Utente
Gent.li Dottori,
pur non essendo stitica e non evacuando feci dure, ho spesso sofferto di ragadi anali, che per fortuna guariscono sempre dopo terapia conservativa. tutte le volte mi sono recata da proctologi e hanno tutti escluso la presenza di patologie infiammatorie secondarie (morbo di chron, ecc...), non parlo quindi per autodiagnosi. uno dei medici che mi ha visitato mi consigliò di continuare a usare i dilatatori anche dopo la guarigione, per prevenire il ritorno dell'ipertono. devo dire che seguendo il suo consiglio mi sono trovata meglio e non ho più avuto ragadi, mi domandavo però se l'uso prolungato dei dilatatori possa a lungo termine danneggiarmi o provocare reazioni collaterali, anche del tutto indipendenti dalla ragade

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non vedo possibilità che si possa creare un danno con un uso più prolungato dei dilatatori se, di base, c'è uno spasmo anale che giustifichi tale pratica.


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
la ringrazio tanto per la risposta, se posso la disturbo per togliermi un ultimo dubbio. il proctologo mi ha consigliato, viste le mie recidive, di usare i dilatatori un paio di volte alla settimana per aiutare l'ano a mantenersi elastico, anche se adesso sto bene e non si registra un ipertono marcato. devo dire che seguendo il suo consiglio mi sono trovata meglio, nel senso che fin'ora non ho più avuto ricadute, tuttavia non mi preme tanto conoscere la validità o meno di questa pratica (può darsi non vi siano proprio statistiche sull'uso prolungato dei dilatatori o il loro impiego a scopo preventivo), il mio dubbio è che usarli spesso, sollecitando lo sfintere, possa sulla lunga distanza favorire un prolasso emorroidario, cosa di cui al momento non soffro nè ho mai sofferto. per spesso, intendo 2 o 3 volte la settimana per un paio di minuti.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non c'è rischio di prolasso (altra patogenesi) per cui i dilatori sono utili se permane un ipertono sfinteriale.

Saluti
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it