Utente
Salve dottori.Volevo chiedere 1 vostro parere su 1 referto di una rettoscopia.premetto ho 27 anni e 4 anni fa sono stato operato di emorroidectomia con il metodo milligan morgan per emorroidi di 3 e 4 grado.ma dopo l'intervento ho sempre avuto difficoltà ad evacuare,tanto che se non mi aiuto io manualmente non riescoad espellere nemmeno feci molle e ho sempre la pancia gonfia d'aria,ho lo stimolo come se vorrei evacuare ma spingo e non riesco per via di emorroidi congeste che mi sono risultate nel referto i quest'ultima rettoscopia fatta ieri:esame condotto fino al giunto sigmoidocolico circa.al canale anale plesso emorroidario congesto e disepitalizzato.al retto inferiore si repertano gli esiti del pregresso intervento di emorroidectomia.null'altro da segnalare.il medico che ha eseguito l'esame mi ha detto che per lui non sono operabili ma di parlare con un chirurgo,ma il punto è che credo abbia sottovalutato il mio problema dato che io non riesco ad emettere nemmeno aria.volevo sapere posso evitare davvero 1 altro intervento?è possibile decongestionare questo plesso emorroidario congesto e disepitalizzato(che non so che significa) con dei farmaci?spero possiate rispondermi quanto prima perchè soffro maledettamente perchè mi sento lo stomaco,l'intestino e anche la vescica disturbata.cordialità

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Qui i problemi sono due, e non tutti e due sono imputabili alle emorroidi. Cominciando da quest'ultime concordo con la necessita' di parlare con uno Specialista: i metodi per decongestionare un plesso emorroidario ci sono senz'altro, e si basano su una serie di farmaci opportunamente dosati. Ci potrebbe poi essere la possibilita' di operare di nuovo, ma appunto la cosa va valutata da uno Specialista. Al quale io sottoporrei anche il secondo problema: se ha difficolta' ad evacuare potrebbe trattarsi di una disfunzione del pavimento pelvico; oppure di stipsi...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
dottor Spina la ringrazio di cuore per la risposta..mi sa che lei è il primo medico che ha capito realmente i miei disturbi,ho cercato "disfunzioni del pavimento pelvico"e ho trovato i vari disturbi che può portare e ho letto porta anche disturbi sessuali e questi disturbi li ho anche io.quindi dovrei rivolgermi ad 1 fisioterapista?perchè ho contattato vari chirurghi anche quello che mi operò 4 anni fa e lui come altri che ho contattato hanno sottovalutato il mio problema probabilmente per la giovane età e perchè all'esplorazione del retto non notano nulla di significativo,ma il disturbo come dice il referto della rettoscopia è su dove non si tocca con l'esplorazione rettale.io ho modificato la mia alimentazione mangiando cose liquide e bevendo molta acqua e ciò mi comporta feci molle con dolori allo stomaco e gonfio d'aria e riesco ad espellerne giusto un po e poi se non mi aiuto manualmente mi rimane dentro e non appena mi aiuto manualmente ovviamente ne espello molta,cioò vuol dire le feci(così come l'aria) arrivano fin sopra le emorroidi congeste e poi da li arrivano i miei problemi.

[#3] dopo  
Utente
ah dottore dimenticavo..anni addietro usavo mictasone supposte queste vanno bene per decongestionare questo plesso emorroidario nella parte alta del mio retto?o devo utilizzare farmaci per via orale?cordiali saluti e ancora grazie.

[#4]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Purtroppo sulle prescrizioni di farmaci non possiamo esserle di aiuto, perche' in assenza di una visita diretta questa modalita' e' vietata.
Parliamo piuttosto del resto: lei continua a dare la colpa di tutto alle emorroidi, ma io non ne sarei cosi' sicuro, anzi sarei quasi convinto del contrario, anche se debbo necessariamente lasciarmi un margine di dubbio perche' non posso certo fare diagnosi solo sulla base del suo racconto. La recidiva della malattia emorroidaria, nel caso venisse confermata, andra' trattata con l'aiuto del Proctologo. Con terapia medica o chirurgica, questo davvero non posso saperlo, ma comunque appare un problema a se' stante.
Dall'altra parte abbiamo un sospetto, che pare non abbia nulla a che vedere con le emorroidi, ma che purtroppo e' comunque sopraggiunto: il sospetto e' appunto una disfunzione del pavimento pelvico. Deve rivolgersi ad un fisioterapista? Forse, in futuro, non sara' da escludere; ma siccome il fisioterapista di certo non puo' decidere che cosa fare, perche' puo' soltanto eseguire quanto prescritto da un Medico, lei dovra' necessariamente recarsi prima da un Medico (meglio se Specialista ovviamente in questo campo!), sottoporsi ad una prima visita, probabilmente effettuare degli accertamenti strumentali che egli riterra' di doverle prescrivere, e solo a quel punto, se la diagnosi sara' confermata e se il Medico riterra' utile un certo trattamento, potra' recarsi dal fisioterapista per eseguire quanto riportato sulla prescrizione medica.
Una strada un po' lunga, lo so. Ma mettiamo caso che io mi sbagli (casa probabilissima, visto che le sto scrivendo senza conoscerla!): vuole pagare per fare esercizi fisioterapici a casaccio con la prospettiva di non migliorare la situazione o con il rischio magari di peggiorarla?
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#5] dopo  
Utente
Salve caro dottore.Volevo comunicarle che ho anche il dubbio possa essere qualcosa di grave tipo tumore al colon.Non ho sanguinamento,però cercando su internet ho letto i vari sintomi e alcuni li ho anche io specie pancia gonfia lato destro,spesso affannatoe gonfio d'aria,premetto salto molti pasti non mangio mai regolato a pranzo ad esempio non mangio quasi mai pasta ma mangio a volte crackers a volte biscotti ma proprio perchè già al mattino mi sveglio gonfio col sapore ancora del cibo della cena e difficoltà ad evacuare anche feci molle.L'ultima colonscopia l'ho fatta nel 2009 e non mi era risultato niente per fortuna.forse mi sto preoccupando troppo o forse no?cordiali saluti.

[#6]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Tutto puo' essere, per carita': come potrebbe avere lei un tumore al colon, cosi' potremmo averlo tutti. Non mi pare pero' di poter rilevare elementi che indichino un rischio maggiore nel suo caso rispetto alla media della popolazione, considerando anche che la sua giovane eta' gioca senza dubbio a suo favore!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#7] dopo  
Utente
Grazie dottore..mi tranquillizzo un po..se però avverto sempre questi sintomi e disturbi farò una colonscopia dato che l'ultima l'ho fatta nel 2009..cordiali saluti e grazie mille dottor Spina!!

[#8]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Solo se le dovesse essere prescritta da un Medico che potra' visitarla "dal vivo"!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#9] dopo  
Utente
salve dottor Spina,volevo chiederle 2 cose..la prima:ma è possibile che questo plesso emorroidario congesto mi renda praticamente impossibile evacuare normalmente?e poi le feci mi arrivano molle per così dire,ma mi sento imprigionato mi sforzo a vuoto poi non appena mi aiuto manualmente cioè allargando le pareti dell'intestino con 1 dito riesco a fatica ad espellere le feci e mi accorgo che non sono poi tanto dure anzi abbastanza molli dato che assumo solo cose genuine e bevo abbastanza acqua e consumo alimenti che contengono fibre.in conclusione mi sento di impazzire non riesco ad espellere nemmeno gas come si deve e mi si gonfia la pancia d'aria e iniziano eruttazioni quasi a sforzarmi perchè mi sento nausea e appunto aria che cerco di eliminare tramite erutti inoltre non appena bevo l'acqua me la sento tornare in gola.Spero potrà togliermi 1 volta per tutte questi dubbi che ho anche posto al mio medico curante il quale non ha saputo rispondermi con 1 risposta precisa.Caro dottor Spina le porgo ancora 1 volta i miei più cordiali saluti.

[#10] dopo  
Utente
salve dottor Spina,volevo chiederle 2 cose..la prima:ma è possibile che questo plesso emorroidario congesto mi renda praticamente impossibile evacuare normalmente?e poi le feci mi arrivano molle per così dire,ma mi sento imprigionato mi sforzo a vuoto poi non appena mi aiuto manualmente cioè allargando le pareti dell'intestino con 1 dito riesco a fatica ad espellere le feci e mi accorgo che non sono poi tanto dure anzi abbastanza molli dato che assumo solo cose genuine e bevo abbastanza acqua e consumo alimenti che contengono fibre.in conclusione mi sento di impazzire non riesco ad espellere nemmeno gas come si deve e mi si gonfia la pancia d'aria e iniziano eruttazioni quasi a sforzarmi perchè mi sento nausea e appunto aria che cerco di eliminare tramite erutti inoltre non appena bevo l'acqua me la sento tornare in gola.Spero potrà togliermi 1 volta per tutte questi dubbi che ho anche posto al mio medico curante il quale non ha saputo rispondermi con 1 risposta precisa.Caro dottor Spina le porgo ancora 1 volta i miei più cordiali saluti.

[#11]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Ancora una volta mi pare che lei voglia dare per forza la colpa alle emorroidi: non e' facile ovviamente darle risposte certe senza poterla visitare, pero' tutto porterebbe a pensare che il suo problema sia legato ad una disfuzione del pavimento pelvico e non alle emorroidi. Che poi lei abbia anche un prolasso emorroidario questo puo' anche darsi, ma sembrerebbe soltanto un fastidioso disturbo accessorio, non la causa della difficolta' di svuotamento che lei ci sta descrivendo.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#12] dopo  
Utente
Caro dottor Spina grazie mille anche solo per le risposte che mi sta dando.Al momento non posso venire a Roma ma spero davvero di riuscire a farmi visitare da lei,proprio perchè io non vivo più così,anche adesso sono dovuto andare al bagno e stimolarmi manualmente per cercare di evacuare e dato che tutto il giorno ho avuto pancia rumorosissima d'aria e difficoltà ad eliminarla tanto che ogni volta che non riesco a svuotarmi ne di aria ne di feci mi viene 1 peso al testicolo sinistro (che operai circa 8 anni fa per 1 varicocele tramite sondino e ho fatto varie ecografie e li è tutto perfetto)e trovo sollievo solo quando "allargo" le pareti del retto e riesco ad evacuare anche se con difficoltà molte feci molle (ho iniziato anche ad assumere del lattulosio).Dottore non so più cosa fare deve credermi sono quasi 5 anni che idottori mi dicono niente di grave,1 proctologo mi aveva detto c'era 1 prolasso emorroidario e di fare l'intervento col metodo thd,nella rettoscopia mi risulta 1 plesso emorroidario congesto e mi è stato detto non è detto sia operabile,miè stato anche detto coloni rritabile e gastrite(risultata in 1 rx,anche se non capisco cosa mi causa la gastrite dato che mangio tutto regolato emi è stato detto probabilmente nervosa)e appunto il medico curante mi ha prescritto lucen da 40 mg è una dottoressa internista il debrum più la sera prima di andare a letto 1 bustina di gaviscon e per 1 periodo ho assunto anche levopraid e al bisogno farmaci per assorbire i gas nello stomaco tipo mylicon,ma tutto ciò non ha portato alcun risultato sempre peso all'intestino e difficoltà ad emettere gas e ad espellere feci sia molli che dure.Mi scuso per lo sfogo ma sono quasi 5 anni che non trovo sollievo e non mi sento di fare 1 vita regolaremagari potrei passare per folle ma le giuro sono 1 persona tranquillissima se solo non ci fossero questi disturbi che mi disturbano tutto il corpo io starei bene!ancora 1 volta infinitamente grazie dottor Spina anche solo per aver rispodto al mio caso che spero di trovare 1 soluzione.cordiali saluti.

[#13]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Se mi viene a trovare mi fara' piacere, ma in realta' lei non ha bisogno di venire a Roma: lei deve soltanto prendere coscienza che probabilmente c'e' un problema di ostruita defecazione. Dimentichi per un po' le emorroidi, si dedichera' in seguito a questa fastidiosa malattia: adesso deve pensare a cose piu' importanti. Cominci col farsi prescrivere una Rx-defecografia: con i risultati di quest'ultima il suo Curante potra' indirizzarla verso ulteriori accertamenti.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#14] dopo  
Utente
GRAZIE DOTTORE..LE FARò SAPERE NON APPENA AVRò RITIRATO L'ESITO DI QUESTA RX-DEFECOGRAFIA!MA SOLO PER CURIOSITà PER L'OSTRUITA DEFECAZIONE CI SONO FARMACI O SI DEVE FARE 1 INTERVENTO?GRAZIE MILLE E CORDIALI SALUTI!

