Utente
Buongiorno, vorrei esporVi un problema che mi sta preoccupando parecchio.

Soffro da parecchio tempo di sindrome del colon irritabile per cui ho eseguito un clisma opaco 2 anni fa, di cui ricopio il risultato:

Colon pervio al clisma a doppio contrasto fino al ceco con pareti abbastanza plastiche e distensibili.
Il sigma sembra compiere alcune volute in piccolo bacino.
Traverso allungato a festone.
Cieco abbassato e medializzato in piccolo bacino, iniettata l’appendice,mobili, non dolenti alla compressione mirata.
Il colon appare allungato tipo dolico-colon.
Alcuni difetti di riempimento, per lo piu’ mobili, al colon ascendente, compatibili, in prima ipotesi, con residui fecali.

A questo problema da circa 3-4 anni si sno associati dei disturbi muscolari (dolore-affaticamento-tensione) per cui ho fatto recentemente una biopsia muscolare di cui sono attesa di risposta.
La mia sensazine è che i due disturbi siano associati nel senso che nei periodi in cui i sintomi intestinali sono piu’ acuti, anche i dolori muscolari aumentano.
Ultimamente ho aiutato l’intestino con qualche tisana o pastiglia di erbe o con i cubetti frutta fibre e tutto sommato non andava malissimo.
Circa un mese fa l’intestino ha iniziato a funzionare con gran fatica anche assumendo i miei soliti aiuti di erbe, con feci di consistenza estremamente sottilie, che mi lasciavano poi un senso di evaquazione incompleta e di aveve un blocco…come una palla nell’intestino.
La situazione è gradatamente peggiorata tanto che la scorsa settimana sono ricorsa urgentemente ad una visita gastroenterologica in quanto il mio intestino era diventato un pallone e la mia sensazione era quella di un sacco chiuso con la pancia ovviamente così gonfia da sembrare in 5-6 mesi… e il solito sasso a bloccare tutto!
La gastroenterolaga mi ha suggerito di assumere delle buste di selg esse che si usano normalmente per la colonscopia, per cercare di sciogliere le feci ed in effetti così è stato anche se la mia sensazione è stata sempre quella di svuotamento incompleto… ma almeno posso tirare avanti qualche altro giorno in attesa della gastroscopia a cui presumo seguiranno altri controlli.
Adesso mi sono comunque nuovamente bloccata con la solita sensazione di sasso dentro la pancia e di intestino come un sacco chiuso, se esce qualche frammento di feci è sottile come uno spago…
Sono m,olto preoccupata, cosa devo pensare?
Attendo e rigrazio

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
La sintomatolgia appare comaptibile con una sindrome da ostruita defecazione associata al colon irritabile, nell' attesa dell' esito della biopsia muscolare. Una visita proctologica potrebbe esserle di aiuto. Auguri!
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Buongiorno e grazie per la risposta.
In effetti ho già prenotato la visita e presumo che il proctologo mi consiglierà alcuni esami per verifica.
Nel frattempo ho cercato di documentarmi un po' per cercare di capirci qualcosa anche perchè come ho già scritto sto proprio male...oltre ad essere preoccupata!
Pensa che si potrebbe trattare di un prolasso interno?
ho letto che si eseguono perineografia o manometria, pensa siano utili nel mio caso?
Grazie ancora

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Ottimo. Il collega valutera' se e quali accertamenti è opportuno fare.Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno,
ho appena ricevuto la risposta della biopsia muscolare ed è risultata:

MIOPATIA CON DISARRAY MICROFIBRILLARE E ATROFIA DI NUMEROSE FIBRE DI TIPO II, DA VERIFICARE CON ANALISI GENETICA DISTROFIA MIOTONICA DI TIPO II

Ultimanente i miei disturbi si sono intensificati soprattutto a livello gastrointestinale per cui ho fatto altri esami e visite anche proctologici, come anche da Voi consigliato (anoscopia, rettoscopia, manometria, perionografia). Dalla perineografia è risultato:
Rettocele, cistocele, enterocele, emorroidi interne di 1 grado e prolasso mucoso di 2 grado. Il medico che ha eseguito l’esame ha consigliato un intervento chirurgico quanto prima, mentre la proctologa a cui mi sono rivolta sostiene che l’intervento è assolutamente da evitare in quanto in presenza di miopatia c’è il rischio di peggiorare la situazione.
Io adesso non so piu’ cosa pensare, ho sempre dolori all’addome, mi sento come se avessi una palla dentro la pancia (infatti il rettocele è risultato di oltre 3 cm) e non riesco a far funzionare l’intestino.
Cosa mi consigliate ?
ancora grazie

[#5]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
MARIANO COMENSE (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Credo sia indispensabile una valutazione neurologica. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it