Utente
Buongiorno, sono una donna di 45 anni. In passato ho sofferto di leggere perdite di sangue dopo la defecazione (una goccia sulla carta igienica), per questo motivo la mia dottoressa curante mi sottopose ad esplorazione rettale da cui risultò la presenza di una ragade poi curata con una pomata. Nel tempo ho avuto ancora perdite minime di sangue dopo la defecazione,e piccoli fastidi ma tutto molto sopportabile. Da dieci giorni circa, tuttavia, ho violenti dolori in zona anale e perianale (dovuti sicuramente a ragadi ed emorroidi), ho bisogno di andare in bagno 5/6 volte al giorno, con dolori fortissimi durante la defecazione che mi lasciano il bruciore per molte ore (solo poche volte perdita di una goccia di sangue); ho dovuto prendere malattia sul lavoro perchè ho difficoltà a rimanere fuori casa troppe ore e questo è il problema più grave. La dottoressa curante mi ha prescritto Alvenex bustine (6 al giorno per i primi 3 giorni) e tre applicazioni al giorno di Antrolin ma ho l'impressione che mi aumenti il bruciore, mi lavo spesso con acqua tiepida ma mi sembra che la situazione non migliori.Cosa posso fare? Grazie mille per l'attenzione!

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Credo sia necessaria una visita dal proctologo per una valutazione diretta della patologia e la cura specifica.

Saluti
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]  
Dr. Vincenzo Adamo

32% attività
0% attualità
12% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Penso che i sintomi da lei riferiti siano da ricondurre alla presenza di una ragade anale che talvolta può non rispondere al trattamento medico. In questi casi infatti è indicata una valutazione specialistica proctologica che permetta di fare una diagnosi certa ed eventualmente dare una indicazione chirurgica se il caso lo richiede.
Dr. Vincenzo Adamo

[#3] dopo  
Utente
Grazie mille per le vostre risposte, la settimana prossima vorrei prenotare una visita dal proctologo. L'intervento per eliminare la ragade può avere effetti collaterali? Ho qualche timore a sottopormi a questo intervento.

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Si affidi ai consigli e alla terapia indicata dal proctologo.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#5]  
Dr. Vincenzo Adamo

32% attività
0% attualità
12% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Gent.le signora si affidi con serenità al suo proctologo di fiducia , l'intervento per la ragade anale consiste in una sezione parziale dello sfintere anale interno(che è uno dei muscoli che formano lo sfintere anale) . Il suo ipertono e cioè la contrazione tonica eccessiva è alla base della fisiopatologia della ragade anale.
Nel caso in cui non si riesca ad ottenere una riduzione del tono muscolare con la terapia medica , l'intervento chirurgico è il trattamento di scelta e se eseguito correttamente non presenta particolari effetti collaterali.
Cordiali saluti
Dr. Vincenzo Adamo

[#6] dopo  
Utente
Grazie per le vostre pronte risposte, ho prenotato una visita proctologica per la settimana prossima.
Cordiali saluti.