[#15]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
In certi casi (ma non in tutti!) la Chirurgia puo' tornare utile. Legga qui https://www.medicitalia.it/minforma/colonproctologia/132-sindrome-da-defecazione-ostruita-stipsi-starr-e-transtar.html
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#16] dopo  
Utente
salve dottore!!avevo dimenticato a dirle che a fine luglio ero pronto per operarmi col metodo thd dato che effettuai una visita da 1 colonproctologo privato il quale mi eseguì un esame non so se era anoscopia o rettoscopia e mi disse prolasso emorroidario e mi programmò l'intervento,ero tutto pronto ma prima di entrare in sala operatoria ebbi 1 ripensamento e rifituai anche perchè non mi sentivo di addormentarmi anche se mi diss era 1 sedo analgesia o in alternativa la spinale.Adesso leggendo su internet leggo vari racconti che parlano bene della tecnica thd e altri della longo altri male della thd e altri male della longo e leggendo ho capito che per la sindrome da ostruita defecazione è indicato il metodo longo che però può portare complicanze a volte serie,siccome non vorrei più sbagliare e fare un intervento mirato stavolta dato che 5 anni fa quasi subii già un intervento all'intestino cioè l'emorroidectomia e sappiamo è una zona delicata volevo solo chiedervi ma la thd dunque non riesce a curare la sindrome da ostruita defecazione?(anche qui ho letto che possono cedere le vene dearterializzate o cedere la pessia che appunto forse serve per il proasso o per la ostruita defecazione o proprio no?)perchè allora il colonproctologo mi aveva detto di fare questo intervento e che si sarebbe risolto tutto?lui come diagnosi mi disse prolasso emorroidario solo che non ho ne sanguinamento ne sintomi così accentuati di emorroidi ma a furia di sforzarmi ovviamenete è come se volesse uscire il vecchio prolasso operato quindi escono solo dove ho le cicatrici.Che mi dice?con la thd si risolve anche l'ostruita defecazione asuo parere?devo fidarmi di questo colonproctologo?o contattarne 1 altro che usa la longo?e poi l intervento per l'ostruita defecazione e davvero così "complicato per così dire"cioè che a volte può ritornare tutto come prima anzi con peggioramenti e seri problemi?e infine si può effettuare con entrambi i metodi (anche se si deve asportate la porzione prolassata con la longo)l'anestesia spinale?non voglio addormentarmi tutto ho questa fobia.Come sempre dottor Spina la ringrazio per avermi aperto a questa nuova strada per far si io riesca ad avere 1 vita sociale e vivere almeno dignitosamente.Cordiali saluti

[#17]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
All'epoca in cui le era stata consigliata la THD probabilmente la diagnosi era (forse, non lo so...) soltanto quella di un prolasso emorroidario. Ora le cose stanno un po' diversamente: abbiamo detto di mettere da parte per un po' le emorroidi e concentrarci piuttosto su un nuovo e piu' importante possibile problema, ancora pero' tutto da verificare. Ma lei ancora non ha la diagnosi e gia' sta disquisendo sulla terapia? E addirittura pretende di scegliere lei il tipo di procedura chirurgica e anestesiologica che vuole fare! Non trovera' nessun Chirurgo al mondo disposto ad operarla con una metodica della quale non e' convinto; e nessun Chirurgo potra' convincersi di nulla finche' non viene posta una diagnosi certa.
Alcuni tipi di ostruita defecazione possono beneficiare del trattamento con tecnica Starr, ma le ricordo che il ricorso alla Chirurgia non e' comunque consigliabile per tutti i casi: vada quindi per gradi, cominci a fare un defecogramma, poi si vedra'!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#18] dopo  
Utente
salve dottore volevo aggiornarla.mercoledì pomeriggio sono stato a visita privata da 1 dottoressa gastroenterologa e internista.mi ha visitato anche il retto e mi ha confermato come diagnosi:sindrome dell'intestino irritabile dicendomi che inb base anche alla rettoscopia fatta e ai miei sintomi + i vari esami fatti come colonscopia ed esami di laboratorio la sindrome da intestino irritabile già diagnostica in passato da altri medici.ma la mia domanda una volta per tutte per togliermi sto dubbio è questa:un plesso emorroidario congesto e disepitalizzato può portare difficoltà ad evacuare anche feci molle e costringermi ad aiutarmi conil dito per allargare le pareti e poi sforzandomi uscire feci molli?anche perchè mi rimane poi 1 peso e bruciore interno e a furia di sforzarmi ho il fianco destro gonfio e mi sento uscire i tagli dove ho avuto fatto l'intervento dall'intestino.adesso con 1 cura che mi ha prescritto la dottoressa il gonfiore sembra attenuarsi e mangiando poco e spesso però rimane il fatto della defecazione difficoltosa anche con feci normali morbide la defecografia non ha ritenuto prescrivermela così come il mio medico curante..a questo punto che devo pensare?farmi visitare da 1 altro proctologo?io penso che se mi visita mi dirà che dovrei essere operato mentre gli internisti e anche il dottore che mi ha fatto la rettoscopia dicono non necesstito d'intervento.cordialtà.

[#19]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Nulla toglie che ci possa stare anche una Sindrome del Colon Irritabile, cosa comune nei giovani della sua età. Se però vado a rispondere alla sua domanda ("un plesso emorroidario congesto e disepitalizzato può portare difficoltà ad evacuare anche feci molle e costringermi ad aiutarmi conil dito per allargare le pareti e poi sforzandomi uscire feci molli?") la risposta è "no". Quindi personalmente non sono d'accordo con chi non vuole prescriverle una defecografia. Tra l'altro ritengo che la spesa per sottoporsi a questo esame radiografico sia inferiore alla parcella di uno Specialista, quindi fossi stato in lei avrei speso meno e meglio facendomi prescrivere quest'esame dal Medico di Famiglia. Però il mondo è bello perché è vario: ognuno di noi può avere quindi idee diverse. E siccome io non ho avuto la possibilità di visitarla è molto probabile che sia in errore io piuttosto che la Gastroenterologa. Mi piacerebbe sapere però come la Collega ha risposto alla medesima domanda che, qui sopra, lei ha posto a me...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#20] dopo  
Utente
grazie dottore per la risposta.la dottoressa ha risposto alla mia domanda dicendomi ("hai già dato facendo l'intervento di milligan morgan nel 2008 e alla visita il tuo intestino non presenta problemi")ma io sinceramente accuso sempre i sintomi al momento di defecare feci morbide dato che faccio 1 alimentazione a base di fibre e mangio cosa genuine.il punto è che il curante non mi prescrive la defecografia io mi sono pure informato in 2 ospedali e mi hanno detto non fanno questo esame,cercando su internet non trovo nessun indicazione se non "villa sofia"e ho letto tempi d'attesa 30 giorni minimo.a questo punto non so cosa fare se indirizzarmi da 1 altro proctologo(diverso da quello che utilizza la thd contattato a luglio)che utilizza la longo(mi sono informato in merito)oppure fare pressione al mio curante per 1 defecografia che poi non saprei a chi far vedere e ad ogni modo i tempi d'attesa sono lunghi(sempre se la fanno alla "villa sofia".fatto sta che io devo stimolarmi continuamente per evacuare e di conseguenza ho 1 bruciore alla vescica e alla prostata causato da questa stimolazione manuale.è 1 incubo non so davvero come uscirne,in famiglia giustamente mi dicono"la dottoressa non ti ha detto si tratta di colon irritabile e ti ha escluso un altro eventuale intervento da 1 proctologo?quindi stai calmo non pensarci"quindi io no so più cosa fare.cordiali saluti.

[#21]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Mi pare assurdo... Ma lei ha detto alla Collega che per evacuare deve tirare fuori le feci manualmente? Nessuno può rimanere indifferente se un paziente gli comunica questo fatto!
Cordiali slauti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#22] dopo  
Utente
dottore si l'ho detto..gli ho detto"dottoressa parlando con rispetto io devo stimolarmi col dito per evacuare"la sua risposta "addirittura" fatto sta che mi ha prescritto 1 terapia cioè plantalax,debrum,milonet,noremifa e lansox..diagnosi:sindrome dell' intestino irritabile.mi ha chiesto se avevo ancora sanguinamento dopo l'interevnto fatto nel 2008 e gli dissi no..ma ho difficoltà anche ad emettere aria e feci morbide.addirittura io gli dissi"dottoressa quindi lei mi sta dicendo che non è il caso di andare da 1 proctologo?"mi guarda male(ironicamente)e mi dice ma scherzi?hai già dato nel 2008..assolutamente non è il caso di parlare di intervento anche in base al referto della rettoscopia fatta poche settimane fa che diceva plesso emorroidario congesto e disepitalizzato.non so come procedere mi creda.cordialità.

[#23]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Personalmente non mi pare di aver mai parlato di una visita Proctologica, né di eventuali interventi chirurgici. Casomai le ho detto di fare una defecografia (è un esame radiografico, Rx o RMN) e poi, se dovesse davvero servire, la riabilitazione del pavimento pelvico, che è una tecnica di fisioterapia. Certamente chi ha il vantaggio di averla visitata ne sa più di me; ma ciò non toglie che io rimango della mia idea, e cioè che dovrebbe fare una defecografia. In alternativa dovrei concludere che lei si sta inventando tutto e non dare peso alla faccenda, come mi pare abbia fatto chi l'ha visitata: ma siccome non credo che sia così fossi in lei non lascerei intentata questa strada.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#24] dopo  
Utente
dottore la ringrazio davvero perchè lei sta capendo che non sono sintomi inventati anche perchè non capirei a che pro..cercherò di insistere con il curante per prescrivermi 1 defecografia.rimane sempre il fatto che non saprei dove farla se non tentare a "villa sofia".assolutamente no non ho intenzione di abbandonare la strada che mi sta dicendo lei anche perchè reputo sia quella giusta per capire veramente e magari far ricredere chi ha sottovalutato il mio caso.settimana prossima farò di tutto per cercare una struttura convenzionata magari che la esegue e insisterò col curante per la richiesta facendo pressione sul fatto che sono adesso quasi 5 anni che soffro maledettamente.dottore la ringrazio davvero infinitamente mi sta seguendo meglio di molti medici che mi hanno visitato di persona e hanno solo pensato al lato economico prendendosi i soldi di 1 ragazzo disoccupato e cosa più importante per non risolvermi nulla!dottor spina la terrò informato settimana prossima sull'evolversi della faccenda stavolta farò di tutto per far si che riesca a fare questa defecografia.cordilai saluti dottor spina e grazie ancora!

[#25]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Eeeehh, quanti ringraziamenti... non è il caso, magari mi sbaglio io, chissà... Rimane il fatto che vale secondo me la pena di sottoporsi a questo esame radiografico: è vero che esso comporta l'esposizione ad una certa dose di raggi X, ma penso che il gioco valga la candela. E se avessi ragione io? Del resto non deve fare un esame particolarmente invasivo, come una colonscopia, o peggio una laparoscopia, non le pare?
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#26] dopo  
Utente
ma sicuramente..mi hanno "smontato" tutto con esami invasivi come colonscopie.gastroscopia.rettoscopie + rx addome e ecografie..quindi non mi spaventa questo esame.si ho letto su internet in cosa consiste..certo non è una cosa gradevole...è fastidiosa,ma almeno si può fare chiarezza ho fatto milioni di esami tranne questo che è quello indicato per i miei sintomi o comunque buona parte.cordiali saluti dottor spina

[#27]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Infatti: ha fatto 30, faccia 31...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#28] dopo  
Utente
salve dottor spina.la informo per quanto riguarda la defecografia..sono riuscito a convincere il curante e ho chiamato in un ospedale dove la fanno ma mi hanno inserito in lista d'attesa..non ho 1 data precisa.nel frattempo a furia di cercare su internet ho trovato questa struttura a palermo volevo che desse 1 occhiata lei a questo link e se è corretto ciò che ho letto io..cioè che fanno riabilitazione del pavimento pelvico.ovviamente sempre dopo aver fatto la defecografia che chiederò se fanno anche qui ecco il link http://www.asppalermo.org/pagina.asp?ID=53

[#29]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non conosco la struttura da lei indicata nel link, quindi sarebbe scorretto da parte mia sbilanciarsi in qualsiasi giudizio. Ad ogni modo lei corre un po' troppo: prima di pensare alla terapia bisognerà avere una diagnosi, ma in questo settore già è un bel passo avanti essere rientrati in una lista d'attesa per eseguire quanto meno la defecografia. Poi ci vorrà eventualmente un Urologo o un Neurochirurgo per valutarla e definirne le possibilità di cura. Solo dopo, se tutto andrà realmente in quella direzione, si potrà valutare la possibilità di eseguire la fisioterapia per la riabilitazione del pavimento pelvico.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#30] dopo  
Utente
perfetto dottore..io non appena effettuerò la defecografia e avrò l'esito glielo comunicherò in modo che poi mi indicherà gentilmente a chi rivolgermi se urologo o neurochirurgo o chicchessia.purtroppo mi toccherà resistere ancora 1 po.come sempre grazie mille e cordiali saluti.

