Utente
Salve, mi chiamo Davide ho 35 anni.Descrivo in breve la mia situazione che mi preoccupa, io soffro da tantissimi anni di colite, penso sia cronica visto che dopo giorni o mesi dove sto bene la situazione si ripresenta sempre. Nel corso degli anni ho fatto diversi indagini strumentali e l'anno scorso anche una visita dal gastroenterologo, ho effettuato ecografia addome completo quest'anno per vedere gli organi,gastroscopia quest'anno, l'anno scorso rettosigmoidoscopia e esame feci con sangue occulto. Tutte le indagini svolte sono andate bene, pero' i miei sintomi mi perseguitano sempre. Premetto che sono un tipo estremamente ansioso, sto sempre in ansia e nervoso e mi sento tremare dentro, e' una condizione che ho da circa 15 anni, in questo periodo sto molto male da questo punto di vista.A livello di colon ho un dolore localizzato al centro ( dolore che a volte sembra pungere), zona ombellicale, a volte anche sul lato sinistro in basso,quando devo andare in bagno il dolore mi aumenta tipo crampo per poi attenuarsi dopo aver defecato. Ho sempre la pancia gonfia e mi brontola, quando il dolore aumenta a volte mi viene di fare una flautolenza e il dolore diminuisce, quindi penso che sia gas all'intestino.A volte soffro di diarrea e di feci morbide e sottili, proprio la forma delle feci mi tormenta non poco. Il medico di casa mi ha detto che la mia sindrone del colon irritabile sia dovuto soprattutto al mio stato ansioso, in effetti mesi fa ero piu' tranquillo e stavo bene poi ho avuto una ricaduta di ansia e nervoso e il mio intestino e' tornato a far capricci.Sono consapevole che fare fare una diagnosi a distanza e' impossibile, pero' chiedo se questi sintomi possono essere causati dal mio stato psicologico, dalla mia vita sedentaria, perche' temo fortemente di avere qualcosa di grave anche se il mio medico me lo esclude, guardo sempre la forma delle feci ormai e' diventata un'ossessione devastante. Sto curando questi miei sintomi con lo yovis che mi da un po' di sollievo e con lo spasmomen che mi fa passare il dolore. Cerco un parere da uno esperto, grazie

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
A distanza non possiamo confermare o mettere in dubbio la diagnosi fatta da chi l'ha visitata, da quello che riferisce la diagnosi di Sindrome dell'intestino irritabile è condivisibile!
In assenza di un miglioramento con terapia farmacologica potrebbe essere utile il supporto di uno psicologo.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente
Grazie dottore per la risposta, un ultima domanda, per aumentare la consistenza delle feci visto che sono molto morbide e il diametro che cibo posso assumere,grazie.

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Sono numerosi gli alimenti che non interferiscono con la consistenza delle feci, tra questi sono da prendere in considerazione: pane bianco senza mollica, pane bianco tostato, fette biscottate, riso, semolino, uova in camicia o sode , carni magre (manzo, pollame, vitello, bresaola, prosciutto (cotto o crudo), pesce lesso o al forno, carote, lattuga, patate, spinaci,albicocche, ananas, banana, limone, mele, pesche, pompelmo.
Se non ha particolari "intolleranze",per alcuni di questi alimenti, potrebbero esserle di aiuto.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente
Dottore, ora sto meglio non ho dolori se non quando vado in bagno, ma le feci sottili sono sempre la a tormentarmi, ho il serio dubbio che possa essere un polipo che ostruisca il passaggio delle feci altrimenti come si spiegano, mah

[#5]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Una visita colonproctologica con proctoscopia sarà più che sufficiente per escludere la presenza di un polipo che ostruisce.
A distanza non possiamo esserle ulteriormente di aiuto.
Ci tenga informati, ma non prima di aver consultato un colonproctologo.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#6] dopo  
Utente
Le feci sono tornate sono normali, il medico di base mi ha consigliato come lei una visita dal psicologo, visto che la situazione scatenante e' il mio forte stress, grazie per le risposte e la giusta valutazione, buon lavoro.

[#7]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Di nulla.
Grazie
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com