x

x

Lesione non polipoide di tipo IIa

Ecco il mio quesito:
ho 65 anni, 3 anni fa , (febbraio 2013) ero stato sottoposto a polipectomia con dissezione sottomucosa e mucosectomia per una "neoformazione di tipo LST di 4 cm";l'esito istologico è stato" si riconoscono strutture adenomatose ad architettura tubulovillosa con displasia di di grado lieve-moderato (basso grado)"

a sei mesi (agosto 2013) il controllo non rilevava alcunchè

Ieri ho effettuato la colonscopia di controllo e questo è l'esito
1. "a livello del colon destro, lesione non polipoide tipo IIa , verosimilmente su cicatrice in esiti di mucosectomia: biopsia".
2. "Polipo iuxtavalvolare di 3 mm: polipectomia"

A colloquio il medico prospetta una mucosctomia per eliminare tale lesione ( vedi 1) alla luce del referto istologico (ancora non disponibile), con un intervento di circa 1 ora in anestesia generale. Ovviamente mi ha presentato le possibili complicazioni dell'intervento ( emorragia, perforazione dell'intestino o ustione allo stesso, dato che ha definito "dura"la parte da togliere).

Ecco le mie domande:
- in caso di esito tranquillizzante della biopsia, è lo stesso necessario tale intervento?
- non capisco il livello di gravità della diagnosi istologica di tre anni fa (strutture adenomatose ad architettura tubulovillosa con displasia di grado lieve-moderato): èpreoccupante? mi può delucidare?
- il medico definisce la attuale lesione "non polipoide": è un eufemismo che nasconde qualcosa di grave, dato che non abbiamo risposta dell'analisi istologica?

Grazie in anticipo.
[#1]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,9k 250 2
Gentile utente, la displasia di grado lieve-moderato,non è preoccupante, la lesione non polipoide,presume una lesione piatta che va tolta endoscopicamente con la tecnica che le hanno prospettato.
Saluti

Dr. Sergio Sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza/

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio, ma, secondo lei, è indispensabile toglierla? E se sì, perché?
[#3]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,9k 250 2
Sì perché con il tempo può degenerare.
[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora, anche per la rapidità della risposta. Il rischio che presentano è molto alto?
[#5]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,9k 250 2
No è un rischio accettabile per una persona in condizioni generali buone.
Saluti
[#6]
dopo
Utente
Utente
Che dire? Non posso che ringraziarla ancora per la cortese, sollecita e chiara risposta. Ho di che riflettere ora e ne discuterò con il mio medico, bilanciando pro e contro.
[#7]
dopo
Utente
Utente
Mi scuso ancora, forse sono stato affrettato nel leggere e risponderle, ma intende che il rischio che degenerino è molto basso o che il rischio dell'intervento per asportarle è molto basso?
[#8]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,9k 250 2
Il rischio che la lesione possa degenerare è dimostrato ampiamente, il rischio accettabile al quale ci riferiamo invece è per il trattamento.
Saluti
[#9]
dopo
Utente
Utente
Grazie ancora.
[#10]
Dr. Sergio Sforza Chirurgo generale, Chirurgo apparato digerente, Colonproctologo, Chirurgo d'urgenza 7,9k 250 2
Di nulla e auguri

Conosci l' endometriosi? Scoprilo con il nostro test