[#31]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Mi farà molto piacere ricevere sue notizie, ma non potrò consigliarle questo o quello Specialista perché non è mia abitudine farlo. A meno che io non conosca personalmente il Professionista in questione, ma questo nella sua città è da escludere... Lei però può aiutarsi seguendo questi link: https://www.medicitalia.it/medici-specialisti-provincia/ e https://www.medicitalia.it/specialita-mediche/
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#32] dopo  
Utente
dottore mi scusi forse mi sono espresso male..io intendevo dire..una volta preso l'esito della defecografia a quale categoria di medico devo rivolgermi?urologo o neurochirurgo?intendevo questo..perchè non saprei da chi andare delle 2 categorie,forse poi comunicandole l'esito lei potrà dirmi a quale categoria rivolgermi.cordiali saluti e mille grazie.

[#33] dopo  
Utente
ah dottore dimenticavo dovevo chiedergli questa cosa da tempo..ma è possibile che il colon irritabile mi porti eiaculazione precoce?cercando su internet ho letto che qualcuno aveva più o meno tutti i miei sintomi compresa l'eiaculazione precoce e a volte problemi di erezione e leggevo che i dottori che li avevan visitati gli hanno detto che era portata dal colon irritabile..io ho fatto tutti i controlli con 1 andrologo ho fatto i vari test per gli ormoni,spermiocoltura e anche urinocoltura ma tutto negativo.siccome quando riesco ad evacuare quindi essere sgombro non ho ne peso nell'intestino ne nella vescica..a questo punto potrebbe esser davvero il colon irritabile a causarmi ciò?o il prolasso interno?cordialità.

[#34]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Quanto alla seconda domanda è da trattarsi con l'aiuto di un Andrologo, anche se vedo tra i quesiti che ha chiesto in passato che già le è stata data risposta.
Per quanto riguarda la eventuale riabilitazione del pavimento pelvico si tratta di una competenza del Neurochirurgo, anche se in realtà spesso i Centri che si occupano di questo argomento sono gestiti dagli Urologi e dai Fisiatri...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#35] dopo  
Utente
dottore io mi trasferirei a roma solo per farmi visitare da lei!su questo sito ci sono dei dottori fantastici..lei ad esempio da risposte facile ed esaustive riesce a far capire al paziente il percorso da fare senza incorrere in grossi rischi.è un grande!spero davvero di riuscire a risolvere tutti i miei problemi 1 volta per tutte.riguardo ai consulti chiesti in passato qui in andrologia,mi risposero gli psicologi e 1 volta 1 andrologo dicendomi di seguire i consigli degli psicologi. quindi è una cosa psicologica?dovrei contattare 1 psicologo?cordiali saluti.

[#36]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La ringrazio dei complimenti... L'andrologia non è il mio campo, ma credo che quello che le hanno detto sia assolutamente verosimile: non le resta che seguire il consiglio dei Colleghi.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#37] dopo  
Utente
Contatterò anche 1 psicologo al più presto nell'attesa volevo chiederle se i miei sintomi siano riconducibili anche a 1 disbiosi intestinale.perchè ho raccontato i miei sintomi a conoscenti(gonfiore addominale,stipsi,affanno,stanchezza,problemi alla vescia) e mi hanno detto di questa malattia che viene diagnosticata tramite un esame delle urine.ritiene sia opportuno fare anche questo esame x capire meglio ed eventualmente escludere anche questa?cordialità.

[#38]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Lei probabilmente intende il cosiddetto Disbiosi Test? Non credo sia strettamente necessario nel suo caso; e poi mi sembrava che i suoi problemi fossero, quanto meno in ambito gastroenterologico, di ben altro genere... Di certo non può continuare a fare i test per tutte le malattie esistenti solo per escluderle una alla volta: bisogna che si affidi ai consigli che già le sono stati dati e finalmente inizi a fare qualcosa per la cura, e non soltanto per cercare qualunque diagnosi le propongano...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#39] dopo  
Utente
si esatto il disbiosi test!beh dottore..che dirle..grazie!io prima di fare appunto 1 test che un conoscente mi ha proposto penso sia giusto avere 1 parere di 1 medico e proprio per questo ho ritenuto opportuno chiedere qui a lei e non subito preoccuparmi di fare questo test.adesso seguirò i consigli che mi sono stati dati e cercherò di risolvere il tutto.ormai credo anche qualche psicologo mi prenderà appuntamento per l'anno nuovo e come si suol dire anno nuovo vita nuova!cordiali saluti.

[#40]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Meno male che l'anno nuovo e' vicino...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#41] dopo  
Utente
dottore sono stato al pronto soccorso perchè sto malissimo..non emetto aria da tutto il giorn pancia gonfia stanchezza nausea..mi hanno fatto 1 radiografia all'addome e ho letto c'era scritto coprostasi della fid destra.non mi hanno nemmeno visitato lo stomaco ne fatto prelievi di sangue solo visitato il retto che è vuoto perchè ieri sera a furia di stimolarmi sono riuscito ad espellere delle feci ma come sempre nemmeno poi tanto dure solo un po il primo pezzo e poi tanti altri pezzi diciamo morbidi ma ne rimase altra io mi sentii il peso come se dovessi andare ancora di corpo mi sforzavo e uscivano pezzettini piccolissimi e non duri.mi hanno prescritto selg esse 1000 1 busta diluita in 1 litro d'acqua e devo bere sempre fin quando non si sblocca tutto.dottore la prego mi aiuti lei non mi sento per niente bene ho anche mal di schiena sto troppo male io ho questi sintomi da 5 anni circa ora si sono troppo accentuati non possono dirmi sono pieno di feci che io mangio poco e ogni giorno mi stimolo ed evacuo un po a fatica ma evacuo..da ieri invece tutto chiuso ho provato con un clistere di acqua tiepida ma niente non arriva nello stomaco è chiuso.dottore mi dica qualcosa sono disposto a venire anche a roma purchè mi ricoveri li e mi visita lei sono disperato non so cosa fare ho bevuto un po di acqua e selg e sono totalmente digiuno da tutta la giornata.mi aiuti!io mi sento della carne sopra dove io col dito non arrivo a toccare tantè che con la rettoscopia eseguita a novembre il tubo allargo le pareti e sentii uscire aria come se si bucasse 1 pallone gonfio.mi dica cosa fare per favore sono stanco di palermo e di questi medici che sottovalutano!

[#42]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Vedrà che con il SelgEsse si svuoterà completamente. Se vuole ricoverarsi da noi io sono disponibile, ma prima di affrontare un viaggio fino a Roma ci pensi bene, perché sono certo che anche a Palermo possono aiutarla.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#43] dopo  
Utente
dottore la ringrazio davvero è l'unico dottore l'unica persona che crede e non sottovaluta i miei sintomi,purtroppo nemmeno i miei familiari mi credono e sono stanco,spossato,nausea intestino completamente chiuso e un gonfiore sul lato destro del fianco.adesso bevo il selg e me lo sento salire in gola eruttando ho paura mi rimanga tutto nello stomaco anche il selg.dottor spina 1 domanda ma con la radiografia fatta all'addome se c'era 1 appendice invaginata si sarebbe visto?o cmq una sub o un occlusione?inoltre ho dei borborigmi credo si dica così.cosa mi consiglia?a palermo potrebbero aiutarmi ma non lo fanno..sottovalutano per questo mi vorrei affidare a lei

[#44] dopo  
Utente
sono totalmente digiuno mi han detto al pronto soccorso che posso mangiare..ma io non mi fido di una dottoressa che nemmeno mi ha visitato l'addome ne mi ha fatto fare esami di sangue cioè veramente assurdo!nel bugiardino del selg c'è scritto fa effetto di norma dopo 90 minuti dalla sua assunzione...ma dopo averne bevuto 2 litri?io ne ho bevuto circa 1 quarto di 1 bottiglia da litri e gli ho messo 2 buste di selg.sento solo rumori borborigmi ma niente aria ne stimolo di evacuare!devo mangiarci per spingere?può essere perchè sono totalmente digiuno?devo recarmi nuovamente allo stesso pronto soccorso?non so davvero cosa fare mi sento peso anche alla schiena

[#45]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non posso rispondere a distanza a gran parte delle sue domande, anche se ritengo che il suo problema sia poco fisico e molto psicologico. Posso dirle però che per fare diagnosi di appendicite serve una visita, non una lastra, dato che con un Rx addome l'appendice non si visualizza affatto; si possono vedere invece alcuni segni indiretti di una occlusione intestinale.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#46] dopo  
Utente
salve dottor Spina..volevo chiederle una cosa..a luglio feci una visita proctologica come le ho già scritto e il dottore visitandomi e eseguendo un anoscopia mi disse prolasso emorroidario.adesso io leggendo su internet ho capito che il prolasso emorroidario che lui mi scrisse nel foglio di diagnosi sarebbe il prolasso della mucosa rettale no?lui voleva operarmi col metodo thd però io leggendo prolasso emorroidario pensai non risolvessi nulla con questo intervento ma occorreva una starr che esegue chi esegue la longo tradizionale.volevo chiederle secondo le sue conoscenze la thd risolve i problemi legati al prolasso della mucosa rettale o prolasso emorroidario come scritto nel foglio della diagnosi?adesso le feci sono morbide perchè assumo molti liquidi ma devo comunque ricorrere alla stimolazione manuale perchè ho mal di pancia che e piena d'aria.io ogni caso farò la defecografia quando mi chiameranno e poi valuterò l'esito e valuterò il da farsi perchè vedo che non c'è nulla che contrasta questi miei disturbi senza ricorrere ad 1 intervento chirurgico di correzione.e poi 1 curiosità lei che metodo utilizza?e per finire ho 1 domanda che da tempo mi pongo..ma e 1 proctologo utilizza una tecnica per esempio la thd ma per 1 determinato caso è più indicata la starr che succede?il proctologo non opera?ti dice di cercarne 1 che opera con la starr?dottore le auguro davvero 1 felice anno!cordiali saluti.

[#47]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Personalmente preferisco il classico intervento di Milligan-Morgan, che a mio avviso offre meno complicanze e migliori garanzie di riuscita, quanto meno sulle emorroidi di grado elevato. Ciò che lei dice sulla THD è in parte vero, ma tutto dipende dalle condizioni del singolo paziente (lei, in questo caso!). Non esiste un intervento migliore di un altro, esiste l'intervento più adatto al singolo, ma ovviamente cambiando paziente possono facilmente cambiare anche le metodiche da utilizzare.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#48] dopo  
Utente
salve dottore..io come scritto nella mia storia clinica fui operato col metodo milligan morgan per emorroidi di 3 e 4 grado però non fu asportato il plesso (il secondo proctologo che mi visitò e fece anche 1 anoscopia mi fece l'esempio delle tende che vanno accorciate da sopra e non da sotto)e lui mi dissè che avrei dovuto fare 1 intervento per sistemare questo problema.adesso io guardandomi allo specchio e provando a sforzarmi non vedo uscire un prolasso esterno..pero internamente mi sento chiuso e impossibilitato ad emettere gas e feci anche se liquide finchè non sia io a fare vareie manovre col dito per poi evacuare a più riprese sforzandomi feci nemmeno poi troppo dure a volte e mi porta notevoli problemi digestivi che mi passano solo evacuando..quindi mi porta molti problemi per di più ho la parte destra dell'addome più gonfia sotto sforzo cioè quasi dilatata dagli sforzi.in definitiva dottor spina lei crede che dunque il metodo thd nel mio caso (dato che sono già stato operato col metodo milliga morgan quindi non ho più emorroidi ma bensì il plesso)possa risolvere definitivamente tutti i miei problemi?oppure potrebbe crearmi più danni come magari si legge da qualche parte su internet?o solo la starr può risolvere il mio problema?vorrei capirlo perchè conosco 2 proctologi 1 opera col thd ed è quello che mi ha già visitato l'altro usa la longo e in caso dovrei farmi visitare e penso che se mi visita anche il secondo lui mi dirà che il suo metodo è più indicato..quindi non saprei più a chi credere poi..comunque sempre dopo aver effettuato la defecografia.chiedo queste cose perchè spesso leggo "sarà il tuo proctologo a consigliare quale sia il metodo più adatto per te"ma se 1 utilizza la thd e non la longo e viceversa mica promuovono 1 tecnica che non usano giusto?cordiali saluti e ancora buon anno.

