Utente
Dopo 5 mesi di sofferenza e molti tentativi di automedicazioni con prodotti da banco, creme di ogni natura, a seguito di visita proctologica e colonscopia mi sono state diagnosticate emorroidi interne ed esterne di terzo grado nonché una ragade sull'orifizio anale, esterna posteriore. Ho uno sporadico e modesto sanguinamento e solo in occasione della defecazione. La terapia prescritta è la seguente: Triade H buste, Phillogel buste e le pomate Ratanhia, Ozonia 10 e Lietofix. Dopo circa 30 giorni di cura i fenomeni si sono attenuati ma permangono fastidiosissimi. Volevo sapere se tale profilassi è indicata o se non sia il caso di considerare interventi più radicali anche se sono abbastanza dubbioso circa la soluzione chirurgica sia per i pareri discordanti dei pazienti in merito a dolore e percentuale di risoluzione, sia in merito alle metodiche assai diverse e dai pareri assai diversi dei chirurghi in merito. Tutto ciò disorienta abbastanza chi debba prendere una decisione. Grazie

[#1]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
Se la terapia è inefficace, la chirurgia è indicata ed esistono diverse soluzioni, sia per la ragade sia per le emorroidi.Una visita proctologica di controllo le permettera' di valutare e decidere. Prego.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore, ovviamente la visita di controllo è già in programma ma il fatto è che leggendo ho visto che le metodiche chirurgiche sono molte e non saprei quale scegliere. Non c'è univocità di vedute tra i chirurghi e i pazienti operati riferiscono di dolore post operatorio e di incontinenza fecale. Onestamente non è un bel quadro d'insieme per affrontare serenamente la soluzione chirurgica. Il mio proctologo certo mi consiglierà ma il dubbio rimane perché, giusto quanto ho premesso, nella mia mente di paziente resta il dubbio che consultando un altro proctologo otterrei un parere assai diverso.

[#3]  
Dr. Andrea Favara

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MARIANO COMENSE (CO)
CANTU' (CO)
COMO (CO)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
In realta' i pareri non sono poi cosi' diversi. Escluda subito l' incontinenza fecale dai suoi timori. Il dolore invece, pur essendo soggettivo, raramente è un problema e quando lo è , sempre ben controllabile da terapia adeguata.
Dottor Andrea Favara
http://www.andreafavara.it