Utente 125XXX
Salve,
sono un ragazzo di 37 anni.
Sono,da sempre, stato stitico.
A lungo andare, la stitichezza ha provocato l'insorgenza di problemi proctologici.
Le emorroidi non mi hanno mai dato problemi di dolore,bruciore, prurito ecc..I sanguinamenti sono stati molto sporadici.
Cerco di contrastare la stipsi mediante l'assunzione di frutta, verdura, acqua e lattulosio. Non prendo più il lattulosio da tempi.
D'improvviso, Sabato sera,ho rilevato un emorroidi edematosa, ma non dolente.
Domenica ho evacuato con difficoltà.
Lunedì mattina, l'emorroide è divenuta molto dolente, dolori lancinanti.
Il medico curante mi ha parlato di tromboflebite emorroidaria.
Mi ha prescritto: Daflon(6 compresse al dí),Fortilase (2 compresse al dí),Proctosedyl (tre applicazioni al dí).
Il primo giorno non riuscivo a deambulare, coricarmi,alzarmi, sedermi.
Il secondo giorno di cura i dolori sono scemati.
Giovedì, ho evacuato, per ben due volte,e,a differenza dei giorni precedenti, ho riscontrato sangue rosso vivo su mutandine,carta igienica, tovaglia del bidet.
Ho contatto il medico curante mi ha detto che,tali sanguinamenti, indicano che il trombo inizia a sgonfiarsi. Il che è positivo.
Mi ha detto di sèguitare con la cura.
Gli ho detto se gradiva prescrivermi trombociti, ma ha opposto un diniego.
I dolori sono diminuiti. Di frequente sono colto da fitte.Durante le quali sembra come se il gavocciolo fosse tirato verso l'alto.
Sono,ancora, in tempo per una incisione?
La terapia di cui sopra, a vostro dire,va bene?Servirebbero trombociti?
Quando passeranno le succitate fitte?Queste ultime a cosa sono imputabili?
Io cammino sempre a piedi e porto pacchi di spesa,quando potrò riprendere?
Faccio palestra, senza eccedere nei pesi(non vado oltre 10/20KG),quando potrò riprendere?
La palestra ed il deambulare a piedi possono avere determinato la patologia di cui sopra?

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Dalla descrizione sembrerebbe un ematoma parianale che si è ulcerato ed ha sanguinato, a questo punto non c'è più indicazione all' incisione.
Tramite questo mezzo non commentiamo le terapie prescritte da altri colleghi e non diamo indicazioni su farmaci.
La sintomatologia migliorerà con il regredire della congestione dell'ematoma, un suo completo riassorbimento richiede anche settimane, può riprendere da subito le normali attivita(passeggiare fare la spesa, etc.) attenda ancora qualche giorno prima di iniziare la palestra e non prima di una visita specialistica colonproctologica.
Cordiali saluti.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com