[#49] dopo  
Utente
dottore continuo a stare male..altra giornata di digiuno oggi per nausea e panca gonfia con rumori..sempre sensazione di carne che mi impedisce l'evacuazione e i gas..stasera ho mangiato solo 1 po di pane con mozzarella e e 1 po di prosciutto cotto e crudo ma davvero poco e bevuto solo 2 bicchieri d'acqua.stimolandomi sono riuscito a fatica da espellere 1 po di feci e mi esce un po di mucosa ma questo mi succede dopo che mi sono stimolato a lungo..dottore davvero non è possibile che io debba stare così..mangio e sto male non mangio e sto male..la pancia enorme specie verso destra e quando mi sforzo per evacuare esce un po di prolasso che poi rientra..adesso mi sento come un bruciore sul lato destro che prende anche 1 po il rene..dottore inizio ad avere molta paura tra l'altro c'è mia madre in ospedale da 3 mesi che era andta per 1 cisti ovarica e in realtà all'istologico risultò carcinoma papillifero alto grado ma dopo 5 giorni gli subentrò 1 ansa intestinale e fu operata d'urgenza..poi diagnosticarono 1 enterococco e aveva sempre febbre e vomito e liquido nello stomaco fi quando finalmente riuscirono a capire da dove venisse..cioè aveva l'uretere lesionato e 1 idronefrosi praticamente c'erano traccie di urine nel liquido che aveva in pancia..giorno 27 dicembre è stata operata e si trova ancora in ospedale..adesso io ho bisogno di aiuto sono molto magro,pallido e da quando accuso questi sintomi cioè 5 anni circa e ogni anno che passa sempre peggio tanto che nel giro di 3 anni mi sono caduti quasi tutti i capelli inizialmente non ci pensavo perchè anni fa andai da 2 dermatologi e mi dissero alopecia androgenetica dato che sia mia madre che mio padre che mio fratello hanno questi problemi mio fratello li ha persi tutti ed era più giovane di me quando li perse.non ho voglia di scherzare di stare in compagnia sono sempre stanco e per via di questi disturbi all'addome ma la gente all'esterno che ne sa?non capisce e pensa i miei siano capricci e una voglia di non fare nulla..sono stanco di sentirmi dire colon irritabile e lavarsene le mani quando i miei sintomi sono più gravi..non capisco perchè vogliono farmi aggravare io ho particolarmente paura dell'anestesia totale e degli interventi all'addome molto meno paura se per esempio sia un intervento dal retto..adesso è normale io sia demoralizzato e depresso perchè comincio a pensare cose brutte e non è che la mia malattia sia la depressione ma sono depresso perchè sto male e non sto male perchè sono depresso..che fa molta differenza..!!!e sentire mio padre che mi dice mangia quando il mio problema è proprio quando mangio e sentirlo parlare come se sono pazzo e non mi crece e io non ho nulla mi fa stare ancora più male!ma io che motivo avrei dipassare ore e ore in bagno a sfiancarmi per cercar di evacuare?lui per risposta mi dice.."io ci vado 1 volta ogni 10 giorni"(perchè anche lui ha prolasso,ragade,emorroidi ma non ha mai voluto operarsi)ma che risposte mi da?io sono giovane dovrei provare a costruirmi 1 futuro ma in queste condizioni non sono in grado di fare nulla ho anche problemi di erezione e eiaculazione precoce,prostatite tutto causato da qui perchè tutti gli esami di andrologia escludono problemi e anche li danno la responsabilità alla mia psiche..ma psiche di cosa?se io evacuassi normalmente senza questo ammasso di carne che mi sento all'interno sarei apposto!tra l'altro dato che ci sono volevo dirle che anni fa andando dal mio ecografo di fiducia in 2 ecografie addominali in 2 anni diversi quando mi diceva "sforzati come per evacuare"mi disse..sembrerebbe come se ci fosse un ernia qua a destra però non la vedo non risulta all'inguine destro ma si vede qualcosa.l'anno seguente di nuovo e io gli ricordai che mi aveva già detto sta cosa e lui continuava a non capire.dottore a questo punto mi sa tanto che era questo prolasso che si vedeva minimamente anche perchè io sono molto magro però giustamente non si capiva allora magari era minimo e appunto è collegato al retto che prolassa verso l'esterno e penso inoltre che con la colonscopia non si vedeva perchè li io non mi sforzavo e in tutti questi anni sono stato preso per pazzo perche agli esami non risultava nulla mentre a luglio 2012 avevo un po di transaminasi alta e ferro,alla transaminasi attribuirono il fatto che avevo da pochi giorni finito 1 cura antibiotica per 1 bronchite mentre il ferro basso al fatto che non mangiavo nulla che portasse ferro.15 giorni dopo rifeci gli esami e si erano sistemati il ferro al minimo della norma ricordo.da allora non faccio più esami di sangue e l'ultima ecografia me la fecero al pronto soccorso a luglio ma fatta velocemente,dal mio ecografo di fiducia non ci vado dal 2006 per eco all'addome.io non so più che pensare passo le giornate a stare male in casa come 1 anziano di 100 anni o per andare in ospedale da mia madre e li sto a disagio perchè devo fingere di star bene quando in realtà sto molto male.dottore le ho praticamente detto tutto 1 volta per tutte senza tralasciare nulla..al suo posto magari anche io penserei la mia sia una cosa psicologica per quanto ho scritto ma in qualche modo voglio aiutarmi voglio trovare 1 soluzione non sapendo più cosa fare e cosa dire ai dottori che mi hanno visitato chiedo 1 disperato aiuto fuori dalla sicilia e in particolare a lei che ha preso per così dire a cuore il mio caso.ecco perchè le dicevo se era possibile esser ricoverato li da lei in modo che mi segua lei e mi fa fare gli esami che occorrono perchè non ho più le forze ne economiche ne fisiche di girare di continuo in cerca di soluzioni o esami.spero possa aiutarmi in qualche modo.cordiali saluti.e mi scuso per essermi dilungato.

[#50]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Mi pare che lei faccia un po' di confusione: che vuol dire "non ho più emorroidi ma bensì il plesso"? Mi pare sottinteso che il Collega si riferisse al plesso emorroidario, quindi le emorroidi, stando a questa diagnosi, ci sono ancora... E poi è normale che ciascuno promuova la tecnica in cui crede: sarebbe assurdo che il Chirurgo consigliasse ai pazienti una tecnica nella quale non ha fiducia lui per primo, non le pare? Lei consiglierebbe a qualcuno un ristorante dove ha mangiato male e pagato tanto? Forse sì, ma solo se volesse fargli un grosso dispetto! Ad ogni modo faccia la defecografia, altrimenti parliamo di semplici congetture.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#51]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Prima di scrivere la risposta di cui sopra non avevo letto la sua ultima. Aggiungo dunque che è molto evidente che l'aspetto psicologico nel suo caso assuma un ruolo davvero importante, soprattutto adesso che la salute di sua madre le crea grandi preoccupazioni. Comunque, dire "Sindrome del Colon Irritabile" non vuol dire lavarsene le mani, ma significa che lei deve fare qualcosa per limitarne gli effetti. Come? Curando sia la dieta sia l'aspetto psicologico. Se non lo fa il colon irritabile le darà sempre più grattacapi.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#52] dopo  
Utente
grazie come sempre per la risposta..ma come le dicevo mi hanno prescritto varie cure per il colon irritabile..l'ultima 3 settimane fa perchè la precedente fatta a luglio era fallita come tutte del resto in passato..io ho letto anche di 1 caso si un ragazzo che ha scritto proprio su questo sito dove aveva pressochè i miei stessi sintomi si operò per il prolasso con la starr ebbe beneficio i primi 2 mesi mi pare per poi ritornare ad avere problemi di defecazione le feci anche se molli passavano con difficoltà e dunque i problemi stavano tornando..il mio caso invece mi da pancia gonfia e io vorrei allargare questo prolasso per far uscire tutta questa aria che si forma poi appena mangio mi sale il cibo in gola questo dovuto al reflusso e probabilmente avrò 1 ernia iatale dai sintomi infatti prendo il noremifa fatto sta che non posso mangiare nulla che sto male..non posso uscire in compagnia perchè non posso mica ordinare pastina e mele cotte e nonostante a casa mangio questo anche se non tutti i giorni ho lo stesso difficoltà ad evacuare e ad emettere aria l'altro giorno persino il selg..se non mi stimolavo io le pareti non usciva ed era tutto liquido..ora anche questo può essere dovuto al colon irritabile?non credo perchè io appena allargo e stimolo le pareti si sposta il prolasso e fuoriescono le feci a fatica sfiancandomi specie il fianco destro.si probabilmente sono anche preoccupato per tutta la situazione di mia madre come mi disse anche il mio medico curante..però ciò no toglie che sono 5 anni che io faccio questa vita cioè per evacuare devo stimolarmi io e se non lo faccio mi viene il vomito cosa che mi è già successa 1 volta e avevo sempre questi sintomi quindi il problema del prolasso esiste e diciamo pure che se io non mi stimolo per evacuare (perchè ho la sensazione di evacuare) arrivo al vomito cosa che io non voglio assolutamente perchè mi scombussola tutto.adesso erutto bruciore di stomaco per quel po di pane mangiato e sempre pancia gonfia e se io emettesi gas mi passerebbe anche questo bruciore..è davvero 1 incubo!il biofeedback e la chinesiterapia funzionano davvero?o sono solo palliativi inutili?io sono scettico mi chiedo..come possono dee semplici esercizi agevolare la defecazione?i miei muscoli funzionano io li sento..forse funzionano male?non vedo l'ora di fare questa defecografia perchè capisco perfettamente lei non può dire nulla senza 1 vera diagnosi precisa.domattina chiamerò al policlinico che mi hanno detto la effettuano..vediamo se i tempi sono inferiori all'ospedale cervello dove sono sempre in lista d'attesa ein attesa di una loro chiamata.cordiali saluti.

[#53]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Ma che cura le hanno dato per il colon irritabile??? Lei deve lavorare sull'aspetto psicologico e contemporaneamente stare attento a ciò che mangia, è inutile prendere medicinali! Reflusso o discinesia del pavimento pelvico invece sono trattabili con farmaci o altre procedure, ma prima ci vuole una diagnosi: dire "probabilmente avrò 1 ernia iatale" non è una diagnosi certa; e anche biofeedback e fisioterapie funzionano solo in presenza di una particolare condizione. Prima le diagnosi, dunque, poi eventualmente le cure. Per il colon irritabile invece può cominciare, come le ho detto, a fare qualcosa già da ora.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#54] dopo  
Utente
salve dottore..la cura che mi è stat prescritta per il colon irritabile è la seguente:lansox 1 cp la mattina a digiuno x 1 mese.milonet 1 cp 2 volte al di dopo i pasti.plantalax 1 bustina al di.debrum 1 cp 1 volta al di dopo i pasti.noremifa 1 bustina la sera prima di andare a letto e al bisogno.ora io ho sempre pancia gonfia e borborigmi difficoltà ad emettere aria e quando riesco a emetterne 1 po avviene a fatica sforzandomi.ma quello che mi chiedo è perchè non riesco ad evacuare nemmeno feci liquide?(tipo l'altro giorno dopo aver preso 1 lt di acqua e selg)per evacuare anche feci liquide se non mi aiuto con il dito e stimolo le pareti fin dove posso arrivare non se ne parla di evacuare e in realtà io mi sento il peso nell'intestino nella parte appunto sopra dove io non arrivo con il dito e di conseguenza sto male mi rimane il bruciore che mi sale in gola nausea e quant'altro proprio perchè non funziono nella parte terminale del colon..!!andando da 1 psicologo non penso riuscirebbe a risolvere tutto questo e da non dimenticare i disturbi legati all'erezione e all'eiaculazione precoce che mi causa perche questo peso li dove indico io va a schiacciare anche la prostata.cordiali saluti.

