Utente 244XXX
Sono un ragazzo di 21 anni. La descrizione di quello che ho è un po' lunga. Tutto ha inizio lo scorso febbraio quando ho iniziato ad accusare di dolori nel basso addome destro che a volte tendevano ad alzarsi un pò ma cmq sempre al di sotto della cassa toracica fino a quasi la zona del pube. Il dolore, che era iniziato a fitte, è diventato poi via via più un fastidio perenne. Contemporaneamente è iniziata una grande stanchezza e debolezza che mi impedisce di vivere come si deve la mia vita. Altri sintomi sono muco nelle feci e un leggero calo di peso (prima ero 70kg e invece da febbraio sono 67). Dopo pochi giorni mi è anche salita una leggera febbre arrivata al max 37.2, la quale, non passando dopo 2 sett , è stata curata con antibiotici. La febbre è di nuovo comparsa a metà marzo ed è stata di nuovo curata, dopo 2 sett di attesa, con antibiotici. Da quel momento non è piu comparsa, ma tutti i restanti sintomi sono rimasti. La debolezza va e viene in maniera acuta anche se nei periodi in cui va meglio non sono di certo al 100% mentre quando mi assale mi dura per diversi giorni e mi butta giù tantissimo. Ho eseguito tantissime analisi: esami del sangue, Ves, pcr, esami del ferro, per la tiroide, per la celiachia, coprocultura, esame delle feci per sangue occulto o parassiti, ecografia all'addome e tutto è risultato a posto, nemmeno un valore fuori posto. Un chirurgo mi ha diagnosticato solo un colon irritabile ma me l'ha fatta passare come una cosa banalissima. Io sono disperato perche è da febbraio che mi sembra di non vivere e non capisco come un colon irritabile possa ridurmi cosi. Dai sintomi che si evincono è possibile si tratti solo di quello? Ah dimenticavo che molto spesso nelle fasi di maggior debolezza il fastidio all'intestino sembra quasi sparire per tornare quando sto un po meglio. Posso fare qulcosa, inoltre, per questa continua debolezza e stanchezza? E' per me una cosa veramente insopportabile e penso che i fastidi all'intestino non sono per me un grosso problema mentre la cosa che soffro di più è appunto questa continua stanchezza e debolezza.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Credo che la sintomatologia intestinale sia scarsina,
mentre prevale molto la carica ansiogena =>
<< i fastidi all'intestino non sono per me un grosso problema mentre la cosa che soffro di più è appunto questa continua stanchezza e debolezza>>.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 244XXX

Ma solo l'ansia può portare una cosi grande debolezza? L'intestno irritabile dovuto alla presenza di continuo muco nelle feci penso sia una cosa cmq certa, ma mi chiedo come posso tornare nuovamente a stare bene? Esistono terapie oppure l'unica cura è il tempo? Grazie mille.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Lei dice
<<Ho eseguito tantissime analisi: esami del sangue, Ves, pcr, esami del ferro, per la tiroide, per la celiachia, coprocultura, esame delle feci per sangue occulto o parassiti, ecografia all'addome e tutto è risultato a posto, nemmeno un valore fuori posto.>>

Con il solo muco nelle feci e con quanto ha riferito è difficile non considerare l'aspetto psicologico del problema: non crede?

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 244XXX

Buongiorno. La settimana scorsa mi sono recato da un gastroenterologo che ascoltando tutta la storia e i miei sintomi che ho scritto sopra, ha ipotizzato potesse essere morbo di crohn. Vorrei chedervi un parere in quanto leggendo quello che porta questo morbo mi sembra che i miei sintomi, per quanto debilitanti, non sono cosi gravi e inoltre non ho tantissima diarrea (piu o meno capita un giorno ogni 10 e ho solo una scarica e basta), non devo andare spesso al bagno e inoltre ho letto che nelle analisi del sague valori come la Ves o la pcr dovrebbero essere sballati mentre io li avevo quasi nulli sia nei giorni in cui stavo piu male sia in giorni iun cui mi sentivo meglio (ho effettuato circa 4 sami del sangue nello spazio di 4 mesi). Volevo sentire un vostro parare soprattutto legato all'attendibilità di questa diagnosi che mi fa molto preoccupare. Grazie.

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Pur con i limiti della distanza e della mancanza della visita diretta,
mi permetto di riproporre quanto ho scritto in replica #1.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 244XXX

Forse è statto un errore mio dare poca importanza ai disturbi intestinali pero, pur dicendo che debolezza e stanchezza sono per me le cose piu difficili da sopportare, anche i problemi all'intestino ci sono e tutto è partito da li. Li elenco meglio. Fastidio che diventa a volte dolore nelle parte destra dell'addome da sotto la cassa toracica fino a quasi sul pube, muco costante nelle feci, continui borboglii all'intestinonella parte dolorosa, a volte diarrea (un giorno ogni 7-8 circa), spesso feci non troppo solide tipo filiformi. Questi sono i sintomi che ho fin dall'inizio del mio problema. Vale ancora quello che sopra mi ha comunicato?
E' possibile avere un'infiammazione senza che Ves e pcr possano farlo risultare?

[#7]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
A mio modesto avviso, con i limiti del consulto a distanza, vale ancora,

non riesco a scorgere elementi per pensare al M. di Crohn
ma piuttosto ad un Colon Irritabile
(come le aveva suggerito il precedente specialista).

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente 244XXX

Grazie mille per le risp. Vorrei solamente avere ancora una risp a questa domanda perche alla fine è l'unico dato fisico e reale su cui mi posso basare. Con la presenza di valori normalissimi e bassissimi a più riprese nella Ves e nella pcr, si può escludere un'infiammazione dell'intestino oppure può essere cmq presente? Grazie mille.

[#9]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Non esistono regole nette,
in ogni caso i suoi sintomi e questi dati allontanano l'ipotesi.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it