Padova !

Ma io continuo ancora a fare una vita da cani per colpa di questa malattia.
MA NON ESISTONO MEDICINE NEL 2007 ?
La medicina e' veramente scarsa e non c'e' quasi sempre NIENTE da fare !!

Che medicine posso prendere ?
Come mi devo muovere per guarire ?