[#55] dopo  
Utente
ah dottore dimenticavo..lei mi dice.."E poi è normale che ciascuno promuova la tecnica in cui crede: sarebbe assurdo che il Chirurgo consigliasse ai pazienti una tecnica nella quale non ha fiducia lui per primo, non le pare? "si certo io capisco questo ma se 1 dottore utilizza solo il metodo thd e nel mio caso x es occorre fare l'intervento conl a starr..lui cosa mi può dire?non sono in grado di farlo?cioè io mi sento dire..parlane col tuo proctologo e valuterete insieme la miglior tecnica per il tuo caso..ma non sarà mai possibile questa cosa!!proprio per il discorso che le ho spiegato cioè allora non ha senso quando dicono "parlane col tuo proctologo e valuterete insieme quale sia la tecnica giusta per il tuo caso"so che quando operano pazienti con questi attrezzi nuovi (proctoscopio credo si chiami)sia che sia la thd o la starr i dottori a ogni paziente che operano hanno un guadagno,motivo per il quale io sia che vado da 1 che opera con thd sia da 1 che opera con starr mi sentirei dire che sono da operare e magari non è quella la tecnica risolutiva per il mio caso.inoltre molti utenti proprio qui sul sito hanno avuto problemi a volte gravi e sempre su internet cercando ho letto di un dottore che proprio sconsiglia il metodo starr perchè fa più danni che altro..mentre altri medici dicono che se fatto da mani esperte si risolve tutto in meglio..e altri pazienti ancora che dicono di esser stati operati da mani esperte con starr e non hanno risolto.questa è un mio dubbio personale che vorrei capire perchè non so a quale proctologo rivolgermi se da chi usa thd (che tra l'altro è quello che mi ghatrovato il plesso emorroidario e consigliato l'intervento)o da chi usa la starr.ad ogni modo ormai attendo la solita defecografia prima di fare qualsiasi tipo di intervento chemi propongono..anche perchè senza la defecografia non capisco perchè voleva operarmi a luglio il dottore che usa la thd,mi aveva solo fatto 1 anoscopia e diagnosticatomi prolasso emorroidario e ricordo che a novembre nellarettoscopia mi risultò "plesso emorroidario congesto e disepitalizzato".grazie mille sempre per tutto,mi sta aiutando molto a cercare di trovare 1 soluzione!cordiali saluti dottor spina.

[#56]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Innanzitutto non è vero che chi opera lo fa per guadagnare di più: molti Medici sono stipendiati e il loro stipendio non cambia se operano di più o di meno. Per chi lavora nel privato invece potrebbe sembrare vero, ma tenga presente che i guai che derivano al Chirurgo dall'aver eseguito un intervento inutile o sbagliato sono tali e tanti da convincere chi opera a pensarci non una, non due, ma almeno dieci volte! Anzi, generalmente chi lavora in Ospedale può forzare un po' di più l'indicazione operatoria, mentre chi lo fa in Casa di Cura utilizza sempre i cosiddetti "piedi di piombo"... Personalmente non opererei nessuno se non ne fossi pienamente convinto, nemmeno se mi pagassero dieci volte la parcella...
Detto ciò penso che il suo caso vada risolto a livello soprattutto psicologico. Non cerchi la soluzione dove non può trovarla, perché è inutile imbottirsi di medicine sostanzialmente inutili dimenticando che il colon irritabile (ma anche probabilmente i suoi disturbi andrologici) dipendono in gran parte appunto dall'aspetto psicologico. Curi quest'ultimo e curerà il 90% di tutto il resto.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#57] dopo  
Utente
salve dottore.continuo a ritenere non si tratti solo di colon irritabile,perchè da sempre quando provo eccitazione senza toccarmi o essere toccato mi trovo bagnato senza avere erezione o se provo a masturbarmi dopo poco sempre a pene non eretto completamente fuoriesce 1 liquido fin da subito e non smette praticamente perchè è abbondante e dopo un po eiaculo e mi capita di eiaculare a penenon eretto ma tutto questo comeè possibile?potrebbe sempre essere il colon irritabile?io non credo arrivato a questo punto.l'andrologo mi disse si tratta di liquido pre spermatico ed è normale c'è a chi esce c'è a chi esce poco o molto o a chi non ne esce,fatto sta che oltre a questi problemi spesso non ho "appetito sessuale" e noto che dopo aver evacuato ed essermi svuotato mi sento un maggiore controllo del pene e soprattutto lo stomaco sgonfio e senza borborigmi.per quanto riguarda l'alimentazione le faccio 1 esempio di cosa sto mangiando da 2 giorni consecutivi..1 mela cotta al giorno con abbondante acqua con 1 po di zucchero,ieri 1 fettina di pollo arrostita e 1 panino bianco,oggi 1 fettina di carne arrostita e 2 panini come frutta 1 pera.in questi 2 giorni non ho mangiato ne pasta ne riso per via di orari che da giorni faccio,quindi il pranzo lo salto perchè dormo,ad ogni modo la pancia rimane sempre gonfia d'aria cerco di bere il più possibile ma poi per via del reflusso mi sale l'acqua in gola e per via della gastrite e del reflusso sale anche il bruciore e ovviamente sempre mal di pancia e tenesmo intestinale che non mi abbandonano mai,mi addormento e mi risveglio con questi sintomi.sto pensando di fare delle analisi del sangue che non faccio più da luglio per esempio ovvero tranasaminasi,emocromo,sideremia,azotemia glicemia e ves (cioè quelli prescritti dalla penultima internista)e magari esame delle feci che non ho ma fatto e sono sempre in attesa per la defecografia,avevo pensato di fare anche 1 ecografia però non so cosa fare prima.la confusione per ora regna sovrana nella mia mente perchè sono 5 anni ormai che io accuso questi sintomi e vado in bagno solo sotto stimolazione manuale e mi rende 1 vita sessuale impossibile e proprio per tutto questo penso che il fattore psicologico influisce ma proprio perchè ho questi problemi altrimenti non avrebbe motivo il mio sistema psicologico di crearmi problemi.la terrò informato.cordiali saluti.

[#58]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Certamente non si tratta soltanto di colon irritabile, in questo lei ha ragione. Questa condizione però è sempre consequenziale all'alimentazione e ad un problema psicologico, e senz'altro quest'ultimo è responsabile, oltre appunto del colon irritabile, anche di molti altri problemi da lei descritti. Ovviamente non entro nel merito dei disturbi di erezione, visto che non è il mio campo, ma sono certo che trattando l'aspetto psicologico buona parte dei sintomi diminuirebbe. Poi resta inteso che si dovrà studiare anche qualche altra cosa, come per esempio la fisiologia della defecazione tramite il defecogramma già programmato.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#59] dopo  
Utente
salve dottore..sto sempre male non è più possibile,mi guardo allo specchio e sono 1 scheletro,qualsiasi cosa mangio mi fa stare male e non posso evacuare se non sotto stimolazione.potrebbero esserci perdite di sangue occulto nelle feci?potrei avere 1 candida intestinale?ho sempre mal di pancia,nausea,pancia gonfia d'aria,stanchezza,affanno non dormo bene e ad orari assurdi,eruttazioni e problemi alla vescica dopo vari sforzi e stimolazioni digitali per evacuare..avendo tutti questi sintomi come potrei non essere demoralizzato e depresso?inoltre verso il lato destro dell'addome lo sento più gonfio e contratto rispetto alla parte sinistra.prendo il lucen da 40 mg per la gastrite e ad ogni modo dovrebbe funzionare anche per qualche ulcera.sto davvero molto male io conosco il mio organismo il mio corpo..sento c'è qualcosa che non va e dura da molti anni ma adesso si sono aggravati i sintomi tipo che il fianco destro è continuamente gonfio d'aria e il mal di pancia come se dovessi sempre evacuare c'è l'ho sempre sembra si allevi evacuando e poco dopo sento come se il colon si fosse gonfiato d'aria e chiuso proprio come 1 palloncino gonfiabile e mi porta nauesa.la mia alimentazione è sempre stata pasta olio e formaggio da tutta la vita e non sempre mangio pasta perchè non ci tiro molto la sera o 1 fettina di filetto di pollo o 1 fettina di carne rigorosamente senza grassi accompagnate da 1 panino/1 panino e mezzo togliendo tutta la mollica interna.ora quando mi sento in questo stato come adesso cioè che sono stato in bagno più di 1 ora per cercare di evacuare e sono uscite in primis 1 "tappo" duro e poi tutte feci morbide ed era il cibo di ieri e l'altro ieri.non so dove andare ne cosa fare..al momento è come se io sia spettatore dei miei sintomi che ogni giorno accuso e peggiorano e non potendo fare nulla.io vorrei crearmi 1 futuro non ho nessun problema psicologico ma solo questi maledetti sintomi che mi rendono impossibile tutto e mi trovo costretto a stare in casa perchè anche quando uscivo e stavo in compagnia e si rideva in compagnia di amici io stavo male e a disagio e sopportavo.ma non aveva senso fare uscite del genere.quali esami fare?ecografia?colonscopia?coprocoltura?cioè si ok dovrò fare la defecografia ma tutti questi sintomi non posson esser legati solamente alla parte finale del colon ma bensì alla parte superiore..il colon lavora male e mi porta disturbi e mi fa stare male!pur trovandomi 1 prolasso rettale e pur operandomi non credo risolverei tutti questi sintomi..c'è qualcos'altro che mi porta a stare così legato alla parte superiore del colon e non solo alla parte finale dova verosimilmente c'è 1 prolasso,anche perchè 1 prolasso non può portare affanno senza far sforzi 1 prolasso non può portare aria continua alla pancia e non può portare nemmeno nausea può però influire nell'evacuazione che avvenendo regolarmente eviterebbe il ristagno delle feci anche morbide che poi si trasformano dure almeno la prima parte.ho assunto anche il milonet che sono fermenti lattici per la stipsi(almeno così mi disse la dottoressa)ma non risolvo nulla..sto sempre male..anzi dimagrisco sia che mangio sia che non mangio,sfiderei chiunque a non essere preoccupato per tutte queste cose.cioè pesarsi e vedersi scendere sotto i 50 kg a 28 anni alto 1.72 in aggravante a tutti gli altri sintomi già elencati non penso possa non far preoccupare chi ha questi sintomi.non capisco cosa aspettano a ricoverarmi negli ospedali dove sono stato..cosa vogliono vedere?vogliono vedermi morto?forse perchè mi vedono giovane e pensano colon irritabile fattore nervoso a quest'età..ma non è affatto così!!adesso il mio scrivere così a lungo qui potrà far confermare per l'ennesima volta il mio problema sia psicologico.allora come faccio a manifestare il mio malessere?sto vedendo sfumare così la mia gioventù per colpa di uno o più problemi che non si trova la causa e di conseguenza 1 cura..sono condannato alla mia stessa vita prigioniero di me stesso..quando il mio spirito è allegro di voler uscire a divertirmi.mi scuso per il dilungarmi probabilmente mi prenderà per "folle"ma non so più a chi gridare che ho bisogno d'aiuto e sto vedendo sfumare via così la mia vita per malesseri gastrointestinali.cordiali saluti dottor spina.

