Utente 475XXX
Salve

Da un paio di mesi soffro di prurito anale. Una mattina ho avuto forti dolori dopo la defecazione che si son poi trasformati in una sorta di "spasmi" della muscolatura del pavimento pelvico (specie quelli che rivestono il colon nella parte finale) e senso di peso per il quale stare seduto mi risultava praticamente impossibile. La sensazione di perenne tensione della muscolatura migliora con l'assunzione del farmaco kolibri.
Son andato da un proctologo che mi ha diagnosticato una ragade anale e ipertono sfinteriale (tale per cui non è stato possibile usare l'anoscopio ma solo il dito ).
Premetto che ho avuto 5 gastroenteriti quest'anno (di cui 2 negli ultimi due mesi, ho una bambina d 2 anni che va al nido e me le porta a casa purtroppo, io le prendo più toste di lei). Dopo l'ultima ho avuto i problemi sopra citati. Il mio problema è che l'ipertono sfinteriale penso di averlo sempre avuto (anche ad una visita prostatica fatta per prevenzione 10 anni fa l'urologo mi aveva detto che avevo " l'ano stretto".
Ora l'ipertono è migliorato usando levorag e kavans e il dolore alla defecazione è minimo. Permane però il prurito, specie quando faccio sport (bici e corsa) o cammino.
Può avere la ragade dei legami con la diarrea delle gastroenteriti?
È meglio sospendere l'attività ciclistica o non c'entra niente? (Premetto che io mi alleno in bici 1-2 volte al giorno da 20 anni essendo un agonista)
È il caso di fare un test delle intolleranze alimentari? (Ho notato un peggioramento netto dei sintomi mangiando cioccolata e burro di arachidi)
Domanda da 1 milione di dollari:è la ragade che causa l'IP. Sfinteriale oppure è quest'ultimo che crea un "terreno fertile" per l'insorgere della ragade?

Grazie per le risposte

[#1]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente è l'ipertono che impedisce la guarigione e sostiene la permanenza della ragade e non il contrario, la bicicletta per il suo problema non è lo sport consigliabile, la diarrea e le gastroenteriti possono peggiorare la sintomatologia di una ragade ma non derivano dalla sessa. I test di intolleranza sono utili soprattutto per far luce diagnostica sulla diarrea e le gastroenteriti.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#2] dopo  
Utente 475XXX

Grazie 1000 per la risposta celere! Non ho spiegato probabilmente bene la sequenza dei fatti.
Prima ho avuto le gastroenteriti e dopo due di fila ravvicinate mi è venuta la ragade.
Per quello chiedo se la ragade può esser una conseguenza delle ripetute diarree che però ho solo quando ho le gastroenteriti altrimenti non ho mai ne diarrea ne stipsi, solo pancia gonfia e aerofagia ogni tanto specie nei giorni in cui sto molto seduto.

Ora il dolore durante la defecazione è appena percepibile e i dolori muscolari zona pelvica sono passati. È rimasto solo quello sgadevole prurito..

Perché la ragade provoca prurito? Significa che è in fase di guarigione o non c'entra niente?

[#3]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Può esserci prurito, la guarigione deve essere comprovata da una visita di controllo, ma è significativo che il dolore sia migliorato. La diarrea può riaacutizzare una ragade che comunque non è insorta per la diarrea.
Prego e saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#4] dopo  
Utente 475XXX

grazie nuovamente per le risposte.
ora la sensazione di muscoli sotto spasmo è praticamente completamente passata. ho solo un piccolissimo fastidio durante la defecazione (sangue non ne ho mai avuto).
ora sono passate due settimane dalla visita fatta col proctologo e sto mettendo levorag (solo la sera prima di dormire) e kavans due volte al giorno.
continuando con la terapia, posso tornare alla vita normale? (sport senza problemi, viaggi, ecc..).
c'è qualcosa a cui devo star attento per evitare che i muscoli dello sfintere si irrigidiscano di nuovo o che torni il dolore durante la defecazione?

grazie

[#5]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
No il levorag va messo per 2 e poi sospeso. Può riprendere l'attività fisica con buon senso, eviti per ora la bicicletta, l'unica prevenzione è evitare la stipsi e la diarrea con la giusta alimentazione.
Prego e saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#6] dopo  
Utente 475XXX

ok grazie.
indicativamente quanto devo aspettare ancora per la bici?

[#7]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Fino a quando non avrà più sintomi.
Prego
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza

[#8] dopo  
Utente 475XXX

buongiorno. ad oggi posso dire che la ragade vada meglio. durante la defecazione non sento praticamente più niente, non ho più bruciore e non sento più gli spasmi muscolari nella zona. solo un po' d prurito se faccio lunghe passeggiate. ho sempre molta paura che ritorni. com'è possibile prevenire il riformarsi/infiammarsi della ragade? facendo mente locale, prima che si infiammasse e si contraesse lo sfintere, ho avuto per circa un mese prurito anale (non in corrispondenza della ragade, che è più in alto, ma proprio sull'ano) e in seguito ad una "scorpacciata" di crema di cioccolato, l'indomani si è infiammata e li son cominciati i veri problemi.
cosa posso fare? se un domani dovessi avere dei sintomi di prurito persistente val la pena partire a razzo col levorag?
mi rendo conto che la mia domanda sia un po' "psicotica", ma col mio lavoro è veramente un problema se dovessero ripresentarsi.
pensa che val la pena comunque fare la sfinteroctomia, nel dubbio? preferisco star male un mese adesso però poi esser tranquillo.

grazie

[#9]  
Dr. Sergio Sforza

36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Per stare meglio deve cercare di controllare soprattutto il suo stato d'ansia, non ripeta domande a cui già ha avuto risposte e quindi rimangono sempre le medesime.
Saluti
Dr. sergio sforza
https://www.medicitalia.it/sergiosforza