Utente
GEntili medici,
ho 21anni esoffro di emorroidi di secondo grado che mi escono all'atto della defecazione per poi rientrare sotto una leggera pressione entr 5 minuti dallafin dell'atto defecatorio. Circa una voltaal mese le emorroidi mi sanguinano con il classico gocciolamento alla fine della defecazione, con grosse gocce di sangue rosso vivo. Però almenouna volta all'anno mi capita una cosa particolare: in periodi di normal iniammazione emorroiea, durante la defecazione, le emorroidi si rompono ma sta volta senza gocciolare, bensi vedo un getto di sangue vero e propio di colore rosso vivo, doppodichè inizia il classico gocciolamento che si arresta da solo. Di cosa potrebbe trattarsi?

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
E' la classica rottura di emorroidi. Necessita pertanto di vista proctologica e decisione sulla terapia.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2]  
Prof. Luigi Basso

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
...presumibilmente di emorroidi, appunto! Probabilmente di II° grado. E' necessario, pertanto, che si faccia vedere da un proctologo che: 1. le confermerà la diagnosi e 2. le consiglierà cosa fare. In questa fase potrà forse beneficiare da terapia conservativa (ammorbidenti fecali, Anurex -un nuovo dispositivo che si introduce due volte al giorno nell'ano e cedendo freddo migliora i sintomi-, flavonoidi, etc.) o da terapia interventistica non chirurgica (quale la legatura elastica delle emorroidi secondo Barron).
Prof. L. Basso
"Sapienza" Università di Roma
Casa di Cura "Ars Medica", Roma
http://www.colonproctologia.com

[#3] dopo  
Utente
Ta laltro ho dimenticato didire che in questo caso larotra è stata completamene adolorosa!!! Atre volte invece mi facevano male gia da prima.
Grazi per le risposte,
saluti

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
OK. Non cambia ovviamente il nostro consiglio !

Auguri.
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente
Un ultima curiosità: mi avet parlato di Anurex. In passato invee ho usato Dilatan applicato freddo. SI tratta più o meno della stessa cosa o sono de cose diverse?Grazie ancora

[#6]  
Prof. Luigi Basso

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
L’Anurex è un dispositivo delle dimensioni di un dito mignolo, riutilizzabile fino a 6 mesi, che si introduce nell'ano. L’Anurex impiega il freddo per il possibile miglioramento di svariate problematiche proctologiche, tra cui particolarmente utile in caso di emorroidi, prurito, etc. L’Anurex va riposto nel freezer, poichè contiene al suo interno un fluido in grado di cedere gradualmente il freddo nel corso di sedute di 8 minuti circa, da ripetersi, a seconda dei casi, una o due volte al giorno. L’Anurex va inserito con l’ausilio di un lubrificante. Il "freddo" contribuisce ad eliminare sanguinamento, dolore e prurito anale. In tal senso l’azione “crioterapica” dell'Anurex non va confusa con la "crioterapia chirurgica" delle emorroidi, in auge alla fine degli anni '70 ed i primi anni '80, ma oramai quasi completamente in disuso. I dilatatori Dilatan, invece, sono dilatatori di diverse misure (5) di cui le prime 3 disponibili in una confezione unica, e le due più grandi (misura 4 e 5) disponibili in confezioni singole. I dilatatori Dilatan non contengono al loro interno alcuna sostanza che ceda il freddo, sono particolarmente indicati in caso di ragade anale.

Prof. L. Basso
"Sapienza" Università di Roma
Casa di Cura "Ars Medica", Roma
http://www.colonproctologia.com