[#60]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non si tratta di essere folli, nessuno lo ha mai detto! Chi è pazzo deve farsi curare dallo Psichiatra, e infatti nemmeno questo l'ho mai detto... Io con lei ho parlato di Psicologo, non di Psichiatra! Lei continua a chiedermi che esami deve fare e io continuo a risponderle che deve rivolgersi piuttosto allo Psicologo; ma lei non vuole accettare questa risposta, addirittura è sicuro (beato lei che ha questa certezza!) che questo non le servirebbe a nulla... Non le viene nemmeno il dubbio che io possa avere ragione! Io però onestamente non so più come aiutarla: preferisce che le dica che deve fare ecografia, colonscopia e chissà cos'altro? Aumentare il numero degli accertamenti strumentali non è certo la cura per i suoi problemi! Un colloquio con uno Psicologo invece la aiuterebbe molto, quanto meno a capire le cause e a cercare le soluzioni... Poi, ovviamente, faccia come crede.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#61] dopo  
Utente
salve dottore.sono sempre in attesa delle defecografia.è assurdo cosa sto vivendo!cioè peso 49 kg e mezzo!non evqcuo se non presso dentro il retto dove andando in fondo e sforzandomi per evacuare si sente 1 pezzo di carne duro che è scivolato da più su.se io non faccio cos' vomito!la pancia enorme gonfia d'aria spesso e rumori peso alla vescica e alla prostata e bruciore è tutto collegato!adesso ho paura sia 1 tumore!non è possibile io sto cosi male e tutti sottovalutano perchè mi vedono giovane e pensano cosa ansiosa e nervosa!ma stiamo scherzando?5 anni della mia vita finiti così!!tutto questo colpa del primo intervento perchè togliendomi solo le emorroidi esterne hanno solo peggiorato le cose perchè l'ostruita defecazione probabilmente l'avevo da prima ma adesso rimane interno il prolasso non va più in giu ma escono solo sotto sforzo dove ho le cicatrici dell intervento.ho la mucosa infiammatissima mi sforzo anche solo per emettere gas ed esce muco e cambio slip in continuazione.la mucosa è piu irritata perche mi stimolo io con il dito ma se non faccio cosi muio!ho nausea vorrei vedere tutti gli altri al mio posto!sentirsi 1 tappo anche solo quando si vuol emettere aria e bruciore e peso al retto e alla vescica allo stesso tempo con difficolta ad urinare.non posso piùs tare così!se vado in ospedale e urlo volendo spaccare tutto mi prendono per pazzo e mi danno tranquillanti,ma cosa c'entra?non è quella la causa del mio malessere!ma possibile che non mi vogliono ricoverare e mi fanno tutti gli esami del caso?non posso aspettare a casa e girare in continuazioni dottori e ospedali e soldi che non ho più!non c'entra nulla il fattore stress sono 5 anni che sto cosi e ogni anno sempre peggio.mi vedono bene esternamente o semplicemente infilano 1 dito nel retto e dicono"qui non c'è niente"!ma questo lo so pure io!non è qui il problema ma perchè i dottori che mi hanno visitato non vogliono capirlo?i miei genitori pensano sia fissato o meglio inizialmente..ora iniziano a capire che sto veramente male!come fa a non venirmi lo sconforto?come faccio a non deprimermi?io non ci penso ma appena sono pieno e devo evacuare che faccio?sto tutto male tutto disturbato!da dopo questo maledetto intervento milligan morgan sono sempre stato male e pensavo era perche era poco che mi ero operato inizialmente..ma passavano giorni,mesi,anni e adesso basta!qualcuno deve pur aiutarmi!facile dire stai più calmo non è 1 cosa grave..ma che ne sa chi non la vive addosso?solo a sentir raccontare questi sintomi io starei male per la persona che me li racconta e non gli direi.."stai più calmo" sono condannato dalla mia stessa vita prigioniero di me stesso,ho fatto tutta l'alimentazione corretta bere più acqua e infatti le feci arrivano morbide ma non escono mangio più frutta (pere) ma nulla anche la diarrea ho difficoltà ad espeller!cioè spingo e spingo 1 blocco 1 pezzo di carne dentro il retto!sto soffrendo prima per cercare di capire cosa sia,per cercare 1 medico che capisca e mi aiuti anche per accellerare gli esami necessari e pensare che soffriro durante l 'intervento e dopo e sperando tutto andrà bene.la prego di capirmi e non mi dica che pensa che qui nella mia regione ci sia qualcuno veramente disposto ad aiutarmi perchè così non è stato si sono solo "fregati i soldi" per nulla per lasciarmi ancora che sto male.non è 1 solito caso il mio che si risolve con 1 piccolo intervento di emorroidi.ho letto anche può succedere che con la defecografia non si vede il prolasso (l'ho letto qui sul sito il dottor d'oriano rispondeva ad 1 utente)e se così fosse?che non si vede che mi dicono ho inventato tutto e io continuerò a fare questa vita?è insostenibile voglio tolto sto ammasso di carne.ho fatto di recente esami di sangue(emocromo,sideremia,transaminasi,glicemia,ves)e sono tutti buoni.non so più cosa fare io tutto quello che era nelle mie possibilità l'ho fatto e il sapere che non posso far nulla per aiutarmi da solo in questo problema mi fa soffrire ancora di più!la verità è che appena stai male,veramente male sei nei guai e sei da solo!lo chiedo espressamente a questo punto lei può farmi ricoverare e mi fa fare sta benedetta defecografia e mi segue lei?perchè anche se faccio la defecografia qui a palermo che faccio dopo?a chi la faccio leggere?ci vuole 1 proctologo che opera con tutti i metodo e non solo thd come usano ora in molti perchè se c'è ostruita defecazione così severa come il mio caso il prolasso va tolto(ho letto un altro consulto del dottor d'oriano che lo spiegava espiegava che il thd in questi casi farebbe peggio perchè formerebbe come 1 manicotto e impedirebbe forse di più la defecazione ma ho anche letto che altri dottori dicono può portare danni al paziente come incontinenza fecale cronica,emorraggie e stenosi).e i borborigmi li sento perchè ho aria da eliminare e non esce mi sento un peso al retto quindi è collegato a prolasso non è vero che nel prolasso non possono esserci i borborigmiesi attribbuisce al colon irritabile che tra l'altro so di avere..dico questo perchè la cosa sta esistendo su di me!e non perchè mi sento 1 medico,ma come si suol dire ognuno di noi è il primo medico di se stessi!perchè vive su di se i sintomi.spero non mi prenda per 1 esaltato e possa aiutarmi perchè sono disperato.cordiali saluti.

[#62]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Mi piacerebbe poter fare per lei molto di più di quanto si possa fare da dietro alla tastiera di un computer, ma al momento ritengo che la cosa giusta sia quella di eseguire al più presto la defecografia (Rx o RMN, che per fortuna pare prossima). Se lei vuole venire a Roma io la accetto volentieri, ma ci pensi bene prima di farlo veramente: io sconsiglio sempre i viaggi della salute tipo "mordi e fuggi", perché il paziente al più presto cercherà di tornare a casa, dato che non può certo rimanere per lungo tempo in una città che non è la propria; ma a quel punto, se ha un problema, è costretto a macinare altri chilometri per tornare; o in alternativa di farsi seguire nella sua città da qualcuno che non ha la minima idea di cosa sia accaduto in precedenza. Senza considerare il fattore economico, senz'altro non banale! Come le ripeto, io la accoglierei volentieri, ma mi permetto di suggerirle di pensarci molto bene. E intanto, s'intende, faccia questa benedetta defecografia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#63] dopo  
Utente
dottore la ringrazio davvero come 1 fratello o 1 padre!lei mi capisce davvero qui a palermo è ancora poco conosciuta questa patologia da ostruita defecazione e pensare che l'inventore della tecnica starr è il dottor longo che è di palermo.ho cercato adesso il suo sito e riceve anche a palermo ma probabilmente sarà a pagamento con lui l'intervento lei che ne pensa?io non posso permettermi operazioni a pagamento perchè suppongo si parli di cifre non meno di 3000 euro..anche se so che lo fanno in convenzione però non so se il dottor longo lo farà anche in convenzione.domani chiamerò 1 centro che ho trovato dove la fanno a pagamento la defecografia sarà il quadruplo di quanto pagherei il ticket ma non ho altra soluzione i miei genitori mi stanno aiutando il più possibile ma oltre questo non possiamo più spendere.tutto questo mi da rabbia perchè per colpa di aver sottovalutato nel 2008 il mio reale problema mi operarono così..io non avevo mai sentito parlare di defecografia il dottore e la sua equipe mi dissero di fare la colonscopia allora e la feci e feci prima 1 rettoscopia.ma il dottore si limitò a togliermi le emorroidi prolassate esternamente e non si preoccupò nemmeno del prolasso interno.adesso dopo 5 anni adi calvario e sfiancamenti,vita condizionata e dando cause a cose che io non ho cioè problemi di depressione finalmente sto arrivando alla conclusione.tra l'altro questa patologia l'ha sia mia madre che mio padre che i miei fratelli solo che a me mi ha peggiorato il fatto di essermi operato di emorroidi metodo milligan morgane adesso ho avuto questo peggioramento e come ho sempre pensato i miei disturbi alla prostata e alla vescica sono portati dal prolasso rettale.mi creda vorrei esser operato adesso stesso non mi preoccupo dei possibili rischi di incontinenza emorragia e stenosi che si possono verificare dopo,si ok dopo mi lamenterò per quei sintomi ma io cosi come sto adesso non posso piu stare peggioro giorno dopo giorno mi sento strappare tutto e 1 bruciore assurdo al retto che irradia la vescica e la prostata.continui rumori di stomaco mi viene da impazzire,non posso nemmeno stare a contatto con 1 ragazza per via di tutti questi disturbi non so se rendo l'idea,ma mi hanno rovinato con questo intervento di milligan morgan.e ora?chi ne paga sono io che per giunta sono stato 1 po male quando mi inserirono l'ago per l'anestesia spinale,infatti si fermarono usciro l'ago io stavo per svenire ma poi m ripresi e riprovarono e andò bene per fortuna..quindi ora devo riaffrontare anche questo e tutto il post operatorio..ma più tempo passa peggio è.la ringrazio per avermi detto che mi accoglierebbe volentieri,sono gli ultimi tentativi che faccio qui a palermo aspetto l'esame se non trovo nessuno che è disposto ad operarmi con starr senza soldi sono costretto a partire,tanto per 2 o 3 giorni starò in ospedale e poi qualche settimana al limite starò in qualche pensione economica in modo che poi possa farmi controllare dopo 1 settimana dall'intervento,insomma 1 modo si troverà purchè io stia finalmente bene e non abbiapiù problemi nella zona genitale.dottor spina la ringrazio per il momento ma purtroppo per me c'è ancora 1 po di calvario da affrontare.cordiali saluti.

[#64]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Seppure fosse accertata una ostruita defecazione non è affatto detto che la soluzione sia chirurgica: lo sarebbe solo se fosse dimostrata un'ostruzione meccanica, ma nei casi di ostruzione funzionale il problema si deve risolvere con altri metodi. Dia un'occhiata qui: https://www.medicitalia.it/minforma/colonproctologia/132-sindrome-da-defecazione-ostruita-stipsi-starr-e-transtar.html
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#65] dopo  
Utente
ritengo sia meccanica la causa,anche perchè arrivano le feci normali ma si fermano al momento di espulsione infatti all'introduzione del dito nel retto non c'è nulla è tutto fermo poco sopra dove io sento 1 tappo che a volta dopo tanto sforzo sento scendere etocco infatti spingo questa parte e si allargala parte per così dire e arrivano le feci che poi io spingo con i muscoli addominali per fare uscire ma avviene a pezzi a pezzi e non riesco a farla tutta e il bruciore alla vescica è assurdo oltre che al retto ormai stando seduto sul wc e aiutandomi col dito non riesco devo mettermi in piedi gambe dritte e abbassare l'addome solo così riesco.di solito il rettocele viene alle donne..ma credo di avere anche il rettocele oltre che l'invaginazione del retto(questa c'è sicuro)sono stato preso per folle per tutti questi anni perchè io dai primi sintomi dicevo mi sentivo come 1 tappo di carne 1 prolasso interno che mi impedisce..ma come già le dicevo..la mia giovane età e il mio sesso maschile e il riferire aria allo stomaco ed eruttazione e il non mangiar verdure inducevano e inducono a pensare sia colon irritabile correggibile con un alimentazione ricca di fibre cosa che non mi porta beneficio le feci arrivano morbide ma sempre impossibilità di espellerle.io mi chiedo come ho fatto a resistere per 5anni a questi sintomi e ad avere tutti contro nessuno che mi credeva,dottore io sono 1 persona allegra che vuole divertirsi io vorrei sentirmi come questo tipo di ragazzi perchè io sono così..ma non mi sento così perchè sto male con questi problemi..ci vuole chi mi segue perchè non posso fare da 1 ospedale all'altro da 1 esame all'altro sempre in cerca di medici vari..occorrerebbe 1 centro per la stipsì cosa che qui non c'è mentre in altre regioni si e li vieni seguito,interventi,terapia,biofeedback..qui così rischio anche di impazzire per cercare centri e nell'aspettare..passano giorni,mesi e anni..si figuri voglio andarmene in cerca di lavoro al nord da anni ma questa situazione mi rende invalidante e sono costretto a starmene qui,ma gli anni passano i miei genitori non sono eterni e io senza un lavoro come mi mantengo?quindi è 1 cosa che va risolta subito perchè sono al limite ora e sono già passati 5 anni da dopo l'intervento milligan morgan.il mio desiderio più grande è risolvere questo problema,magari per altri i loro sogni sono avere 1 bella macchina ecc ecc ma io voglio solo stare bene per poter lavorare e comprarmela con i miei sforzi la bella macchina e quant'altro..mami chiedo se ciò avverrà mai o se dopo l'intervento avrò altre complicanze,comincio ad essere stanco,conosco più dottori ospedali e farmaci che persone locali e divertimento.cordiali saluti,vediamo cosa spunta stamane.dottor spina,l'aggiornerò domani se DIO vuole,mi scusi sempre se la disturbo ma grazie a lei che mi ha aperto la strada per la defecografia finalmente qualcosa si sta muovendo,quindi ormai mi sento di aver instaurato 1 rapporto di fiducia tra medico e paziente anche perchè lei mi capisce e ascolta i miei sintomi.davvero 1 ottimo medico e 1 persona davvero umana e di cuore.grazie.cordiali saluti.

[#66] dopo  
Utente
dottore non le nascondo sono preoccupato questa ostruzione non sia 1 massa tumorale..in questo caso si potrebbe sempre fare la defecografia?adesso mi viene anche lo sconforto perchè sto male e penso tante cose del tipo se c'è 1 massa tumorale come lo si sa?prima di infilarmi il bario nel retto e darmelo per bocca mi visitano la pancia e il retto per escludere patologie tumorali?sono stanco mi creda non c'è piu di chi fidarsi qui.cordiali saluti.

