Utente 295XXX
Buonasera a tutti, proprio questa mattina mi sono sottoposta ad una visita proctologica a causa di forti dolori durante la defecazione e sangue, ci sono stati giorni in cui il dolore si diffondeva anche nella piegatura del gluteo. Attualmente la fase del sanguinamento è passata ma resta il dolore. A seguito di una rettoscopia mi viene scritto questo "La rettoscopia mostra una mucosa normale e feci normali in ampolla nei tratti eslporati. Ragade posteriore. Si consiglia trattamento ragade con Proctosedyl 3 volte/die pomata per15 giorni, V.S.L. 3 a giorni alterni rivalutazione tra sei settimane" Ho acquistato in farmacia la crema rettale ma sul bugiardino vedo che è indicata per le emorroidi. C'è stato un errore? Come agisce questa crema, è un cicatrizzante? Inoltre vorrei porvi una domanda un pò delicata che non ho avuto il coraggio di chiedere al medico. Poichè il dolore era forte per un bel pò non ho fatto sesso vaginale con il mio compagno. Vorrei capire se fino a che la ragade non si sia rimarginata qualche movimento interno possa crearmi traumi, sottolineo che non pratico sesso anale. Vorrei capire anche quando potrò riprendere a fare sport, ho sempre paura di fare movimenti che possano peggiorare le cose! Un'altra domanda di solito vado di corpo 2 volte al giorno con feci normali, è meglio reprimere l'istinto il più possibile così da limitare un trauma? é possibile che la paura quando sto defecando m'irrigidisca i muscoli e mi faccia sentire più dolore? Grazie mille

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Non si preoccupi . Il sesso non fa male alla ragade ed è importante mantenere le feci morbide per non traumatizzare la lesione anale.
Evitare la stipsi è importante. Può praticare sport. La pomata è a base di cortisone (effetto antiinfiammatorio) e anestetico ( riduzione del dolore).

Cordialmente
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente 295XXX

Grazie Dr Cosentino,
è stato molto esaudiente, in effetti le mie feci non sono mai state dure anzi sempre morbide e di piccole dimensioni, premetto che prima bevevo pochissimo a volte solo un bicchiere d'acqua al giorno e non consumavo verdure, solo ogni tanto una mela o una banana. Attualmente ho eliminato fritture, cioccolata e latticini(cibi piccanti alcolici ecc ne ho sempre presi raramente), bevo 2 litri d'acqua al giorno, mangio tre frutti al giorno, verdure pesce e carni bianche uniti a pasta. La cosa che ho notato però che anche se le feci son rimaste morbide hanno dimensioni spropositate rispetto a prima e ho paura che questo possa essere un problema per la ragade, è colpa di qualcosa di sbagliato ancora nell'alimentazione? Le parlavo di sport, io pratico ginnastica aritistica che prevede comunque una particolare tensione dei muscoli. Posso farla ugualmente?
Se dopo i 15 giorni di cura con la pomata non dovesse passarmi il fastidio in attesa del consulto medico tra sei settimane posso utilizzare ancora la crema o magari usare dell'altro! Grazie mille ancora

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Ottima la sua alimentazione e le feci morbide anche se abbondanti non determinano problemi alla ragade. Ok per la ginnastica ed il ciclo di terapia può essere ripetuto, ma forse (se non si ottengono risultati soddisfacenti) è meglio cambiare strategia.

Saluti
Dr Felice Cosentino, Clinica La Madonnina - Milano
Gastroenterologia/Endoscopia, Centro per la Disbiosi intestinale.
www.endoscopiadigestiva.it

[#4]  
Dr. Roberto Bassi

20% attività
0% attualità
12% socialità
CREMA (CR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Gent utente,
concordo con il collega che mi ha preceduto sottolineando l'importanza,oltre che della regolarizzazione dell'alvo, dell'utilizzo dei probiotici che Le sono stati consigliati.
Dopo un periodo di trattamento con il farmaco che Le è stato consigliato, faccia valutare al proctologo che la segue la possibilità di utilizzare un cicatrizzante come l'acido ialuronico che può essere utilizzato sia in forma di supposte che di crema.

