Utente

Buongiorno, ho 52 anni e da circa un anno soffro di forti dolori addominali irradiati alla schiena. L’esordio è stato improvviso, a metà dicembre del 2014, ma da allora i crampi sono sempre presenti. Inizialmente il mio medico si orientò su una forma di colite e mi prescrisse il Debridat e il Movicol e mi fece fare la ricerca del sangue occulto, che risultò negativa. Allo stesso tempo, poiché si pensava anche a un interessamento della prostata, feci un esame ecografico dell’addome completo. L’ecografia evidenziò prostata ingrossata, con un discreto residuo minzionale, e un principio di steatosi epatica. Poichè dalle analisi cliniche veniva fuori anche un principio di diabete, ho smesso di bere alcool e ho cominciato a tenere sotto controllo l’alimentazione. Per la prostata ho cominciato a prendere Tamsulosin e Avodart. Non riscontrando alcun miglioramento dal punto di vista del dolore, ho effettuato una colonscopia, con questo risultato ‘ Sigma ipersegmentato come per iniziale malattia diverticolare. Colon trasverso con alcuni diverticoli ad ampio colletto, area iperemica alla flessura epatica’ La biopsia della flessura epatica ha dato come risultato ‘Frammento di mucosa colonica con edema del corion e lipomatosi della sottomucosa’ Su questa base, ho fatto un ciclo di cura con Normix e Yovis. Anche questa cura non ha sortito effetto. Ho anche consultato un enteroproctologo, che si è espresso con una diagnosi di colon irritabile. Poiché i dolori continuano, il medico di base mi ha fatto rifare l’addome completo, che ha confermato la prostata ingrossata, con residuo minzionale, mentre il fegato presentava ‘ecostruttura finemente disomogenea, senza lesioni focali’. Ho consultato anche un urologo che, sulla base dell’uroflussometria, ha confermato la prostatite, ma ha escluso l’esistenza di un residuo postminzionale. Le funzioni intestinali sono regolari, con episodi diarroici, ed è presente forte meteorismo, per il quale prendo carbone vegetale. Sono anche dimagrito di quasi 20 kg, pur partendo, comunque, da un sovrappeso di 10 kg.
Non so più che fare. Allo stato, i dolori continuano, e l’unico modo per farli passare è prendere una bustina di Aulin, che mi calma i dolori anche per 24 ore. Gli antispastici non mi fanno effetto e anche altri antiinfiammatori non sono così efficaci.
Grazie a chi mi vorrà rispondere.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Colon irritabile e diverticolo si sono cause che spiegano ampiamente le motivazioni del suo dolore addominale e del conseguente meteorismo.
Un competente gastroenterologo (non esiste l' "enteroproctologo" come specialità)
è ampiamente in grado di assegnarle la giusta terapia.

P.S. Il suo account è assegnato ad utente di sesso femminile,
modifichi tale caratteristica per aiutarci ad orientarci correttamente nella analisi della sua storia clinica su Medicicitalia!
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
Innanzitutto grazie per la risposta. In effetti ho scritto in maniera errata la specializzazione del medico, che è specialista in colonproctologia. Lei pensa che un gastroentrologo possa essere di maggiore aiuto? A questo punto, sono disposto a tutto.
p.s. il titolare dell'account è mia moglie

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Non esiste nemmeno lo specialista "colonproctologo",
tale materia è competenza della gastroenterologia e della chirurgia generale.

Nel suo caso ritengo utile il gastroenterologo.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
di nuovo grazie e buona domenica

[#5] dopo  
Utente
Buongiorno dott. Quatraro, volevo comunicarle che, in seguito alla sua risposta, ho ricontrollato le credenziali del dottore che ho consultato, che risulta essere specialista in chirurgia colo-rettale. Come ho accennato nella mail precedente, avendo già effettuato una cura per la diverticolite, il dottore non ritenne opportuno ripeterla, e non mi diede altri medicinali. Volendo ora consultare un gastroenterologo, le chiederei se mi conviene effettuare qualche altro esame, in modo da andare con le analisi complete. Vorrei anche sapere se c'è qualche informazione che potrebbe essere utile al gastroenterologo, e che magari ho omesso nelle visite precedenti. Grazie e buona giornata

[#6]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
16% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il mio consiglio è di effettuare prima la visita,
gli accertamenti utili saranno conseguenti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it