[#67]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
La defecografia la può fare in qualsiasi caso. Abbia soltanto la pazienza di aspettare che arrivi il giorno del suo appuntamento.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#68] dopo  
Utente
Buongiorno dottore,la segretaria del dott.longo mi ha risposto che qui a palermo il dottor longo opera privatanente quindi a pagamento come sospettavo..a questo punto non so che fare sto davvero troppo male.cordiali saluti.

[#69] dopo  
Utente
Ho trovato 1 clinica dove fanno la defecografia.purtroppo a pagamento ma alla fine sto accettabdo di farla perchè non c'e la faccio più e perchè me la fanno domani e domani dopo 1 quarto d'ora mi rilasciano l'esito.ho parlato direttamente con il radiologo che mi ha detto che l'esame durerà 15 minuti circa e che non devo fare nessun clistere e di fare colazionenormalmente..vediamo 1 po che esito darà..la mia preoccupazione e che se nin ruesco ad evacuare il bario e devo aiutarmi manualmente anche li davanti i dottori..che brutto disturbo..cordiali saluti.

[#70]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Bene. Quelli per la defecografia probabilmente saranno soldi spesi bene, almeno avremo il primo punto fermo su questa vicenda.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#71] dopo  
Utente
Dottore ma se c' un tumore con la defecografia si riesce a vedere?o solo la colonscopia è indicata?io l'ultima l'ho fatta nel 2009..so che come sintomi il tumore da sanguinamento..e ii nin ne ho avuto più dopo l'intervento di emorroidectomia fel 2008

[#72]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Non è certo l'esame più indicato per queste malattie, ma la defecografia può a volte far sospettare la presenza di tumori del colon retto. Poi però per la conferma ci vorrebbero comunque altre indagini: una potrebbe essere senz'altro la colonscopia da lei citata.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#73] dopo  
Utente
Grazie dottore..in base ai miei sintomi però lei crede non sia tumore ma più 1 ostruita defecazione?cordiali saluti.

[#74]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Più probabile l'ostruita defecazione.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#75] dopo  
Utente
salve dottore..ecco finalmente l'esito della defecografia:raccolte di bario:no.estroflessioni parietali:fisiologica protrusione del tratto distale della parete anteriore del retto visibile in fase defecografica e sotto ponzamento. perdita di mdc:no. mobilità abnorme:in fase defecografica la giunzione retto-anale non supera la linea di riferimento bi-ischiatica ma si nota la tendenza all'invaginazione retto-rettale distale. deflusso ostacolato:no prolasso mucoso occulto:si misurazioni:diametro dell'ampolla rettale:cm 7. diametro del canale anale:mm 20. lunghezza del canale anale:mm 40. angolo retto anale (ara) a riposo:90. contrazione:100. ponzamento:140. fase defecografica:160. rapporto tra linea bi-ischiatica ed ara: a riposo + 5 cm. ponzamento + 2. contrazione + 4. a riposo:0 cm. tempo di apertura dello sfintere:normale. tempo di evacuazione:normale. residuo ampollare:modesto. dottor spina mi spieghi 1 po cosa fare..il radiologo mi ha detto per ora è 1 cosa minima ma a lungo andare può solo peggiorare,parli con 1 proctologo.adesso io ho mal di pancia mi sforzo e sta uscendo 1po di bario che mi ha introdottoil radiologo..ma non può uscire tutto bene esce tipo pezzettini(quando si tratta di feci)ora esce tipo sto bario denso e sento la carne internamente che mi impedisce..e partono rumori di stomaco di aria che vorrei eliminare ma non riesco..ecco perchè devo aiutarmi manualmente ogni volta..e senza contare che nn buttando aria mi sale bruciore del cibo e erutto bruciore e la pancia mi si gonfia specie a destra le feci le sento li che spingono per uscire ma non possono e la sensazione come se dovrei evacuare ma mi sforzo e c'è sto tappo.che fare?contattare il proctologo che mi visitò a luglio con anoscopia e mi disse prolasso emorroidario e mi disse di operarmi con il thd cioè il metodo che utilizza lui..o andare da 1 secondo proctologo che opera conmetodica longo e cioè utulizzare la starr?oppure come mi dice il radiologo ancora è minima la cosa e quindi io penso il thd sia indicato a questo punto..anche perche la starr puo portare tutte le complicanze lette e rilette su internet di varie persone insoddisfatte e anzi peggiorate e poi la starr lascia dell graffette in titanio dentro..quindi se non è proprio necessario opterei per il thd dato che mette dei punti riassorbibili e non ci sono graffette ne tagli.adesso finalmente possiamo fare chiarezza.cordiali saluti,attendo la sua cortese risposta.

[#76]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Qui al momento non c'e' nessun intervento da fare, secondo la mia modesta opinione e sempre che io abbia ben interpretato il suo caso. Anche perché a distanza, mi creda, per me non affatto è facile... Credo che lei debba evitare queste manovre manuali nel retto, che sono dannose e non servono a nulla, visto che la fisiologia della defecazione è sostanzialmente conservata; e dovrebbe invece curare il colon irritabile, che sembra al centro dei suoi problemi.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#77] dopo  
Utente
grazie dottore!adesso cercherò di spiegarle il più possibile i disturbi che mi rendono la vita quotidiana normale..allora..esco dal bagno proprio da pochi minuti..ci sono stato circa 1 ora e mezza per non dire 2.perchè?che succede?succede che mi sentivo lo stimolo aria enorme e peso al retto sforzandomi esce 1 po di aria e 1 po di bario..ma mi sentivo chiuso sopra e infatti vado in bagno per aiutarmi manualmente e specifico..non la tolgo io manualmente ma sposto le pareti e piano piano sento le feci pronte e poi contraggo i muscoli per espellerle ma escono a pezzettini prima 1 po duri stavolta e poi ne sentivo ancora altro stimolo alle pareti e sforzandomi altro pezzetto ma stavolta morbido..e ne sento ancora ma non sono più riuscito,contemporaneamente dopo che ho svuotato 1 po il retto mi si rilascia la vescica ed urino anche però di contro ho peso dentro il retto bruciore nella mucosa emorroidaria (mi sento il peso di come quando avevo le emorroidi dopo che mi sforzo ogni volta) e ho ancora il senso di evacuare il rumore 1 po attenuato ma sempre presente mi sento aria e vorrei s"tappare" l'ano per far uscire questa aria e defecare tutto anche perche mi rimane il disturbo al fiano destro che palpandolo e tutto contratto stirato ed è proprio qui la bolla d'aria che proprio si sente ed è quellache mi porta i rumori e gonfiore alla pancia,mentre al lato sinistro non ho nulla..adesso mi sento quella sensazione che gira in tutto lo stomaco come quando si vuole andare in bagno.ho nausea sapore del cibo che lo erutto ancora e ho mangiato 1 po di pasta con olio in bianco.invece tutte le altre volte che non avevo il bario mi sento lo stimolo di peso di evacuare..mi sforzo ed esce o escono pezzettini duri e se non mi aiuto io con il dito rimane intrappolata tutta su!ecco perchè sono costretto perchè facendo solo quei pezzettini ho 1 tremendo mal di pancia senso di vomito gonfio e nervoso perchè non posso fare nulla praticamente se non evacuo perchè se esco sto male,se lavoro sto male e succede che mangio poco perchè mi sento scoppiare non ho assolutamente stimolo di bere e se bevo vado in apnea per 1 solo bicchiere d'acqua.quello che mi chiedo io..ma se le feci anche stasera dopo aver tolto il bario erano morbide perchè non escono?anche se è diarrea la carne si gonfia e mi impedisce l'evacuazione!non so più che fare mi creda,sono disperato.cosa sbaglio?il fatto di bere 2 litri d'acqua come le dico non mi da benefici perchè pur quando ho diarrea se non allargo le pareti con il dito non esce e appena esce esce a tratti a più riprese e devo sempre sforzarmi io contraendo i muscoli anche per diarrea.è veramente 1 cosa pazzesca però ci sarà pure 1 spiegazione!che fare?cordiali saluti.

[#78]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gliel'ho già detto cosa fare: basta con queste dannose manovre manuali che effettua sul retto e cominci piuttosto a curare seriamente il colon irritabile.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#79] dopo  
Utente
grazie dottor spina!spero di risolvere..e le farò sapere.cordiali saluti.

[#80]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Senz'altro. Rimaniamo in attesa di buone notizie!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#81] dopo  
Utente
Salve dottor spina..i problemi non passano è 1 inferno..le feci arrivano morbide introduco il dito sposto il prolasso mucoso e ne trovo molte ristagnate li..le tolgo e c'è ne sono 1 infinita infatti poi sforzandomi escono feci morbide a pezzi.quindi è il prolasso mucoso il problema?o la tendenza all invaginazione?inoltre la vescica piena e bruciore che appena svuoto il retto si rilassa e sto meglio per pochi minuti.a questo punto credo operarmi sia 1 cosa da fare subito vorrei solo capire se affidarmi a chi mi voleva operare cjon thd o cercare chi opera con starr?la prego mi indirizzi perche ho come della stoffa dentro il retto e dentro il pene.cordialita.

[#82]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Come già le ho detto più volte non c'e' nessun motivo per cui operarsi: deve soltanto smettere questa pericolosa pratica delle manovre manuali nell'ano e cominciare a curare il colon irritabile.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#83] dopo  
Utente
Il punto è che ho problemi di erezione e urinari e li sento collegati al retto..provo bruciore e stando seduto mi capita che sento il pene addormentato come quando si addormenta una gamba per posizione messo male.provo a contrarre i muscoli interni del retto come per voler risucchiare su il prolasso interno che sento..ma il peso e l'infiammazione li percepisco e come..i sintomi del disturbi di erezione e urinari sono legati al prolasso del retto dato che evacuando si rilassa tutta la parte pelvica e urino rilassato.i sintomi sono legati al prolasso..quiil colon irritabile non c'entra..non dovrebbe portare disturbi di erezione o urinari..almeno così ho letto su internet e la dottoressa gastroenterologa mi ha detto non sono associati al colon irritabile i disturbi di erezione.lei che mi dice in merito a questo?cordiali saluti.

[#84] dopo  
Utente
Dottore scusi..ma dato i miei disturbi anche al pene..potrei avere 1 abbassamento della vescics..si chiama cistocele?non ho erezioni ne la sera ne al mattino..ma a che medico devo rivolgermi per entrambi i problemi rettali e alle parti intime?io non c'e la faccio più i disturbi sono persistenti e abbastanza seri..mi portano a 1 vita sessuale inesistente.cordiali saluti.

[#85]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il colon irritabile non e' causa diretta dei problemi di erezione. E' però possibile, anzi direi quasi certo, che alcuni disturbi psicologici possano causare sia l'una che l'altra cosa. Ovviamente per la parte andrologica sarebbe meglio rivolgersi ai Colleghi Specialisti di questo settore, ma credo che se lei curasse il colon irritabile, e quindi se facesse qualcosa per curarsi dal punto di vista psicologico, probabilmente otterrebbe grandi risultati anche riguardo i problemi di erezione.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#86] dopo  
Utente
Dottore ieri ho fatto vedere la defecografia al proctologo..mi ha detto non si usa più questo esame..ora si fa la defeco rmn per vedere appunto prostata e vescica..martedi me l hs programmata..dicendomi che tra l altro la defecografia era fatta male..e mi ha detto che mi opererà fine settimana prossima..deve appunto vedere che tipo di intervento farmi in base alla rmn defecografia..io ho nausea spesso stomaco lato dx pieno di gas difficolta ad emettere gas e peso dentro il retto..ci sono le feci probabilmente..e lo stesso peso l ho corrisposto alla vescica..dottore sono molto agitato e preoccupato..ho paura mi rovini di più ho paura di star male durante l anestesia e ke l intervento non riesca e mi porta complicanze..ho palpitazioni..

[#87]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Che la defeco-RMN sia più accurata della defeco-Rx glielo avevo detto anche io, però non credo che possa evidenziare patologie laddove l'Rx è risultata completamente negativa. Non so, sono perplesso... E non capisco nemmeno quale sarebbe l'intervento da fare: in mancanza di una diagnosi è impossibile dirlo!
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#88] dopo  
Utente
Dottore lei in base al referto che le ho riportato cosa vede?contatterò 1 psicologo come consigliatomi anche da lei perchè non dormo più ho ansie immotivate o ansie dovute alla mia ipocondria perchè ho sempre pancia gonfia di gas e le feci arrivano s pezzettini nel retto probabilmente perche mangio poco e cose liquide e le feci arrivano anche morbide però il mio colon irritato mi porta spasmi tenesmo.anche perchè pur opeandomi non risolverei questa sensazione di aria che si forma..è il colon il problema..e il retto subisce le conseguenze del colon irritato no?mi sento 1 nervoso tipo fame..sto impazzendo..le notti non dormo più ho crisi di panico..cordiali saluti.