Cordiali saluti
Dr. Roberto Bassi

[#5] dopo  
Utente 295XXX

Grazie mille per la vostra disponibilità! Ho chiesto al chirurgo che mi ha dato una risposta molto laconica, devo finire la sua cura e tornare tra sei settimane, io ho effettuato la visita in ospedale e lui ha esordito che non ricorda il mio caso specifico. La questione è questa dopo una settimana io non ho nessun giovamento, ora giorni vado solo una volta in bagno giorni due e quelli sono i peggiori, perche nonostante le feci siano mobidissime brucia come se avessi un acido. La questione si sta aggravando perchè in una settimana da 52 kg sono diventata 45 kg con l'alimentazione che sto seguendo. Bevendo così tanto mangiando frutte e verdure e pasta mi sento gonfia come un pallone. A pranzo e cena non ho più lo stimolo della fame, l'unico momento in cui l'ho è la mattina dopo aver defecato a cui segue poi la colazione. Prima che mi capitasse ciò andavo in bagno dopo ogni pasto, dopo pranzo, dopo cena e non sempre dopo colazione. Ora e come se mi sentissi appesantita, mi sento poi senza forze, prima mangiavo molte carni rosse, cioccolata, cibi dolci,fritture e piatti elaborati senza frutta e verdura e come dicevo su bevevo uno o due bicchieri d'acua tutto il giorno. Ora non so perchè questa alimentazione più sana mi sta appesantendo e indebolendo. La questione ancora più strana e che mi sveglio in continuazione durante la notte guardando l'orologio e pensando che se la mattina dopo non vado in bagno e magari salto un giorno potrei vedere ancora di più le stelle. Ho paura che attendere sei settimane possa portarmi condizioni ancora più gravi, perdere altri Kg può essere deleterio.
Cosa potrei fare?
Grazie ancora

[#6]  
Dr. Roberto Bassi

20% attività
0% attualità
12% socialità
CREMA (CR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
gent. utente,

effettivamente il trattamento conservativo di una ragade anale acuta richiede tempo e forse è un pò presto per aspettarsi dei risultati significativi. Se l'alvo è regolare provi ad effettuare dei semicupi tiepidi prima e dopo ogni evacuazione per ridurre il dolore.
In caso contrario dovrà farsi rivalutare dal suo proctologo e con lui verificare la possibilità di sostituire la pomata cortisonica ed anestetica con un cicatrizzante e riepitelizzante naturale come l'acido ialuronico associandolo eventualmente ad analgesici da prendere al bisogno.
Cordiali saluti
Dr. Roberto Bassi

[#7] dopo  
Utente 295XXX

Grazie mille, per i vostri consulti e mi scuso semplicemente perchè i tempi lunghi mi snervano sempre tanto. Ieri non contenta della risposta del proctologo mi sono recata dal mio medico curante il quale mi ha detto che dopo i 15 giorni del Proctosedyl posso iniziare con Androlyn. Vorrei capire come agisce questa sulla ragade. Per quanto riguarda l'alimentazione il medico mi ha detto di variare ,verdura e frutta sempre presenti ma mangiare un pò di tutto, tranne insaccati, cioccolata e preferibilmente i legumi si ma passati. Vorrei sapere se è bene vietare dell'altro. Premettendo che la mia ragade è stata causata da diarrea, perchè purtroppo ho preso l'influenza tre volte quest'inverno, ho notato questa cosa che quando riesco a defecare in maniera più compatta il dolore è quasi assente se non duranante il passaggio, quando invece le feci sono più morbide accompagnate a volte da una componente più acquosa (cioè ci son pezzi compatti che si sfaldano perchè acquosi) sento un gran bruciore che parte nel punto dove c'è la ragade e si propaga per tutta l'apertura dell'ano. Come se questo liquido fosse acido che brucia.
Possono essere queste feci un pò meno compatte ad aggravare la situazione? Ho provato con semicupi purtroppo posso farlo solo la sera perchè il giorno sono in ufficio, posso aggiungere magari qualcosa nei semicupi tipo bicarbonato, acqua ossigenata o sale marino? Grazie mille

[#8]  
Dr. Roberto Bassi

20% attività
0% attualità
12% socialità
CREMA (CR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Gent utente,
Antrolin e' una associazione tra un miorilassante che riduce l'eccessivo tono del canale anale ed un anestetico. Per i semicupi può utilizzare un blando antisettico diluito come la clorexidina al 3%.
Cordiali saluti
Dr. Roberto Bassi

[#9] dopo  
Utente 295XXX

Grazie Dottore,
ieri sera ho effettuato l'ultima applicazione di Proctosedyl. Questa ,mattina mi son svegliata a posta per andare in bagno e come per magia il dolore in prossimità della ragade non lo sentivo più, ma ho sentito un bruciore pungente sul lato destro della bocca dell'ano che è passato in pochi minuti. Son ritornata a letto e dopo un'oretta son dovuta scappare in bagno e ho defecato di nuovo sebbene in minor misura con feci soffici e con tanta aria, solo che ho sentito nuovamente un pizzichio sulla ragade ed è caduta una gocciolina minuscola di sangue sulla carta quasi inpercettibile!Questo non mi capitava da prima della visita del proctologo!!Il dolore si è calmato dopo poco e ho inserito la pomata Antrolin per la prima volta e ora sento bruciore attorno all'ano e come se pulsasse. Nelle risposte precendenti mi era stato detto che Il Proctosedyl ha cortisone come antinfiammatorio mentre l'antrolin no, è possibile che abbia risentito della mancanza dell'antifiammatorio? Mi consiglia di continuare comunque? Il bruciore che ho sentito in un altro punto, potrebbe essere dato da infiammazione?
Colgo l'occasione per augurare a tutti buona Pasuqua!
Grazie

