Utente
Ringrazio anticipatamente chi potrà rispondermi.
Premetto che non ho mai avuto problemi di questo tipo e quindi mi trovo un po' spiazzato.
La sintomatologia è iniziata a seguito di stitichezza protrattasi per circa 3-4 giorni; ho evacuato con difficoltà e con sforzo, ma altre volte mi era successo e non avevo poi avuto problemi. Circa due giorni dopo ho cominciato ad avvertire un dolore pulsante all'ano/retto che continuava per tutta la giornata. Difficoltà a sedermi/tossire/muovermi. La notte mi dava un po' di sollievo solo una bustina di OKI. Le successive evacuazioni sono risultate difficoltose, con molti ponzamenti, dolore ano/retto accentuato, muco nelle feci. Dopo 2 giorni è comparso anche eritema attorno all'ano/ano umido...Nei giorni successivi il dolore pulsante è andato via via diminuendo, tanto da non rendere più necessario l'uso di antidolorifici, ho cominciato a muovermi nuovamente bene (dopo che a forza di camminare in modo improprio ho cominciato ad avveritire anche male ai piedi e alle gambe :) ) ma rimane quello al momento della defecazione tipo "squarcio" durante la defecazione, leggerissima perdita di sangue rosso vivo.
Con uno specchio ho cercato di "osservarmi"; con la spinta emerge una specie di pallina color arancione scuro/biscotto...è stata una settimana di passione, va un po' meglio, ma defecare rimane un problema.
Ringrazio ancora chi potrà consigliarmi. Ho intenzione di aspettare ancora due e tre giorni e vedere come evolve la cosa, poi anche in base a quanto mi si dirà, penso che potrei consultare uno specialista della mia zona
Grazie ancora.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Si trattta, da come descrive, di una trombosi emorroidaria, che adesso è in fase di risoluzione. Chieda una visita proctologica per la conferma della patologia e la terapia opportuna,


Cordialmente


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dr. Cosentino,
la ringrazio moltissimo per la sua risposta. Come ha evidenziato, la situazione sembra essere in fase di risoluzione, ho provato ad osservarmi nuovamente con lo specchio con la solita posizione da contorsionista ed addirittura se mi rilasso lo sfintere si "apre" da solo e per quello che vedo il canale sembra sgombro, solo sulla sinistra vedo appena un piccolo rigonfiamento; anche la defecazione oggi è stata dolorosa, ma comunque molto meno rispetto ai giorni passati.
Mi rimane la curiosità di capire perchè io sia andato incontro a questo evento. Dicevo forse un episodio di stitichezza...eppure sporadicamente anche in passato mi era successo e non avevo avuto tali problemi. Ma non voglio rubarle altro tempo, immagino che a questa domanda non può rispondere così su due piedi.
La ringrazio ancora e auguri a chi si troverà in futuro a leggere di questa mia esperienza. I casi degli altri mi son stati di grande aiuto e supporto e posso dire di essermi fatto una cultura niente male e la prossima volta (spero mai) sarò più pronto.

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Non sempre è possibile dare una risposta agli eventi. Bisogna però dire che la trombosi fa parte della storia naturale delle emorroidi: a volte la stipsi, altre volte l'alimentazione o anche certi sport.


Auguroni.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Gentile Dr. Cosentino (o chi potrà rispondere),
nel frattempo il disturbo emorroidario si è pian piano affievolito e mi sembra tornato tutto nella normalità, noto però qualcosa di strano rispetto a prima, ovvero un senso di bruciore quando urino. Non fortissimo, ma è un fastidio che è partito in concomitanza con l'episodio acuto di cui sopra e a cui non prestavo molta attenzione, ma che col tempo è rimasto praticamente invariato. Come dicevo, è un leggero fastidio/bruciore durante minzione, esteso ad uretra e più internamente. Le urine sono limpide, uguali a prima, trovo invece maggiore difficoltà ad avere un "getto" normale. Possibile che si sia instaurata, con l'episodio delle emorroidi, una sorta di infezione?? Grazie ancora.

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Problema urinario ed emorroidi non hanno fra di loro collegamenti.


Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologia ed Endoscopia - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it