Utente
Buongiorno!!
Due anni fa feci una visita dal proctologo perche' avevo un po di fastido e sangunamneto dopo defecazione, il risultato fu proctite ed emorroidi prima grado, spari tutto ne giro di una settimana con delle supposte di cortisone..
Poco tempo fa rifeci un'altra visita in una struttura ospedaliera diversa cosi' per sfrupolo ed il risultato fu prlaso muco emorroidario al ponzamento durante l'ispezione ed emporroidi secondo grado con piccolo trombo interno..
Ora chiedo a voi esperti, io sinceramente non mi sento di avere problemi apparte qualche volta se eccedo in birra o bevo troppo caffe' e latte dato che ho il collo irritabile, il mio medico dice che il retto e' sceso e con il tempo rischio l'ostruzione e' vero? La patologia non regredisce, il prolasso puo' essere causato solo da infiammazione? O sono solo le emorroidi ad essere scese? Altra cosa , mi ha dato delle pastiglie per rinforzare le vene ed una pomata da mettere e quando la inserisco con il dito anche all'interno come mi ha specificato e' possibile sentire le pareti all'interno prolassate od e' solo mia fantasia ed immaginazione??
Grazie

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
se lei è asintomatico credo che terapia medica e periodiche visite di controllo siano, attualmente, da preferire.

Cordialità
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, andando per ordine, il prolasso emorroidario è associato al prolasso della mucosa rettale, che prima di dare una sindrome da defecazione ostruita, alla quale il suo medico si riferisce deve essere di una certa entità, se lei non ha sintomi di questo tipo vuol dire che adesso è prevalente la problematica emorroidaria rispetto a quella del prolasso, che comuque si può documentare ed oggettivare eventualmente con una defecografia, se necessario. Il prolasso non è creato dall'infiammazione, semmai può avvenire il contrario, per cui su un prolasso mucoso rettale con emorroidi associate è più facile che si instauri una proctite. La sensazione che lei avverte è poco valutabile e se fosse, non farebbe che confermare ciò che le ha già detto il medico. In buona sostanza lei da quello che ci ha rappresentato riesce a gestire ancora bene in maniera conservativa il suo problema, però il mio consiglio è di farsi controllare periodicamente da un proctologo, in quanto questa patologia è evolutiva e quindi potrebbe con il tempo non essere più sufficiente una terapia medica per tenere sotto controllo i suoi sintomi.
Cordiali saluti.
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#3] dopo  
Utente
Grazie delle risposte per dopo la terapia prescritta rifaro' la visita e altri accertamente , devo dire che sono non poco preoccupato, comunque puo' essere normale che iserendo la crema all'interno si senta le pareti della mucosa rettale o anche se vuota dovrebbe essere, come dire espansa come un pallloncino?

[#4] dopo  
Utente
Dimenticavo!!! Il procotolo mi ha detto che la prossima volta mi faceva delle legature elastiche per togliere le emorroidi di secondo grado, e' vero che sono indolore? Me le fara' in studio senza annestesia. Pero' sinceramente non mi ha parlato asolutamente di prblemi causato al prolasso,,, non so cosa pensare..

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
quanto ha ulteriormente raccontato non sposta, a mio modesto avviso la questione.

Riprendo una sua frase:
<<io sinceramente non mi sento di avere problemi apparte qualche volta se eccedo in birra o bevo troppo caffe' e latte dato che ho il collo irritabile>>

per cui le ripeto:
se lei è asintomatico credo che terapia medica e periodiche visite di controllo siano, attualmente, da preferire.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it