[#10]  
Dr. Roberto Bassi

20% attività
0% attualità
12% socialità
CREMA (CR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Gent utente,

come già sottolineato la terapia conservativa della ragade richiede tempo!
Le consiglierei di proseguire con la terapia e farsi rivalutare dal proctologo tra un mese.

Ricambio gli Auguri.
Dr. Roberto Bassi

[#11] dopo  
Utente 295XXX

Buongiorno,
è vero non ho molta pazienza, mi sono recata prima del tempo dal proctologo che mi ha fatto un'altra rettoscopia e mi ha chiesto di fare alcuni esami del sangue e in aggiunta quello delle feci per escludere altre patologie. Son ritornata ma gli esami erano buoni quindi c'è solo la ragade da curare. Mi ha visitato e detto che la ragade è quasi guarita e di continuare per un'altra settimana con il proctosedyl, poi mi ha dato il dilatan 10 giorni la misura piccola, 10 la media e 10 la grande una volta al giorno per 5 minuti. Ha detto che serve per creare delle microlesioni e non far più ricomparire ragadi! Quando gli ho chiesto se poteva darmi un cicatrizzante ha detto che il proctosedyl già lo è! Ma io invece so che non è così, intanto io stavo usando l'antrolin e non più il proctosedy! Vorrei capire come agiscono questi dilatatori anali e se provocano dolore o controindicazioni! Io sono di statura molto minuta e ho paura che la misura grande possa crearmi problemi!
Grazie mille anticipatamente.

[#12]  
Dr. Roberto Bassi

20% attività
0% attualità
12% socialità
CREMA (CR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Gent utente,

dalla visita eseguita risulta che la ragade sta guarendo, questa è una buona notizia!
E' importante tuttavia ricordare che per mantenere i risultati nel tempo è fondamentale un alvo regolare.
I dilatatori termici hanno lo scopo di ridurre il tono (ossia la pressione) nel canale anale che probabilmente è ancora superiore alla norma.La loro funzione si esplica sia con l'effetto "meccanico" della dilatazione provocata dall'itroduzione del dispositivo che attraverso il calore emanato dallo stesso,tenendo presente l'effetto rilasciante sui muscoli e,quindi sugli sfinteri, indotto dal calore moderato.Ovviamente vanno usati gradualmente secondo le istruzioni che il collega le avrà fornito.
Il proctosedyl è una associazione tra un cortisonico ed un anestetico locale.

Cordiali saluti
Dr. Roberto Bassi

[#13] dopo  
Utente 295XXX

Grazie per i vostri consigli,
la cura sta procendendo ed ho paura a dire che già mi sento meglio, perchè si sa che le ragadi sono un'altalena. Anche se il medico mi ha detto di tenere il dilatatore 5 minuti io cerco sempre di tenerlo una decina di minuti. Non ho molto dolore, solo nel momento del passaggio sulla ragade, comparando il dolore, mi fa più male quando mi passa il dilatatore su ora che quando vado in bagno. Non è che può avere un effetto negativo questo sollecito continuo? Lo chiedo perchè durante il giorno non ho atroci fastidi, ma dopo l'applicazione un pò sento pungere. Il chirurgo oltre a queste cose mi ha dato il fibrolax, mi trovo molto bene, però mi chiedo, nel momento in cui finirò la cura me lo ha dato per 40 giorni, torerà tutto come prima? O questo fibrolax è curativo? Io come dicevo in passato vedo giornaliermente in bagno, in periodi con feci a volte forse troppo acquose e in altre normali. Ora la cosa ke è cambiata è che sento come un gel ke facilità e a volte racchiude il tutto! é da considerare che comunqe alimentazione migliore di quella che sto seguendo, non so che potrei fare! Bevo 2 litri di acqua al giorno e frutta e verdura in quantità!
Ora sono ancora alla misura piccola del dilatatore e mi chiedo se la ragade sarà curata quando non sentiro più nulla al suo passaggio o comunque continuerò a sentire anche se non dolore, fastidio?
Grazie mille ce la sto mettendo tutto per guarire!