[#89]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Più che il referto bisognerebbe vedere le immagini e visitarla di persona. Prima però si rivolga allo Psicologo: vedrà che poi il resto si sistemerà da solo...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#90] dopo  
Utente
Prima mi aveva detto non vedeva nessuna necessità di intervento..e che non capiva cosa vuole operarmi il proctologo che ha visto il referto..tra l'altro non ha nemmeno visto le lastre.ora subentra che provando a contrarre i muscoli interni dentro il retto mi scendono gocce di urina dal pene..e peso e bruciore dentro il retto e appena stringo mi sento una goccia scendere.

[#91]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Confermo quanto detto: non ho idea di quale potrebbe mai essere l'intervento da fare, in quanto se non c'e' una diagnosi è veramente impossibile dirlo! E se non me lo scrive lei qual'e' la diagnosi che le hanno comunicato io di certo non ho poteri paranormali per poterlo indovinare...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#92] dopo  
Utente
Non mi ha dettp nulla il medico..dice di volermi fare la defeco rmn e poi operarmi
Io dicevo..lei mi ha detto in base al referto che non necessito intervento..mi sarebbe d'aiuto se mi spiegasse in base a cosa mi dice ció?anche la gastroenterologa mi disse no peró non aveava visto l'esito della defecografia..

[#93]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Ma di cosa vorrebbe operarla il Collega? Io vorrei poterle dare un parere, ma se lei non mi dice né la diagnosi né l'intervento previsto di cosa stiamo parlando? Facciamo una cosa: ci scriva soltanto quando avrà fatto la nuova defecografia e avrà parlato con il Collega, altrimenti è tutto inutile...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#94] dopo  
Utente
No dottore mi scuso..forse non ho scritto nel modo corretto..in riferimento alla defecogtafia lei mi ha detto non c'è da fare intervento..perchè mi ha detto ció?questo mi interessa capire perché il proctologo che vuole operarmi non mi ispira fiducia
..cordialitá.

[#95]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Perché sulla base di quanto lei ha scritto in merito alla defecografia sembra che non ci sia nessun intervento da fare. Sempre, sia chiaro, secondo il mio modesto parere; e sempre tenuto conto che il consulto a distanza ha i suoi limiti...
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#96] dopo  
Utente
Salve carissimo dottore.le volevi chiedere. Visto che secondo lei dal referto defecografico non risulta 1 prolasso severo da determinare intervento..volevo chiederle se potrebbe trattarsi di 1 dissinergia muscolare cioè avrei bisogno di terapie biofeedback ecc..si sarebbe visto con la defeco?o solo la manometria può dirlo?io anche adesso ho per forza dovuto aiutarmi manualmente perche avevo nausea e gonfiore addominale..prima sforzandomi da solo feci molli per via di 1 alimentazione luquida e poi ne avevo ancora ma non uscivano se non atimolavo io..ma ora mi sento 1 nervoso alla bocca dello stomaco e nuovamente pancia gonfia.operandomi risolverei il tutto?molti qui sul sito si lamentano dopo l intervento..c'è a chu ritorna il prolasso nel giro di 3/4 anni..cordiali saluti.

[#97]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Il prolasso sembra che non ci sia, e a meno di grossolani errori nel referto del defecogramma non mi pare ci sia alcun intervento da fare; e a mio parere lo stesso dicasi per il biofeedback. Ora però la smetta di perdere tempo a cercare per forza una ragione per farsi operare e pensi piuttosto a curare il suo colon irritabile! E come le ho già detto la prego di evitare di scrivere sempre le stesse cose, e casomai di ricontattarci solo dopo aver fatto la nuova defecografia e aver parlato con il Collega.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#98] dopo  
Utente
Salve dottore le scrivo dopo mesi e mi sono sottoposto a intervento starr ma non ho risolto nulla,anzi ho tutti grumoli all'interno.il defecogramma dice protrusione e tendenza all'invaginazione.adesso ho contattato unaltro chirurgo al quale per telefono gli ho letto il referto e mi ha spiegato che la protrusione sarebbe 1 ernia..ed proprio quello che mi sento io!ecco il motivo del perchè mi stimolo perchè questa carna prolassata mi fa da tappo e mi disturba anche il pene infatti ho sempre il lato dx dell'addome gonfio pieno dì'aria..l'aria passa a scatti così come le feci e solo se mi metto di lato.il prolasso è nel sigma non c'entra niente l'ampolla rettale.volevo chiederle è questa l'ernia di richter?ho letto su internet di questa ernia..ho bisogno di essere aiutato ma perchè non mi crede e capisce nessuno?perchè io mi aiuto col dito?e se non mi stimolassi a quest'ora vomiterei ogni giorno.io non c'è la faccio più sono stanco di vivere così se dico che appena mi inseriscono il tubo della rettoscopia mi sento liberare il sigma perchè non mi crede nessuno?come si fa per diagnosticare questa ernia?che devo fare?aiutatemi

[#99] dopo  
Utente
Salve dottore le scrivo dopo mesi e mi sono sottoposto a intervento starr ma non ho risolto nulla,anzi ho tutti grumoli all'interno.il defecogramma dice protrusione e tendenza all'invaginazione.adesso ho contattato unaltro chirurgo al quale per telefono gli ho letto il referto e mi ha spiegato che la protrusione sarebbe 1 ernia..ed proprio quello che mi sento io!ecco il motivo del perchè mi stimolo perchè questa carna prolassata mi fa da tappo e mi disturba anche il pene infatti ho sempre il lato dx dell'addome gonfio pieno dì'aria..l'aria passa a scatti così come le feci e solo se mi metto di lato.il prolasso è nel sigma non c'entra niente l'ampolla rettale.volevo chiederle è questa l'ernia di richter?ho letto su internet di questa ernia..ho bisogno di essere aiutato ma perchè non mi crede e capisce nessuno?perchè io mi aiuto col dito?e se non mi stimolassi a quest'ora vomiterei ogni giorno.io non c'è la faccio più sono stanco di vivere così se dico che appena mi inseriscono il tubo della rettoscopia mi sento liberare il sigma perchè non mi crede nessuno?come si fa per diagnosticare questa ernia?che devo fare?aiutatemi

[#100]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
L'ernia di Richter, che io sappia, è tutt'altra cosa. Ma qualsiasi conformazione anomala del sigma si sarebbe comunque vista alla defecografia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#101] dopo  
Utente
Salve dottore,scusi allora la protrusione cos'è?non è come 1 ernia?la tendenza all'inavginazione a cosa si riferisce?all'ampolla rettale?l'intervento fatto non ha operato vicino il sigma dove io ho e ho sempre sentito l'ostacolo,ma solo l'ampolla rettale ma forse l'intervento starr arriva a fare solo questo cioè l'ampolla rettale reseca ma allora va fatto 1 altro intervento più serio?io riesco ad evacuare a fatica e poi si ferma solo feci a poco a poco anche liquide ma non riescono ad uscire le tocco col dito li in alto verso il sigma,spingo ma non vanno quando spingo sento la carne che mi fa da tappo e solo dopo varie manovre si dilata sta parte prolassata e vanno uscendo altre piccole feci che ovviamente poi cerco di spingere io contraendo gli addominali.il lato dx dell'addome rimane sempre gonfio pieno d'aria(con rumori spesso) e si vedono come 2 corde coliche tirate solo sul lato dx a sx non ho nulla.anche emettere aria diventa un dramma esce a scatti o solo messo a letto di lato in sostanza se io avessi quest'ultima parte del sigma davvero libera io starei bene.mi sento dire "è uno spasmo del colon,cioè della sindrome dell'intestino o colo irritabile"ma lo spasmo non è 1 dolore?io non ho dolore ho peso gonfiore e allo spingere le feci mi sento "strozzare" l'ultimo tratto di colon.avevo la glicemia a 109 prima di operarmi e la bilirubina a 1.21 non so se c'entrano qualcosa poi stanotte ho trovato cibo a pezzi tra le feci liquide che ho espulso sempre a fatica non so cos'erano se ra la mela che avevo mangiato.infine le volevo chiedere a distanza di + di 2 messi posso effettuare 1 rettoscopia o 1 colonscopia o magari 1 defecografia?giusto x capire cosa e se qualcosa è cambiato rispetto a prima di operarmi anche se io so già non è cambiato nulla se non in peggio cio questi grumoli dentro l'ampolla rettale e ancora 1 graffetta che non vuole saperne di cadere.la prego di darmi delle risposte alle mie domande gli amici mi vedono sofferente sempre magro e anche io mi vedo e mi sento che sto male.cordiali saluti.

[#102]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Una defecografia di controllo forse potrebbe servire, ma da qui non posso esserne certo: ne deve parlare col suo curante, oppure con chi l'ha operato.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#103] dopo  
Utente
Capisco perfettamente lei da qui non può far nulla,ma diciamo per capirci io qualcosa lei cosa pensa possa essere in base ai miei sintomi?sempre il colon irritabile?però alcune cose non sembrano avere a che fare col colon irritabile tipo peso al pene che si rilassa solo quando evacuo tutto oppure la notte dormo male mi sveglio con rumori e peso allo stomaco e per forza di cose devo stimolarmi altrimenti scoppio.comincio ad essere davvero preoccupato non ne posso più è 1 inferno finirò per esser tagliato tutto.aggiungo che l ecografo mi disse sembra esserci un ernia,facciamo 1 tac x esserne certi..la feci e non risultò nulla però a lui all ecografia risultava 1 specie d ernia quando mi sforzavo come x andare di corpo,infatti io quando spingo mi sento 1 tappo e a prescindere da cosa mangio le feci pur liquide non escono.inoltre come le scrissi nei precedenti consulti quando andai al pronto soccorso mi dissero di prendere il selg 1000 ma anche in quel caso era acqua e non poteva passare se non introducevo il dito e passava a scatti..mi viene da piangere perchè è 1 cosa troppa brutta difficile da spiegare e da individuarsi voglio essere ricoverato e aver fatti tutti gli esami del caso non c'è la faccio davvero più sono disposto ad andarmene dalla mia città non ne posso più di soffrire così,non ho motivo di fare così se non mi sentissi davvero male e mi da rabbia vedere che le cure fatte l'alimentazione sana non danno frutti.capisco lei non mi ha mai visitato ne operato ma ormai vado da chi mi ha operato e dice nulla..è possibile sta storia?non si va da nessuna parte non posso lavorare esco x pochi minuti non divertendomi x niente la mia vita finirà così?io non voglio rassegnarmi vorrei poter avere 1 po di pace nella mia vita e poter vivere 1 vita dignitosa ma col passare dei giorni mi accorgo sempre + che mi spuntano magari altri problemi e la mia gioventù è finita così e a breve anche la mia vita di questo paso.i miei familiari hanno speso milioni x moltissimi esami che poi sono sempre gli stessi rettoscopie,colonscopie e defecografie analisi del sangue..ma sto punto forse ci sono latri esami del sangue da fare che magari non ho ancora fatto o altri esami ma io non posso continuare così a girare medici non ho più le possibilità economiche ma x farmi ricoverare x accertamenti che devo fare?devo essere quasi morto?quando sono con gli amici spesso fingo di stare bene e fingo e rido con loro ma dentro sto malissimo.che cosa mi rimane da dire e da fare?mi rendo conto sono 1 "peso" anche x i miei genitori perchè mi vedono tutto il giorno a letto o al bagno e pensano sia impazzito e mi dicono "cosa vuoi che facciamo?" loro non hanno colpe nessuno ha colpe se non i medici che visitandomi hanno sottovalutato e non mi ricoverano e provano a farmi fare esami più specifici se io accuso sempre questi stessi sintomi che col passare degli anni si accentuano e nel mentre spuntano altri problemi alla vista x esempio,allergie e io non so cosa curarmi prima ho tutto io!!ma la primaria è questa dell'addome-colon-intestino.so già sembro 1 paziente che ha bisogno di 1 psicologo per quanto e come scrivo ma in realtà so solo io quello che mi sento e come mi sento male.scusi sempre per lo sfogo mi scuso quasi per stare male mi prendo la colpa di una cosa che in realtà non è colpa mia.cordiali saluti.

[#104]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Capisco il suo sfogo. Per prima cosa però dovrebbe cominciare a curare il suo colon irritabile; anche dal punto di vista psicologico, che è un buon 50% di causa principale per la Sindrome del Colon Irritabile in qualunque paziente, dunque anche per lei.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com